fbpx
Giovedì, 26 Maggio 2022

ATTUALITA' NEWS

IL MISFATTO│''Io resto al Sud'' oppurtanita' da non perdere per i giovani calabresi

Posted On Lunedì, 01 Marzo 2021 18:47 Scritto da Riceviamo e pubblichiamo

Di tanto in tanto, sulle pagine di Facebook, appaiono gruppi di persone con la scritta "Io resto al Sud". Uno slogan ad effetto, però senza spiegazioni. Invece "Io resto al Sud" è addirittura un'iniziativa del Governo.

Riteniamo che siano pochi coloro i quali sono a conoscenza che il Governo finanzi delle iniziative per potere incentivare le persone a non abbandonare le regioni del Sud, trasferendosi al Nord in cerca di lavoro.

Il richiedente può richiedere un importo di 50mila euro se si tratta di un progetto individuale. Mentre, presentando progetti in società, la richiesta massime è pari a 200mila euro. La cifra richiesta viene finanziata al 100 per cento con un fondo perduto pari al 50 percento, mentre per la restante somma il prestito concesso è a tasso zero. Si inizierà a pagare il prestito a partire dal terzo anno. Il prestito è garantito dallo Stato fino all'80 per cento. Il 20 per cento rimane a carico del richiedente.

Ed ecco cosa è possibile finanziare:

-         spese per la ristrutturazione della sede operativa (non più del 30 per cento);

-         arredamenti, macchinari, impianti, attrezzature, software, tecnologie informazione e comunicazione; materie prime, semilavorati, utenze, affitti.

Spese non ammesse:

-         consulenze: fiscali, contabili, tecniche; spese notarili e spese per la costituzione della società; campagne pubblicitarie.

Le attività da potere creare:

-         bar, pizzerie, pub, ristoranti; B & B, affitta camere, case vacanze; estetica: parrucchieri, estetisti; le varie attività artigianali; trasformazione di prodotti agricoli; attività editoriali; attività creative, artistiche e di intrattenimento; riparazioni computer e di beni per uso personale e per la casa.

I requisiti per la presentazione della domanda sono i seguenti: non avere compiuto i 55 anni di età. Per maggiori informazioni: invitalia.it.

Rodolfo Bava