Domenica, 27 Settembre 2020

ATTUALITA' NEWS

Domani, 7 agosto, dalle ore 8 alle ore 11, si terrà una raccolta di sangue sul lungomare cittadino presso il Bar Columbus, sempre disponibile per questo evento.

Pubblicato in Attualita'

«Grande partecipazione – riferisce una nota – tra i finanzieri alla donazione di sangue. È avvenuta quest’oggi – prosegue il comunicato –, presso la Caserma “F. Pirillo”, presso la sede del Comando provinciale e della sezione operativa navale della Guardia di finanza di Crotone».

Pubblicato in Attualita'

In occasione della Prima maratona nazionale avvocati si terrà a Crotone mercoledì 24 giugno prossimo sul lungomare cittadino, nei pressi del bar Columbus, dalle ore 8 alle ore 11, una raccolta di sangue aperta a chiunque voglia prenderne parte, promossa dal Movimento forense insieme all’Avis comunale di Crotone.

Pubblicato in Attualita'

L'Avis comunale di Crotone, comunica che «domenica 24 maggio dalle ore 08.00 alle ore 11.00, si terrà una raccolta di sangue sul lungomare cittadino nei pressi del Bar Columbus. In vista della ripresa dell'attività ospedaliera donare diviene ancora più importante al fine di supportare la richiesta di sangue del nostro nosocomio. Si invitano i donatori a venire muniti di mascherina e guanti. Insieme possiamo fare tanto».

Pubblicato in Attualita'

"Hiv: un problema ancora irrisolto" è stato il titolo de convegno organizzato lo scorso primo dicembre, in collaborazione tra l'Avis Comunale di Cutro e il Lions Club Crotone Marchesato. L’incontro pubblico si è svolto presso la sala polivalente del comune di Cutro messa a disposizione dall'Amministrazione comunale, in occasione della 31° giornata dedicata alla lotta contro l'Aids.

«Buona – riferisce una nota – la partecipazione di pubblico, quasi 100 presenze, per quanto in città si svolgevano in contemporanea altri eventi molto più ‘'leggeri’'. Di spessore i relatori, tutti operatori dell'ospedale San Giovanni di Dio di Crotone: il dottor Franco Rodio (ginecologo), il dottore Nicola Serrao (infettivologo, responsabile del reparto) e la dottoressa Patrizia Leonardo, nota a tutti i donatori perché direttrice del SIMT crotonese.

Oltre al tema del convegno, riguardante il virus dell'Hiv e la malattia dell'Aids, illustrato in maniera eccellente dai relatori, nel corso della serata le due associazioni sono intervenute con i saluti istituzionali dei loro rispettivi rappresentanti. Inoltre, entrambe hanno voluto sottolineare l'importanza della collaborazione tra le associazioni, sostenendo che la rete associativa non deve riguardare solo le associazioni appartenenti alla stessa famiglia ma, per considerarsi una vera e propria rete associativa deve andare oltre i propri confini e interfacciarsi con le altre realtà.

Toccante è stato l'intervento del segretario dell'associazione dei Talassemici di Crotone, Nicola Carioti, il quale nel portare la sua testimonianza, quale talassemico e genitore di figlia talassemica, fortemente commosso, ha ringraziato l'Avis e i suoi soci, perché grazie al loro nobile gesto oggi questi malati riescono ad avere una vita dignitosa, e le donne, soprattutto, riescono anche a realizzare il sogno di diventare madri. Dopo lo scambio di attestazioni di ringraziamento, ospiti e pubblico sono stati invitati a recarsi presso il ristorante Kyterion per concludere insieme la serata con un momento conviviale offerto dall'Avis Cutro».

 

Pubblicato in Attualita'

avis presidenti«Domenica 7 aprile è stato raggiunto e superato un altro traguardo, è stata prelevata l’ultima di 50.000 unità di sangue (50.017 per l’esattezza)». Lo rende noto il presidente provinciale Pietro Vitale.
«Tutto è iniziato il 6 ottobre 2002 – scrive Vitale – con una raccolta di sangue a Petilia Policastro; da quella data l'Avis ha iniziato a gestire direttamente le raccolte e le squadre mediche. Certo, in 60 anni dell'Avis crotonese le sacche prelevate sono state di gran lunga molte di più. La particolarità sta nel fatto che da quel giorno l’associazione è riuscita a gestire l’organizzazione delle raccolte, con le sole proprie forze, ma sempre con la supervisione del Simt di Crotone, e dei suoi responsabili: Walter Geremicca, prima, e Patrizia Leonardo, poi. Il primo obiettivo da raggiungere era quello dell'autosufficienza. In quegli anni, circa il 60% delle sacche di sangue veniva importato dal nord Italia, con una spesa da parte dell’Asp di Crotone molto elevata e che, oltretutto, poteva essere considerata a fondo perduto, vista la mancanza di ricadute sul territorio locale. Grazie al lavoro di tutti e, in particolare a quello del professor Franco Rizzuti, che ha contribuito alla nascita di quasi tutte le sedi presenti sul nostro territorio, il traguardo dell’autosufficienza venne raggiunto nel 2007, da allora è stato un continuo crescendo. Non solo l'autosufficienza viene mantenuta ma, grazie alla programmazione delle raccolte da parte dell’associazione, il Centro Trasfusionale dell'Ospedale di Crotone, nei momenti di emergenza, riesce a cedere unità di sangue ai Centri delle province che sono in difficoltà. Dal 2017, il nuovo presidente provinciale, Pietro Vitale, sta continuando il lavoro di chi l’ha preceduto. Il suo impegno, e quello di tutti i collaboratori, ha consentito all’Avis provinciale di Crotone di incrementare il numero delle unità di sangue raccolte, nonostante tale dato nel 2018 ha registrato un calo in Calabria e in tutta la Nazione. I meriti e i ringraziamentiper i risultati ottenuti vanno fatti ai presidenti e ai consigli di tutte le sedi comunali, al personale medico per la professionalità e la disponibilità. Infine, il ringraziamento più grande va ai donatori, i quali con il loro piccolo grande gesto consentono di raggiungere questi risultati».

 

 

 

Pubblicato in Attualita'
Pagina 1 di 2