fbpx
Lunedì, 08 Agosto 2022

ATTUALITA' NEWS

«Sono numerose le cabine che hanno abbassato le saracinesche nel mercato ortofrutticolo di piazza Mercato a Crotone, mentre alcune altre sarebbero state abbassate nel corso degli ultimi giorni nel mercato di via Giacomo Manna. A tal punto sorge spontaneo chiedersi: “Ma perché?”». È quanto scrive in una lettera il giornalista Rodolfo Bava.

Pubblicato in Attualita'

sequestro municipale poliziaContinua l'attività di controllo del territorio degli uomini della Polizia municipale nell'ambito delle attività predisposte dal comandante Francesco Iorno. Questa mattina sono stati predisposti servizi di contrasto e repressione delle attività di vendita ambulante di merce alimentare, in particolare prodotti di ortofrutta, prive di autorizzazione lungo le vie cittadine. L'attività è stata pianificata ed effettuata congiuntamente tra il personale della Polizia municipale e quello della Questura di Crotone. Sono state sgombrate le aree occupate abusivamente e sono state elevate sanzioni per le occupazione abusiva di suolo e per la vendita senza autorizzazione. E' stata sequestrata numerosa merce che è stata successivamente conferita ad enti ed associazioni che operano nel sociale. L'attività, come dichiara il comandante Francesco Iorno, proseguirà sistematicamente e periodicamente soprattutto durante il periodo natalizio.

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

allacci abusivi acqua carabinieriLa Procura della Repubblica di Crotone ed il Comune hanno avviato verifiche contro il fenomeno degli allacci abusivi alla rete idrica pubblica. "Il fenomeno, che dai primi riscontri sembra essere piuttosto diffuso - spiega una nota del Comune - ha trovato nell'azione della Procura e, per essa, da parte del Dott. Capoccia una decisa azione repressiva. Il Procuratore ha delegato la propria Sezione di Polizia Giudiziaria dei Carabinieri che, congiuntamente alle Stazioni provinciali dei Carabinieri ed al personale tecnico del Con.Ge.S.I., ha avviato una serie di controlli e sopralluoghi atti a colpire il fenomeno. L'illecito allaccio e la relativa sottrazione di acqua rappresenta un vero e proprio furto, con aggravante penale, che puo' far scattare gli arresti. Gli accertamenti, che hanno avuto inizio lo scorso martedi' 15 novembre - si sottolinea - hanno evidenziato la vastita' del fenomeno dell'illecita captazione della risorsa idrica ed hanno fatto immediatamente scattare, per i soggetti colti in flagranza di reato, il deferimento penale ed il sequestro del materiale idraulico utilizzato. Dai prossimi giorni si procedera' ad ulteriore intensificazione dei controlli anche con verifiche incrociate residenti/contratti esistenti. Il problema degli "abusivi" - rileva il Comune - resta un fenomeno di importante rilievo, poiche' incide negativamente sui processi gestionali del sistema idrico integrato nei Comuni della provincia gestiti dalCon.Ge.S.I.. Il servizio non puo' che essere pagato da tutti i soggetti fruitori, solo cosi' il sistema puo' essere messo nelle condizioni di poter funzionare al meglio. E proprio per tali ragioni che il Con.Ge.S.I. invita tutti coloro i quali si trovano in situazioni di questa fattispecie a regolarizzare la propria posizione al fine di evitare le azioni penali previste dalla legge e le sanzioni regolamentate dal Con.Ge.S.I.. Per evitare cio' - spiega la nota - sara' sufficiente per l'utenza andare presso gli sportelli commerciali aperti in ognuna delle sedi comunali del Con.Ge.S.I. e regolarizzare la propria posizione. Farlo entro il 31 gennaio 2017 consentira' di non incorrere nella sanzione pecuniaria prevista pari a 500 euro e nella relativa denuncia penale".

 

 

 

 

 

Salva

Pubblicato in Cronaca