Mercoledì, 12 Agosto 2020

 

ATTUALITA' NEWS

«Lieto evento sulle rive del fiume Neto a Crotone: negli ultimi giorni sono nati 4 piccoli dell'ormai rara "Cicogna bianca"». È quanto rende noto il Circolo “Ibis per l’ambiente” di Crotone.

Pubblicato in Attualita'

peschereccio guardia finanzaUn peschereccio impegnato in attività di pesca vietata di novellame di sarda è stato intercettato da un battello della Guardia di finanza della Sezione Navale di Crotone, dipendente dal Roan di Vibo Valentia, nei pressi della foce del fiume Neto. I tre pescatori, il capobarca M.S., di 53 anni e due pescatori M.C. (51) e M.V. (67), sono stati arrestati per violenza e resistenza a pubblico ufficiale. L'equipaggio, infatti, alla vista dell'imbarcazione della Finanza ha tentato di evitare i controlli anche con manovre pericolose ma i militari sono riusciti a salire bordo dove uno di loro è stato anche colpito da un calcio, senza riportare lesioni gravi. Ricondotti alla calma gli occupanti, il natante è stato scortato fino al porto di Crotone.
Al capobarca è stata inflitta una sanzione amministrativa per pesca abusiva di novellame e per irregolare assunzione di personale perché tutto l'equipaggio è risultato assunto "in nero" oltre che per alcune altre omissioni documentali rilevate.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

fenicottero2Un bellissimo esemplare di fenicottero rosa è stato avvistato sulla spiaggia di Crotone, proprio nel tratto su cui si affaccia il lungomare cittadino. Un incontro inusuale e inaspettato, quanto affascinante e curioso. Passeggiava indisturbato e tranquillo sul bagnasciuga, dove è stato notato da alcune persone che si trovavano sulla spiaggia, il primo pomeriggio. Tra questi c'era anche Danilo Ruberto, giovane crotonese che l'ha fotografato e ci ha raccontato il suo incontro con il raro esemplare di fenicottero. «Stavo passeggiando sulla spiaggia di primo pomeriggio – ha detto Ruberto - Saranno state le 15 e 50 di mercoledì scorso». «Mi è parsa una cosa molto particolare – ha continuato il giovane laureato in Scienze della comunicazione – perciò ho pensato subito di fare una foto». «Il fenicottero rosa era un po' lontano da me – ha aggiunto – ed io mi volevo avvicinare per vedere se aveva problemi. Purtroppo però anche altre persone si erano accorte del volatile e, avvicinandosi, lo hanno spaventato. Si è messo a volare ed è subito sparito in mare». Da dove arriva questo esemplare di rara bellezza? Una domanda che si sono fatti in parecchi, anche se non è la prima volta che si assiste ad uno spettacolo così singolare, a Crotone. L'ultimo avvistamento risale al 2013, quando un fenicottero rosa svolazzò per un bel po' sulle spiagge limitrofe alla zona portuale. Non si può escludere che possa trattarsi di un esemplare rilasciato dopo essere stato curato in qualche centro specializzato. Ma la risposta più plausibile è che il volatile sia giunto dalla zona umida della Foce del Neto, che si trova a pochi chilometri dal luogo dell'avvistamento. In quella zona, la presenza del fenicottero rosa è annoverata nell'elenco ufficiale delle specie protette che transitano o nidificano nel delta del fiume. Il "Phoenicopterus ruber", questo il nome scientifico della specie, appartiene alla famiglia dei "Fenicotteridi". Trampolieri inconfondibili dal piumaggio rosato, le lunghe zampe e il collo allungati in modo sproporzionato. Frequentano lagune basse e stagni costieri, in genere con acque salate, salmastre e alcaline. La zona del lungomare cittadino, dove è stato visto, risponde pienamente a queste caratteristiche, infatti i fondali sono molto bassi per diverse decine di metri dalla riva, anche a causa dei frangiflutti disposti sul tratto costiero antistante il lungomare. E chissà che un giorno, vedere questi splendidi pennuti in riva al mare, non diventi un'incantevole consuetudine? In Europa i fenicotteri sono presenti nel Mediterraneo, concentrati in poche colonie in Sardegna, Francia e Spagna meridionale. Le nidificazioni avvengono in monticelli di fango con una cavità poco profonda, la femmina depone un uovo nel nido di fango e la cova viene fatta da entrambi i genitori. Si nutrono filtrando alghe blu-verdi, crostacei e molluschi.


La foce del Neto
Non è facile da raggiungere, né a piedi e neppure in barca, tanto la vegetazione è fitta e lussureggiante. Un paesaggio incontaminato e popolato da molte specie protette, uccelli rarissimi, tartarughe marine, rettili, anfibi. Una gita indimenticabile se l'accompagnatore è giusto e riesce a farsi strada in quella "giungla" acquitrinosa dove, chi ha paura della puntura di un insetto, è meglio che non si avventuri mai. Ma se si riesce ad effettuare questa escursione, l'esperienza rimarrà scolpita nella memoria. Popolano l'area anche specie rare di rettili ed anfibi, oltre che rari e coloratissimi volatili. Anche la flora è di una bellezza spettacolare. In primavera si trovano facilmente le orchidee della specie Ophrys bombyliflora, insieme ad ancor più numerose Ophrys sphegodes. Tra le zone umide più importanti della Calabria, sito naturalistico d'interesse comunitario (Sic), la Zona di protezione speciale "Foce del Neto" (oasi di protezione della fauna) si trova in prossimità dell'estuario del fiume omonimo. La foce del fiume Neto, è uno degli ultimi ambienti umidi della costa ionica calabrese, uno degli ambienti più interessanti dal punto di vista ecologico e naturalistico nell'intera regione. E' l'habitat ideale per diverse specie di uccelli e negli ultimi 15 anni è stata registrata la presenza di 188 specie di uccelli. Tra le specie di uccelli nidificanti alla Foce del Neto, vi è il Gruccione "Merops apiaster" tra i più variopinti rappresentanti dell'avifauna italiana. La Zps è frequentata da numerosi "Gru Grus grus", una delle specie identificate dall'unione europea fra quelle da proteggere in modo rigoroso. Il Neto è il secondo fiume della Calabria per lunghezza complessiva e portata d'acqua, nasce sugli alti monti della Sila a circa 1700 metri di quota. Dopo un lungo percorso lungo 80 km si tuffa nei bassi fondali del mar Ionio tra i comuni di Crotone e Strongoli Marina, confluendo in mare in un tratto di spiaggia dalla bellezza selvaggia.

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano