Venerdì, 18 Settembre 2020

ATTUALITA' NEWS

 Notte magica al Palamilone di Crotone per merito dello Squalo rossoblu' il quarantaduenne Tobia Loriga che conquista ai punti il titolo italiano pesi welter per la seconda volta. Sono 109 I combattimenti all'attivo di Loriga di cui 102 vinti. Questa sera ha incrociato e vinto con i guantoni del trentenne campione Italiano uscente Emanuele Cavillucci (che aveva conquistato il titolo lo scorso marzo). Palasport pieno a tifare per Tobia.

Pubblicato in Sport

demolizione località campione villaggio paradisoSono state avviate, a cura di una ditta incaricata dal Comune di Crotone, le operazioni di demolizione delle venti villette abusive di localita' Campione, denominate "Villaggio Paradiso", dopo che i proprietari sono stati messi nelle condizioni di liberare gli immobili. Le demolizioni delle costruzioni sono state disposte sulla base di una sentenza del 1993 in una vicenda che si e' protratta fino ai giorni nostri, tra ricorsi al Tar e al Consiglio di Stato. Per i proprietari delle villette, nel corso degli anni, il responso e' stato sempre negativo. Di recente la Procura della Repubblica di Crotone, guidata da Giuseppe Capoccia, aveva ripreso in mano la vicenda e, in virtu' di un'apposita convenzione siglata con il Comune per l'esecuzione delle sentenze che dispongono la distruzione degli immobili abusivi, ha avviato la fase di demolizione, che proseguira' per l'intera giornata di oggi.

 

Le ruspe, dunque, sono entrate in azione, dopo che lo scorso 5 giugno, il dirigente del settore Lavori pubblici e Urbanistica del Comune di Crotone, Giuseppe Germinara, ha concluso la gara d'appalto assegnando i lavori alla ditta risultata vincitrice. Le villette costruite in un'area a inedificabilità assoluta sono state realizzate in località Campione (Capocolonna), zona confinante con l'area archeologica. Si tratta di un'area di particolare interesse paesaggistico. Il primo decreto di demolizione era stato emanato dal Comune di Crotone nel lontano 1992, ma non si era mosso nulla perché i proprietari avevano fatto opposizione presentando, tra l'altro, anche un ricorso al Tribunale amministrativo regionale della Calabria, che non aveva accolto la richiesta dei ricorrenti. La questione è stata ripresa dall'attuale procuratore di Crotone, Giuseppa Capoccia, che ha fatto pressione al Comune per l'abbattimento dei manufatti abusivi. Le villette, anche se erano state costruite in ordine sparso e da diversi proprietari, avevano assunto l'immagine di un complesso residenziale organizzato.

 

Legambiente Calabria. "Con l'avvio delle demolizioni si da' seguito all'affermazione della legalita'. Una bella notizia contro gli abusivismi. Contrastare il cemento illegale ed il consumo di suolo contro 'I ladri di futuro' e' quello che la nostra associazione si augura". Cosi' in una nota il presidente di Legambiente Calabria, Francesco Falcone, commenta la notizia della demolizione di venti villette edificate abusivamente a Crotone. "Legambiente accoglie molto bene la notizia della demolizione di quello che si presentava come un vero e proprio scempio contro la natura e coglie l'occasione per chiedere alle diverse procure calabresi di monitorare l'operato dei Comuni in tema di abusivismo edilizio. In particolare per quanto riguarda l'abbattimento degli edifici abusivi su cui si e' gia' pronunciata la Magistratura in via definitiva e dei quali si aspettano solo i provvedimenti di demolizione". "Rispetto alle situazioni piu' critiche di cui si e' a conoscenza - aggiunge l'associazione ambientalista - Legambiente Calabria chiede alla Procura di Cosenza di sollecitare il comune di San Giovanni in Fiore a rendere esecutive le oltre 500 ordinanze di demolizione di costruzioni abusive presenti nel territorio urbano ed extraurbano del centro silano, che il Tribunale ha dichiarato esecutive da qualche anno e che l'Amministrazione comunale fa finta di non conoscere. Alla Procura di Crotone, invece, si chiede di prendere in esame le situazioni di abusivismo nel territorio dell'Alto Marchesato crotonese e in particolar modo nel petilino. Ci si augura che in una citta' come Petilia Policastro, con grossi problemi idrogeologici e di abusivismo, si cominci quanto meno a geolocalizzare gli illeciti edilizi".

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

fabiana giampa grappling campione mma baherein«Fabiana e' sul tetto del mondo». Lo rende noto la pagina ufficiale Facebook del Comune di Crotone. «La nostra concittadina Fabiana Giampà – è scritto nel post – con l’Italian National team 2017 Figmma (Federazione italiana grappling mixed martial art) trionfa nella finalissima del quarto campionato mondiale di Mma (mixed martial arts) organizzato dalla Immaf (International mixed martial art federetion) che si e' disputato in Baherein. Una straordinaria affermazione della atleta della scuola Olimpia seguita con grande professionalità dal maestro Cusato. “Una pagina storica – dichiara il sindaco Ugo Pugliese – per lo sport crotonese e la città di Crotone. Le lacrime di gioia di Fabiana sono le nostre di commozione ed orgoglio per questa piccola, grande donna che ha scalato le vette mondiali e porta uno splendido iride nella nostra città. Grazie Fabiana". "Una forza della natura – commenta l'assessore allo Sport Giuseppe Frisenda –, un tornado di tecnica e passione nel cuore di una giovane atleta che ha saputo stupire il mondo. Tutto il movimento sportivo crotonese abbraccia la neo campionessa del mondo. Un altro grande prestigioso alloro arriva nella città dello sport. Un grazie di cuore alla nostra atleta che aspettiamo a braccia aperte per festeggiarla come merita". "Da Papanice – gioisce il consigliere comunale Enrico Pedace – al tetto del mondo. Una figlia della nostra comunità porta il nostro nome sul gradino più alto del podio. Grazie Fabiana, sei l'orgoglio di Papanice. Siamo tutti con te"».

fabiana giampa tricoloreNessuna nel mondo come lei. Fabiana Giampà ci è riuscita, si è laureata campionessa del mondo al quarto campionato mondiale di Mma (mixed martial arts) organizzato dalla Immaf (International mixed martial art federetion) che si è concluso in Bahrein nella difficilissima categoria dei sessantasei chilogrammi. Grandissimo torneo quello disputato dall'atleta allenata nella scuola Olimpia di Crotone, dal maestro Fabio Cusato. Percorso perfetto per Giampà che nei campionati mondiali che si sono appena conclusi non ha sbagliato nulla. Negli incontri disputati ha eliminato le dirette avversarie, non è andata mai in difficoltà anzi ha sempre condotto ogni incontro con personalità e sicurezza. Segno evidente che la preparazione è stata a dir poco perfetta. Si sono dovute inchinare a lei, ed al tricolore che ha sempre messo sulle spalle dopo ogni vittoria, le atlete di ogni parte del mondo che hanno dovuto cedere ai suoi colpi potenti e precisi. I tanti sacrifici fatti da lei, dal maestro Cusato e da tutti i membri della scuola Olimpia sono stati ripagati ampiamente. Partita da Crotone lo scorso dieci novembre con tanta voglia di mettersi in mostra, consapevole delle sue potenzialità e della sua ottima preparazione, ha lottato con il piglio giusto e con la sfrontatezza dell'esordiente che non ha niente da perdere. Si è ritrovata a Roma con gli altri compagni dell'Italian National team 2017 Figmma (Federazione italiana grappling mixed martial art) e insieme sono partiti alla volta del Bahrein. Il suo mondiale è stato un crescendo continuo di ottime prestazioni fino ad arrivare alla finale contro la rappresentante dell'Irlanda del Nord battuta con la tecnica in un duro match, vinto ai punti. Nei prossimi giorni Giampà tornerà nella sua Crotone da campionessa del mondo, nella palestra Olimpia a riprendere gli allenamenti con il maestro Cusato e con tutti i suoi compagni, che hanno tifato e trepidato da lontano per lei. Orgoglio italiano, Giampà ha rappresentato al meglio non solo l'Italia, ma anche la Calabria, Crotone e la palestra Olimpia, una valentissima testimone di tutto il movimento della arti marziali che probabilmente adesso verrà tenuto in maggiore considerazione. Si sa i risultati portano visibilità e popolarità, adesso Giampà sarà promotrice di cambiamento in questo ambito sportivo, con la speranza che passato l'entusiasmo della vittoria si possa iniziare a costruire seriamente, perché simili risultati possano diventare un'abitudine.

 

 

 

Pubblicato in Sport

tobia loriga campione(Foto: Paolo Pulvirenti) - Notte magica al Palamilone, Tobia Loriga conquista il titolo italiano. Il boxeur crotonese vince alla quinta ripresa ai punti, dopo che i giudici di gara hanno dichiarato la fine dell’incontro a causa di una ferita riportata alla testa dal campione uscente Michele Esposito da cui usciva copiosamente sangue. Palamilone esaurito per sostenere il campione pitagorico Tobia. L'incontro clou Loriga - Esposito, preceduto dal combattimento pesi massimi leggeri tra Simone Federici vs Vladimir Reznieck. Incontro terminato in parita' sulla distanza delle sei riprese. A sostenere Loriga in prima fila il Sindaco Ugo Pugliese, la consigliera regionale Flora Sculco, il maestro orafo in Crotone Michele Affidato, il presidente della Cciaa Alfio Pugliese, l'assessore alle attivita' produttive Sabrina Gentile. Per Tobia Loriga non e' stata una novita' incrociare i guantoni per il titolo italiano pesi walter.

loriga esposito campione welter In precedenza ha disputato altri tre incontri, due vinti, uno perso. Michele Esposito, campione uscente (titolo conquistato contro Giacomo Mazzoni per Ko tecnico il 27 maggio 2016 al Palasport di Piacenza) si e' trattato del suo primo incontro per la difesa del titolo. Da professionista Esposito ha combattuto tredici incontri: due sconfitte, un pareggio, dieci vittorie. Tifo elevato gia' alcuni minuti prima del combattimento. Ha presentato l'evento Mimmo Arena con la solita simpatia che evidenzia anche in questi avvenimenti. Prima round a studiare l'avversario. Seconda ripresa a favore di Loriga che mette a segno diversi colpi. Terza e quarta ripresa all'insegna dell'aggressività da una parte e dall'altra.

loriga esposito matchQuinta ripresa i due pugili sono una maschera di sangue, di piu' il campione uscente che e' bloccato dal giudice e lo consegna al medico il quale dichiara terminato l'incontro. Ai punti vince Loriga ed e' l'apoteosi al Palamilone. "Da stasera Crotone e' campione d'Italia ha dichiarato subito dopo Loriga". Emozionato il padre Salvatore mentre dal bordo ring la moglie Dea gli lanciava affettuosi baci contraccambiati dal neo campione. Crotone, la Citta' all'ultimo posto per la qualita' della vita e' da stasera campione d'Italia grazie a Tobia Loriga ed al suo Team di cui fa parte anche il fratello Stefano. Per Tobia sono state sicuramente le cinque riprese piu' importanti da quando fa questo sport. Uscire sconfitto dal Palamilone avrebbe potuto significare anche l'abbandono della boxe. Adesso e' campione d'Italia ed e' gia' rivolto con la mente alla difesa del titolo che avverra' fra qualche mese.

 

 

 

Pubblicato in Sport