Sabato, 08 Agosto 2020

 

ATTUALITA' NEWS

Smuraglia (Anpi): «I tre significati del 2 giugno: la Repubblica, il voto alle donne e la Costituente»

Posted On Giovedì, 02 Giugno 2016 17:15 Scritto da

carlo smuraglia«Da tempo contestiamo - Carlo Smuraglia, presidente nazionale dell'Associazione nazionale partigiani d'Italia (Anpi) - che il 2 giugno possa risolversi in una parata militare o poco più. Abbiamo, nel tempo, accentuato il connotato di anniversario fondamentale per la vita del Paese; in seguito, abbiamo collegato al 2 giugno il tema della Costituzione, dando luogo anche a manifestazioni molto partecipate, d' intesa con la Cgil. Quest'anno, è impossibile celebrare il 2 giugno - scrive il presidente dell'Anpi - senza ricordare che nel 2016 si concentrano ben tre anniversari: la Repubblica, il voto alle donne e la nascita della Costituente. Tre anniversari che imprimono un carattere particolarmente significativo ad una Festa che, per noi, ha sempre avuto un'importanza del tutto particolare. A fronte di un interrogativo - commenta Smuraglia - che alcuni si sono posti, se il 2 giugno abbia rappresentato il punto di arrivo della crisi che portò il Paese fuori dal fascismo e dalla guerra, oppure il primo passo di un nuovo possibile cambiamento, ho personalmente ritenuto, sempre, che il tema fosse mal posto, perché in realtà, la vera fase conclusiva del periodo della dittatura fu l'8 settembre, che segnò anche l'inizio della fase di riscatto. Il 2 giugno - puntualizza Smuraglia - fu il giorno della scelta decisiva, influenzata solo in parte dal comportamento dei Savoia: la scelta se restare ancorati ai modelli del periodo prefascista, oppure avviare con determinazione il cammino, magari non facile, verso una democrazia, in cui i cittadini assumessero finalmente il ruolo chiave, attraverso la partecipazione. Per chi ha partecipato alla Resistenza - ricorda il presidente dell'Anpi -, una simile scelta non aveva alternative, perché in realtà ciò che si era voluto, tutti, era la fine della dittatura e la nascita di un sistema democratico, che andasse oltre, anche rispetto all'esperienza del periodo liberale. Molti di noi, il 2 giugno 1946, non ebbero dubbi, sembrandoci impossibile non trarre le conseguenze logiche e necessarie dell'esperienza che avevamo vissuto e dei sogni che avevamo coltivato. Del resto - prosegue Smuraglia -, nelle famose "aree libere", quando vi fu la possibilità concreta di sperimentare la democrazia, talora in forma poco più che primitiva, la definizione a cui si pensò, fu quella di "repubblica partigiana". La Repubblica fu, dunque, per molti, la speranza di un futuro diverso, nel quale non ci fosse più posto per qualsiasi forma di autoritarismo e tanto meno di "sudditanza" dovendo il popolo diventare, finalmente, il vero protagonista della scena politica. Non a caso, del resto, nel 1946, si decise, finalmente, di riconoscere alle donne il diritto di votare e di essere elette; ed anche questo era frutto di un'aspirazione certo lontana nel tempo (i movimenti femministi risalgono alla fine dell'800 ed alla parte iniziale del '900), ma consolidata con l'irruzione delle donne sulla scena politica, negli anni della seconda guerra mondiale e soprattutto tra il 1943 e il 1945, con l'assunzione di inedite responsabilità e compiti, come staffette, come partigiane, come protagoniste della Resistenza non armata, infine come componenti dei "gruppi di difesa della donna". È nel 1946 che si concretizza - spiega Smuraglia - quello che per molto tempo era stato il sogno impossibile e che ora, dopo la Resistenza, appariva come imprescindibile, al di là di ogni pregiudizio e di ogni timore. E non è un caso, che sempre nel 1946, e proprio a seguito del voto del 2 giugno, fu eletta l'Assemblea Costituente, si diede vita – cioè – al percorso che doveva creare le condizioni di vita e di rapporti politici e sociali (anch'essi sognati nella Resistenza e finalmente avviati alla realizzazione ) creando la struttura di quella che diventerà poi la nostra Costituzione, destinata a durare nel tempo. Per tutto questo - sintetizza il presidente del'associazione partigiani - , oggi il 2 giugno non può essere festeggiato solo come l'anniversario di una scelta, pur decisiva, ma deve essere considerato nel contesto di tutti gli anniversari che si celebrano nel 2016, perché fra di essi vi è un legame strettissimo e indissolubile (Repubblica, voto alle donne, Costituente), riconducibile ad un'unica matrice, la Resistenza ed alla volontà di riscatto del popolo italiano. Forse, nella mente dei vincitori del voto del 2 giugno, vi fu solo in parte questa consapevolezza complessiva; forse si coltivavano perfino speranze eccessive, al limite delle illusioni. Ma intanto il dado era tratto, con la forma di Stato, col riconoscimento del diritto universale di voto, con le basi gettate - con la Costituente - per una Costituzione radicalmente innovativa, che fosse di rottura netta col passato, ma anche di premessa ed impegno per un futuro socialmente, politicamente e democraticamente diverso. Tutto questo significa, dunque, oggi, il 2 giugno - puntualizza Smuraglia - e come tale lo festeggeremo, anche se attraversiamo una fase non facile ed anche se è in atto uno scontro proprio sulla Costituzione. Ma siamo intenti a "celebrare" la ricorrenza, non tanto sulla base del ricordo storico, quanto e soprattutto sulla base della conoscenza e della riflessione: per capire meglio chi siamo e da dove veniamo e per guardare ad un futuro che potrà essere ancora incerto, ma non potrà mai prescindere dalle scelte di settant'anni fa e di ciò - conclude - che hanno rappresentato e rappresentano tuttora nella vita e nei sentimenti del nostro Paese».