Lunedì, 26 Ottobre 2020

ATTUALITA' NEWS

«La tutela della salute – si legge in un comunicato del Comune di Crotone – è un altro dei punti cardine dell'azione amministrativa del sindaco Vincenzo Voce».

Pubblicato in In primo piano

«Così come durante il lockdown, procedono per come previsto dai diversi decreti autorizzativi, le attività di monitoraggio e di bonifica all’interno del Sin (Sito di interesse nazionale) di Crotone». E’ quanto dichiara Rosario Aloisio, direttore del Dipartimento provinciale Arpacal di Crotone che sta svolgendo «una dettagliata attività di verifiche e monitoraggio nelle diverse fasi che interessano la complessa opera di bonifica del Sin crotonese».

«Nello specifico – riferisce Arpacal –, le attività di monitoraggio idrochimico, impiantistico e idraulico della barriera idraulica, nel trimestre gennaio-marzo 2020, sono state eseguite secondo il documento “Protocollo operativo di monitoraggio della barriera idraulica”, e sono attualmente in corso le attività di monitoraggio del trimestre aprile-giugno 2020».

«Per quanto riguarda le attività del Programma operativo di bonifica (Pob) di Fase 1 – spiega Aloisio –, cioè la realizzazione di opere di ingegneria marittima finalizzate alla protezione della linea di battigia antistante le discariche fronte mare Ex Pertusola ed Ex Fosfotec sono in corso le opere per la realizzazione della scogliera frangiflutti e le relative attività di monitoraggio marino. In particolare, da gennaio a maggio 2020 sono stati eseguiti i lavori previsti dal Pob di Fase 1 inerenti la posa delle barriere anti-torbidità e l’inizio della realizzazione del pennello Sud. Il tutto opportunamente verificato dai nostri tecnici».

«Per quanto riguarda le attività previste dal progetto di bonifica Pob di Fase 2 – informa Aloisio –, a gennaio 2020 sono state avviate le attività “ante operam” con la prima campagna di monitoraggio della matrice “atmosfera”; ad aprile 2020 è stata avviata la seconda campagna di monitoraggio della matrice “atmosfera”. Il Servizio tematico aria del dipartimento di Crotone, con la dottoressa Serafina Oliverio e la collaborazione del dottor Ettore Montorsi, con il mezzo mobile di monitoraggio della qualità dell’aria, in entrambe le campagne ha svolto il monitoraggio in parallelo per tutto il periodo previsto. Sono attualmente in corso le analisi dei filtri di Pm10 per la determinazione dei metalli, presso il Laboratorio chimico del dipartimento Arpacal di Reggio Calabria».

«Sempre relativamente al Pob Fase 2 – riferisce Aloisio –, nelle aree ex Pertusola ed ex Agricoltura sono stati realizzati 8 nuovi piezometri in area ex Pertusola, tra gennaio e febbraio 2020, ad integrazione del piano di monitoraggio della falda, attività prevista dal “Piano di monitoraggio e manutenzione delle opere».

«Nei primi giorni di giugno – conclude Aloisio –  è stata completata l’integrazione della rete piezometri con la realizzazione di un ulteriore nuovo piezometro in area ex Pertusola, e la realizzazione di 6 piezometri a valle delle discariche, lungo la linea di costa. Questi piezometri saranno dedicati alla verifica della qualità delle acque sotterranee nel corso dell’esecuzione dei lavori di bonifica».

«Proseguiamo nel fornire il nostro contributo tecnico scientifico – ha dichiarato il direttore generale dell’Arpacal, Domenico Pappaterra – per gli interventi di bonifica in riparazione del danno ambientale nel Sin; è stata molto proficua la collaborazione che abbiamo intrapreso con il “Commissario straordinario delegato a coordinare, accelerare e promuovere la realizzazione degli interventi di bonifica e riparazione del danno ambientale nel sito contaminato di interesse nazionale di Crotone-Cassano-Cerchiara” e aspettiamo, dopo una fase di stallo, che le determinazioni del ministero dell’Ambiente siano per il rinnovo, con nuovo slancio, della convenzione che ci ha visto impegnati anche con unità specialistiche appositamente reclutate, ed operative dal 2017 al 2018».

 

Pubblicato in In primo piano

«Grazie alla tenacia di oltre 600 cittadini crotonesi, che oltre tre anni fa ci diedero mandato per promuovere un giudizio a tutt'oggi in corso finalizzato ad ottenere l'annullamento dei provvedimenti ministeriali che sancirono l'approvazione della bonifica del sito dell'area "ex Pertusola", siamo venuti a conoscenza, nell'assordante silenzio che ha caratterizzato tale notizia, dell'intervenuta comunicazione, a tutte le amministrazioni competenti, dell'approvazione di un nuovo decreto ministeriale che, in buona sostanza, sostituisce il piano operativo di bonifica di quell'area, decretando irrimediabilmente la "sepoltura" dei veleni con grave rischio per la salute pubblica».

Pubblicato in In primo piano

«Dallo scoppio dell’emergenza Covid 19 – informa una nota –, il Consiglio direttivo di Confindustria Crotone è convocato in seduta permanente e si riunisce in modalità telematica ogni settimana per fare il punto sulle criticità, i provvedimenti adottati a livello locale e nazionale, le proposte da sostenere».

Pubblicato in In primo piano

A un mese dall’insediamento del nuovo direttivo di Confindustria Crotone, il presidente Mario Spanò si sofferma su obiettivi, criticità, opportunità.

«Abbiamo ritenuto doveroso – scrive in una nota – avviare il nostro mandato incontrando il viceprefetto di Crotone e i vertici delle Forze dell’ordine. Svolgono quotidianamente un lavoro fondamentale per il controllo del territorio e per la difesa della legalità. La nostra attenzione è rivolta soprattutto al controllo nell’area industriale di Crotone, che versa in un degrado insostenibile, aggravato dall’allarmante situazione debitoria del Corap. Siamo molto preoccupati e ci auguriamo che l’Amministrazione regionale sappia fare in questo scorcio di legislatura scelte coraggiose che innanzitutto garantiscano la continuità dei servizi e che disegnino un sistema di gestione territoriale realmente efficiente».

Per le imprese associate, Confindustria Crotone è al lavoro sui temi di quotidiano impegno e sulle iniziative per la formazione, la crescita e l’innovazione.

«Dalle criticità – commenta Spanò – della sanità privata a quelle dei trasporti, dal coinvolgimento delle imprese nei lavori di bonifica, alle opportunità per la formazione delle risorse umane aziendali, alla innovazione, sempre in sinergia con Unindustria Calabria. Ci muoviamo su due dimensioni temporali: il presente con i suoi problemi ed il futuro con le sue sfide. Ci stiamo organizzando per portare le nostre imprese a Connext 2020, l’incontro nazionale di partenariato industriale di Confindustria, organizzato per rafforzare il sistema delle imprese in una logica di integrazione orizzontale e verticale, di scambio con il mondo delle start up e di crescita delle filiere produttive».

Secondo Confindustria Crotone Antica Kroton e Contratto istituzionale di sviluppo, il porto e l’aeroporto sono le grandi sfide da affrontare per lo sviluppo per il territorio.

«Antica Kroton ed il Contratto istituzionale di sviluppo sono – sottolinea il presidente di Confindustria Crotone – due opportunità strettamente connesse tra di loro ed integrate con lo sviluppo di porto e aeroporto. Serve fare quindi un ragionamento corale e di lungo respiro, confrontandosi con modelli ed esperienze già realizzati. E’ necessario pensare già adesso come e chi dovrà gestire la fruizione e la sostenibilità futura del patrimonio che sarà valorizzato con il progetto Antica Kroton e con la rifunzionalizzazione del porto, dobbiamo già da ora pensare a quali professionalità saranno necessarie, formarle adeguatamente in collaborazione con Università, Scuole ed Enti, intercettando e confrontandosi con esperienze di successo fuori dal nostro territorio, e renderle disponibili sul mercato nei tempi giusti per moltiplicare l’impatto economico dell’investimento realizzato, dobbiamo mantenere alta l’attenzione sullo scalo aeroportuale perché è uno snodo fondamentale per completare il disegno di sviluppo della città».

Le recenti vicende giudiziarie che hanno interessato l’Amministrazione comunale di Crotone sollecitano un’attenta riflessione.

«Esprimiamo piena fiducia nel lavoro della magistratura – premette spanò – e confidiamo che le parti interessate forniscano ogni chiarimento agli organi competenti. Allo stesso tempo non sfugge a nessuno la necessità di proseguire l’impegnativo lavoro di organizzazione ed attuazione di quelle progettualità, come Antica Kroton e Contratto istituzionale di sviluppo, che possono significativamente incidere sul futuro economico e sociale della nostra città e su cui ritardi o rinvii non sono auspicabili. In questa delicata fase, siamo certi che tutte le forze politiche del territorio agiranno con senso di responsabilità e spirito di servizio, consapevoli della complessità della sfida da affrontare ma anche della necessità di non perdere l’occasione di cambiare il futuro non solo di Crotone ma dell’intero territorio e di generare sviluppo economico e progresso sociale», conclude Mario Spanò.

Pubblicato in In primo piano

«Una data storica per la città di Crotone e la regione Calabria: oggi si è conclusa al ministero dell’Ambiente la conferenza dei servizi con l’emanazione del decreto che sancisce l’avvio della fase 2 della bonifica dell’area industriale di Crotone, che ha ottenuto tutti i pareri favorevoli all’unanimità». Lo riferisce con soddisfazione l’assessore regionale alla Tutela dell’ambiente Antonella Rizzo la quale ricorda come «la bonifica di Crotone è stato il primo impegno che ho assunto con i cittadini calabresi. E oggi finalmente è stata posta una pietra miliare nel lungo percorso che ha caratterizzato la storia ambientale di Crotone. Grazie alla forte volontà e determinazione del presidente della Regione Mario Oliverio e al faticoso e costante lavoro svolto in questi anni, ponendo sempre al centro il risanamento ambientale e la salute della popolazione – rimarca l’assessore Rizzo –, la Calabria e i crotonesi hanno finalmente la sicurezza che gli interventi di bonifica verranno realizzati nell’immediato e senza che neanche un solo grammo di rifiuto rimanga nel territorio calabrese. Le attività di risanamento ambientale – specifica – riguardano sia le discariche fronte mare, per le quali è prevista una rimozione completa, sia le aree industriali interne agli stabilimenti industriali per le quali sono previste demolizioni, rimozione terreni, applicazione di tecnologie di inertizzazione e stabilizzazione, realizzazione di un capping e altri interventi che, a completamento di quanto già realizzato sul sito con i progetti precedentemente autorizzati, garantiranno l’assenza di rischio ambientale. La bonifica di Crotone è entrata nella fase operativa nel settembre 2019 – aggiunge l’assessore alla tutela dell’ambiente – con l’avvio del cantiere delle opere a mare, preliminari alla rimozione delle discariche. La società ambientale di Eni avvierà il Protocollo di monitoraggio ambientale ante operam, della durata di un anno, che servirà a monitorare la qualità di tutte le componenti ambientali. Seguirò la realizzazione degli interventi previsti dal progetto approvato – assicura – mettendo in campo, d’intesa con Syndial e con gli altri enti, ogni azione necessaria per garantire che gli interventi vengano realizzati nei tempi stabiliti e che siano rispettate tutte le prescrizioni volute dagli enti. In particolare è fondamentale che i rifiuti derivanti dalle operazioni di bonifica vengano abbancati fuori dal territorio regionale, per come è stato concordato con gli altri enti territoriali. In questo non c’è una lesione della libera concorrenza ma una precisa necessità di tutelare la salute dei cittadini e di preservare il territorio. Concordemente con il Comune di Crotone – conclude l’assessore Rizzo – si è stabilito di anticipare le opere per aprire subito i cantieri e assicurare occupazione alle maestranze crotonesi».

Pubblicato in In primo piano
Pagina 1 di 23