Giovedì, 24 Settembre 2020

ATTUALITA' NEWS

prefetto cara festa donneUna Festa della donna presso il Cda/Cara-hub di Isola Capo Rizzuto. «Il prefetto di Crotone Cosima di Stani – informa una nota – ha condiviso, con le ospiti del Centro governativo per migranti di Isola Capo Rizzuto, la ricorrenza dell’8 di marzo, quale giornata di impegno comune. Il prefetto, nel rinnovare l’impegno di accoglienza che la Legge assicura alle donne che fanno istanza di protezione internazionale ha tenuto a richiamare la riflessione dei presenti sul fatto che, oggi, soltanto attraverso la capacità delle donne il senso di comunità si sia arricchito, facendosi più concreto. E’ così al “Laboratorio Donne” del Centro di accoglienza è affidato il messaggio di dare prova dell’azione femminile. Ogni elaborato, espressione della creatività artistica e in taluni casi anche letteraria, diventa soprattutto testimonianza della ricchezza irrinunciabile dell’apporto femminile, quale antidoto più forte contro ogni discriminazione».

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

violenza donneSara' un "8 marzo" in controtendenza ma dal forte sapore simbolico quello proposto dalla Commissione pari opportunita' del Comune di Crotone. La Commissione presieduta da Maria Ruggiero, infatti, e' scritto in una nota, ha deciso di non promuovere in occasione della giornata della festa della donna nessuna iniziativa ma attraverso una "rumorosa" giornata di silenzio esprimere tutta la determinazione affinche' si ponga fine alla violenza sulle donne ed al femminicidio. "Un 'no' netto - prosegue la nota - alla celebrazione di una festa che non e' piu' tale ma invece un fermo segnale di partecipazione ad una battaglia di civilta'. La Commissione ritiene che bisogna anche sostenere il principio di condanne certe per chi si macchia di simili vili reati senza sconto di pena. La Commissione, attraverso azioni specifiche, condividera' questo 'silenzio' di condanna con tutta la comunita' cittadina".

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

festa donne«Il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei Diritti umani - scrive il presidente nazionale Romano Pesavento - in occasione dell'8 marzo, giornata dedicata alla commemorazione delle vittime di un' industria tessile di New York, in considerazione anche delle indicazioni scaturite nel corso della Conferenza mondiale sulle donne tenutasi il 26, 27 e 28 settembre 2015 a Milano, sottolinea la necessità di promuovere in tutte le scuole, non solo nell'ambito dell'insegnamento dei Diritti umani, ma come contenuti di carattere trasversale, l'effettiva parità tra i generi, non da intendersi meramente come principio inderogabile della Costituzione (art. 3 Cost.), ma soprattutto come "linea di comportamento" universalmente condivisa da realizzare concretamente nella realtà di ogni giorno».


«I femminicidi e le discriminazioni sociali - prosegue Pesavento - che tutt'ora funestano la nostra società sono ascrivibili a un'unica causa immediata: il mancato riconoscimento della dignità umana e del valore della donna. I mass media, incentrati sul consumismo, sulle sperequazioni e la mercificazione del corpo femminile indubbiamente disorientano i giovani. A scuola, però, si può e si deve intervenire cogliendo ogni opportunità per condannare qualsiasi forma di prevaricazione e per educare al dialogo, al confronto e al rispetto tra i sessi. A tal proposito il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei Diritti umani, durante il mese di marzo, invita tutte le scuole di ogni ordine e grado a sviluppare una serie di attività tese all'approfondimento di tale problematica: discussione in classe, proiezioni di film attinenti al tema, lettura di opere realizzate dalle scrittrici di ogni tempo. Ricordando le grandi intellettuali e i personaggi al femminile del passato e del presente è possibile coinvolgere e sensibilizzare i giovani in maniera più incisiva. Infatti, Ipazia, Madame Curie, Hanna Arendt, San Suu Kyi, Maria Montessori, Elisabetta I d'Inghilterra, Simone de Beauvoir, Giovanna d'Arco, Eleanor Roosevelt e tante altre ancora hanno contribuito al cambiamento della società e della storia, malgrado le avversità di un mondo ostile e maschilista».


«In un simile contesto - conclude la nota - sarebbe appropriato ricordare anche alcune eroine e/o vittime della mafia, che hanno perso la loro vita a causa della cieca barbarie della criminalità (vedi elenco). Solo rimuovendo gli ostacoli di natura ideologica/economica e contribuendo alla equiparazione tra gli individui è ipotizzabile la costruzione di un mondo più giusto e civile. Un esempio per tutti è il caso di Malala Yousafzai, la giovane Nobel pakistana che è diventata un simbolo della campagna a favore dell'istruzione di tutti i bambini e bambine del mondo. Non esiste autentico progresso per l'umanità senza il coraggio, il contributo e la forza delle donne».

Alcune donne vittime della mafia:
1. Ilaria Alpi
2. Luciana Arcuri
3. Rita Atria
4. Carmela Attrice
5. Barbara Rizzo Asta
6. Agata Azzolina
7. Maria Rosa Bellocco
8. Nicolina Biscozzi
9. Santa «Tita» Boccafusca
10. Annalise Borth
11. Marilena Braccaglia
12. Teresa Buonocore
13. Rita Cacicca
14. Graziella Campagna
15. Liliana Caruso
16. Rossella Casini
17. Ida Castellucci
18. Nicolina Celano
19. Margherita Clesceri
20. Maria Concetta Cacciola
21. Annamaria Cambria
22. Raffaella Chindamo
23. Rosalba Codispoti
24. Maria Colangiuli
25. Angela Costantino
26. Leonarda Costantino
27. Lucia Costantino
28. Anna Maria Cozza
29. Giuseppa Cozzumbo
30. Mariagrazia Cutuli
31. Maria Grazia Cuomo
32. Domenica De Girolamo
33. Luigina De Luca
34. Anna Dell'Orme
35. Annalisa Durante
36. Maria Giovanna Elia
37. Gelsomina Esposito, Mina
38. Francesca Familiari
39. Rosa Fazzari
40. Annunziata Ferraro
41. Angela Fiume
42. Renata Fonte
43. Anna Forcignano
44. Elisabetta Gagliardi
45. Maria Teresa Gallucci
46. Lea Garofalo
47. Rosaria Genovese
48. Valentina Guarino
49. Ornella Greco
50. Rosellina e Barbara Indrieri
51. Carmela Rosalia Iuculano
52. Vincenzina La Fata
53. Simonetta Lamberti
54. Roberta Lanzino
55. Emanuela Loi
56. Concetta Iaria Macrì
57. Maria Immacolata Macrì
58. Antonella Oronza Maggio
59. Maria Maiolo
60. Maria Marcella
61. Vincenza Marino Mannoia
62. Palmira Martinelli
63. Liberata Martire
64. Cristina Mazzotti
65. Giuditta Milella
66. Francesca Moccia
67. Lucia Montagna
68. Filomena Morlando
69. Francesca Morvillo
70. Eleonora Moschetto
71. Nadia e Caterina Nencioni
72. Letizia Palumbo
73. Carmela Pannone
74. Mariangela Passiatore
75. Masina Perricone
76. Annunziata Pesce
77. Fortunata Pezzimenti
78. Lucia Precenzano
79. Angelica Pirtoli
80. Anna Prestigiacomo
81. Maria Teresa Pugliese
82. Paola Rizzello
83. Silvia Ruotolo
84. Emanuela Sansone
85. Giuseppina Savoca
86. Palma Scamardella
87. Grazia Scimè
88. Raffaella Scordo
89. Mirella Silocchi
90. Nunziata Spina
91. Vincenza Spina
92. Maria e Natalia Stillitano
93. Giovanna Sandra Stranieri
94. Angela Talluto
95. Marcella Tassone
96. Valentina Terracciano
97. Salvatora Tieni
98. Adriana Vassalla
99. Rosa Zaza
100. Agata Zucchero

 

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

donna sportL'appuntamento è fissato per martedì 8 marzo alle ore 16.30 nella sala consiliare del Comune con il convegno dal titolo "Sportivamente donna: verso una parità effettiva". L'evento vedrà la partecipazione delle maggiori federazioni sportive presenti sul territorio, atlete, rappresentanti di Coni, Uisp, associazioni territoriali e della scuola, i quali interverranno a sostegno della partecipazione delle donne nello sport, indagando una realtà che si compone di successi, bensì anche di luoghi comuni e gap ancora da superare quando di tratta di carriere sportive al femminile. «Celebrare l'8 marzo - scrive la presidente della commissione Pari opportunità del Comune di Crotone Michela Cortese -, dare ancora valenza a questa data, è una sfida culturale più che istituzionale. È per questo che la commissione consiliare per le Pari Opportunità - prosegue Cortese - ha deciso, supportata dall'assessorato competente, di dedicare questa giornata alla risorsa femminile nella pratica e nel management dello sport. Lo sport - commenta - è scritto nel Dna del territorio, parte della nostra tradizione, sin da quando Milone di Kroton vinse per ben 7 volte alle Olimpiadi. Crotone è "Città dello Sport": dalla vela alla pallavolo, dal tennis al calcio al judo, e mai, come nel 2015, ha mostrato di saper richiamare l'attenzione nazionale ed internazionale, ponendosi come palcoscenico naturale per ospitare eventi di grande rilievo attrattivo. E questo 2016 presenta tutte le condizioni per traguardare ulteriori e significativi risultati. La commissione Pari opportunità - commenta -, come sempre dalla sua istituzione, ha dimostrato massima sensibilità nel saper leggere la società crotonese, ecco perchè ha voluto proporre una riflessione a più voci sul tema».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

comune4Sabato 7 marzo alle ore 17.00 nella sala consiliare Comune di Crotone si terrà l'incontro - dibattito promosso dalla Commissione Pari Opportunità del Comune di Crotone: "Donne, Società, Istituzioni: motore per l'innovazione". Nel corso dell'evento si terrà una cerimonia di riconoscimento simbolico dedicata a tutte le donne che hanno amministrato la città di Crotone. «Questo è un evento fortemente voluto dalla commissione Pari opportunità che ho l'onore di presiedere - dichiara la presidente Michela Cortese -. Sarà un momento di riflessione bipartisan sul ruolo della donna nel contesto sociale e nelle istituzioni. Sarà anche l'occasione di ringraziare le donne che nel passato hanno amministrato la città di Crotone" Il programma prevede i saluti del sindaco Peppino Vallone, del presidente del Consiglio Comunale Arturo Crugliano Pantisano e del presidente del Consiglio Regionale della Calabria Antonio Scalzo. Introduce: Michela Cortese - presidente Commissione Pari Opportunità. Intervengono: Antonella Giungata - assessore Pari Opportunità Comune di Crotone; Marianna Caligiuri - sindaco di Caccuri; Wanda Ferro - già presidente della Provincia di Catanzaro; Flora Sculco - consigliere Regionale; Antonella Stasi - già presidente f.f. Regione Calabria; Alessia Morani - parlamentare Pd; Dorina Bianchi - parlamentare Ncd.

 

comune isolaSabato 7 marzo alle ore 17.00 presso il Comune di Isola Capo Rizzuto (sala Ceramidà) convegno dell'amministrazione per celebrare la Giornata Internazionale della donna. La manifestazione aprirà con un momento musicale curato dall'Orchestra "Gioacchino Da Fiore". Modererà la giornalista Francesca Caiazzo. Il fulcro centrale del convegno sarà basato su diverse testimonianze di vita: la storia di chi ha avuto il coraggio di ribellarsi alle regole di una società che le stava stretta; la testimonianza di una donna imprenditrice, mamma, che abbandona tutto per dedicare la propria vita al figlio vittima di un incidente; Il racconto di una donna straniera, integratasi nel nostro territorio; Le scelte di vita e di libertà di una donna di nuova generazione. Durante il convegno, si svolgeranno le premiazioni del concorso letterario, indirizzato a tutte le scuole medie del territorio: "Donna: protagonista sempre ed ovunque non solo per un giorno". Nove i temi rimasti in gara in seguito alla prima scrematura fatta direttamente dagli insegnati, tre i premi che verranno assegnati, uno per ogni classe di frequenza: Prima Media, Seconda Media, Terza Media. La valutazione finale sarà decisa da una commissione esterna di professionisti composta da dirigenti scolastici, insegnati in pensione e membri del comune. A premiare i giovani gli assessori Francesco Pullano e Francesca Stillitano.

 

maracafeDomenica 8 Marzo le donne della Cgil e dello Spi Cgil organizzano due importanti iniziative. Una è prevista nella mattinata di domenica sul lungomare di Crotone a partire dalle ore 11 presso il "Mara caffe". Nel corso dell'incontro si confronteranno le segretarie confederali della Cgil di Crotone, Cisl e Uil, Partito democratico e il mondo dell'associazionismo. Al centro del dibattito le possibili azioni da intraprendere per superare le diseguaglianze tra uomini e donne nel mondo del lavoro, acuite dall'attuale crisi economica. Le diseguaglianze in termini di reddito e di occupazione che sono riassunte nel manifesto dell'iniziativa "Le donne Vogliono lavorare" verranno delineate anche attraverso alcuni indicatori socio-economici come quello che dà l'occupazione femminile dalla nostra provincia tra le più basse in Italia e in Europa. Sempre secondo le statistiche, le donne, a parità di lavoro, guadagnano meno. La crisi, dunque, non è uguale per tutti. Nel pomeriggio, invece, presso la sede Auser (Tufolo) alle ore 17 , si terrà un altro importante appuntamento organizzato dalle donne dello Spi-Cgil e Auser dal tema "Il ruolo delle donne nella società che cambia".

 

leganavaleDomenica 8 marzo con raduno in piazza della Resistenza alle ore 11.00 La "Maratona del Sorriso", promossa dal Comune di Crotone, dalla Pro Loco e dall'associazione degli esercenti "Noi il Futuro del Lungomare" con il sostegno della Lilt, dell'Associazione Vivere Sorridendo, della Lega Navale e del Coni, ha proprio l'intento di promuovere attraverso lo sport, la socializzazione e uno stile di vita corretto. Una corsa non competitiva, aperta a tutti con l'unico obbligo di parteciparvi "sorridendo". Il percorso si snoderà su via Roma per poi arrivare sul Lungomare fino all'arrivo posto alla Lega Navale. Su via Cristoforo Colombo sarà allestito, a cura dei fiorai e vivaisti della città, un percorso fiorito dedicato a tutte le donne, coincidendo l'evento con la "festa delle donne". Alla lega Navale ci sarà un momento di riflessione sui temi promossi dalla "Maratona del Sorriso", sport, donne e salute. Saranno inoltre premiate con un'opera del maestro Michele Affidato tre donne che si sono particolarmente distinte nei loro rispettivi ruoli: Romina Pioli, suor Michela Marchetti e l'oncologa Tullia Prantera.

 

piazza pitagoraDomenica 7 e sabato 8 marzo sarà venduta in piazza Pitagora la "Gardenia di Aism". Così come accadrà in diverse città Italiane e anche a Crotone sarà possibile sostenere la ricerca. L'Fc Crotone rinnova la vicinanza della all'Associazione italiana sclerosi multipla, partnership fra l'altro già rinnovata lo scorso 8 ottobre dal presidente Raffaele Vrenna e dal presidente provinciale dell'Aism Luciana Gaccione nel corso di una conferenza stampa. I fondi raccolti con la "Gardenia di AISM 2015" saranno impiegati in progetti di ricerca finalizzati a trovare, in particolare, nuovi trattamenti per le forme gravi di sclerosi multipla ad oggi orfane di terapie. Una forma che colpisce almeno 25 mila persone in tutta Italia e un milione nel mondo. Dal 23 febbraio al 15 marzo sarà possibile fare una donazione con un sms al numero 45599. Il Football Club Crotone invita tutti i suoi tifosi che hanno a cuore questa nobilissima causa ad aderire alla raccolta fondi [VIDEO].

 

 

bestwesternDomenica 8 Marzo 2015 , ore 10.00 presso l'Hotel Best Western San Giorgio (SS106 - Località Poggio Pudano) le associazioni For Calabria APS , la Maria Cristina di Savoia di Crotone, la Fidapa di Crotone e l'associazione Latitudine Sud presenteranno l'evento culturale "Donne nell'arte: artiste e committenti" che ricorderà le donne in questa importante ricorrenza e il loro importante ruolo nella società e nell'arte oggi e nel passato. L'evento si incentrerà in una prima fase convegnistica dove interverranno: Antonella Noviello (presidente Ass.ne Maria Cristina di Savoia), Teresa Gulino (Presidente Ass.ne Fidapa Crotone), Michela Cortese (Presidente Commissione Pari Opportunità Crotone), Antonio Oliverio (Presidente Ass.ne For Calabria) e Francesco Marano (Presidente Latitudine Sud). Seguirà l'esposizione di due importanti mostre che racconteranno la donna e il suo ruolo nell'arte e nella cultura sono : Mostra fotografica " Progetto X " a cura delle fotografe E. Bifano e F. Palmieri, Mostra di Ricami Artistici delle nonne calabresi e lucane.

 

 

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

udi donneDomenica 8 Marzo le donne della Cgil e dello Spi Cgil organizzano due importanti iniziative. Una è prevista nella mattinata di domenica sul lungomare di Crotone a partire dalle ore 11 presso il "Mara caffe". Nel corso dell'incontro si confronteranno le segretarie confederali della Cgil di Crotone, Cisl e Uil, Partito democratico e il mondo dell'associazionismo. Al centro del dibattito le possibili azioni da intraprendere per superare le diseguaglianze tra uomini e donne nel mondo del lavoro, acuite dall'attuale crisi economica. Le diseguaglianze in termini di reddito e di occupazione che sono riassunte nel manifesto dell'iniziativa "Le donne Vogliono lavorare" verranno delineate anche attraverso alcuni indicatori socio-economici come quello che dà l'occupazione femminile dalla nostra provincia tra le più basse in Italia e in Europa. Sempre secondo le statistiche, le donne, a parità di lavoro, guadagnano meno. La crisi, dunque, non è uguale per tutti. Nel pomeriggio, invece, presso la sede Auser (Tufolo) alle ore 17 , si terrà un altro importante appuntamento organizzato dalle donne dello Spi-Cgil e Auser dal tema "Il ruolo delle donne nella società che cambia".

 

*Foto da sinistra: Maria Maglodite, Lucia Milano, Teresa Pedace e Maria Carella, donne crotonesi e attiviste di sinistra che presero parte al Congresso dell'Udi (Unione donne italiane) di Napoli nel 1954.

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Attualita'
Pagina 1 di 2