Domenica, 27 Settembre 2020

ATTUALITA' NEWS

colonna museo«Dopo la pausa estiva riprendono le attività di manutenzione e riassetto delle condizioni di fruibilità del Parco archeologico nazionale di Capo Colonna (Crotone), oggetto di un corposo programma di interventi sostenuti dal Mibac in sinergia con le istituzioni locali». Lo rende noto Antonella Cucciniello, direttrice del Polo museale della Calabria.
«Espletate le procedure – informa la direttrice – necessarie all’aggiudicazione definitiva del progetto esecutivo per i lavori di sistemazione dell’area adiacente all’Heraion Lacinio che il Fai - Fondo ambiente italiano e Intesa Sanpaolo sostengono con un contributo di 28.000 euro assegnato nell’ambito del progetto “I luoghi del cuore”, nei giorni scorsi è stata consegnata l’area di intervento alla ditta affidataria per l’avvio delle opere. Capo Colonna, uno dei più importanti siti della Magna Grecia, di proprietà demaniale è stato, infatti, votato da oltre 30.000 persone nell’edizione 2016 del censimento dei luoghi italiani da non dimenticare.

cucciniello aversa baccari capocolonna Un eccellente risultato che ha permesso a questo luogo del cuore di accedere al bando attraverso il quale il Fai, in collaborazione con il ministero per i Beni e le attività culturali, assegna contributi economici a progetti concreti a favore dei beni più votati. L’intervento, finalizzato al miglioramento della fruizione da parte dei visitatori, sarà realizzato in uno spazio ben definito, affaccio panoramico privilegiato sull’area sacra all’interno del Parco. Il Museo e Parco archeologico nazionale di Capo Colonna, diretto da Gregorio Aversa, è afferente al Polo museale della Calabria guidato dalla dottoressa Antonella Cucciniello. Il Rup dell’intervento è la dottoressa Angela Acordon, alla guida del Polo museale fino al dicembre scorso, mentre il direttore dei lavori è l’architetto Rossana Baccari».

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

colonna faro capocolonna«I progetti finalizzati al miglioramento della fruizione del Parco e del Museo archeologico di Capo Colonna non possono attendere oltre». Lo scrive in una nota la senatrice del M5s, Margherita Corrado.

«Per verificare la natura dei ritardi accumulati - spiega -, oggetto delle giuste rimostranze e preoccupazioni dell’utenza, ho inviato agli uffici (regionali e nazionali) del Ministero per i Beni e le attività culturali due distinte note contenenti altrettante richieste di accesso agli atti. Si riferiscono l’una all’affidamento dei servizi aggiuntivi alla Fondazione Odyssea sulla base di un progetto approvato dalla Regione fin da ottobre 2014 (!) e finanziato con poco più di 100.000 euro, e l’altra alla realizzazione dell’intervento progettato e finanziato dal FAI insieme all’ex Polo Museale della Calabria dopo il risultato lusinghiero riportato da Capo Colonna nel censimento 2016 “I Luoghi del Cuore”. Quest’ultima iniziativa, in particolare, mira a restituire ai visitatori l’opportunità di affacciarsi dal ciglio del terrazzo che incombe sulla scogliera situata a valle del tempio di Era Lacinia e di avvicinarsi fino a qualche metro dalla celebre colonna dorica, come annunciato nella conferenza stampa congiunta Fai-Mibac della scorsa primavera».

 

 

 

Pubblicato in Politica

museo archeologico capocolonnaIl bicchiere d’acqua è sempre mezzo vuoto e non disseta abbastanza. Da ieri mattina, infatti, il Museo archeologico nazionale di Capocolonna è aperto solo al pomeriggio. Secondo quanto confermato dal direttore Gregorio Aversa la ragione risiede nel fatto che non c’è abbastanza personale addetto. Questo perché di recente i vertici del Polo museale della Calabria avrebbero deciso il dislocamento di 3 unità lavorative da Capo Colonna a Le Castella per l’imminente riapertura della fortezza aragonese al pubblico. Capita così che si parta subito con una figuraccia, con un gruppo di turisti che, giunti ieri mattina con una nave in riva allo Ionio, si sono recati con un bus sul promontorio per la consueta visita guidata e hanno trovato invece le porte del museo sbarrate con grande imbarazzo del tour operator. La situazione adesso è di non facile soluzione in quanto i tre custodi trasferiti rimarranno nella sede di Le Castella fino al prossimo 15 ottobre. Al Polo museale della Calabria spetta adesso il compito di stendere una coperta che resta sempre troppo striminzita.

 

 

Pubblicato in In primo piano

museo capocolonnaIl Museo archeologico nazionale di Capo Colonna aderisce alla Giornata nazionale del paesaggio promossa dal Mibac proponendo, giovedì 14 marzo prossimo, alle ore 10, l’incontro con Costanza De Simone, archeologa presso l’ufficio Unesco del Cairo, esperta di Nubia ed Egitto. Verrà affrontato il tema Patrimoni culturali “in conflitto”. Il caso della Regione Araba, in felice coincidenza con la mostra fotografica "Occhi sul Mediterraneo" attualmente in corso presso lo stesso Museo di Capo Colonna sino al prossimo 31 marzo 2019, mostra che affronta questioni legate all’immigrazione e alle devastazioni nei territori di guerra, soprattutto in Medio Oriente.
Nel frattempo si è conclusa la Settimana dei Musei, indetta sempre dal Ministero tra 5 e 10 marzo, e che ha visto una consistente partecipazione di pubblico, anche grazie ad un ciclo di iniziative promosse dal Museo archeologico nazionale di Crotone: giovedì 7 marzo si è svolta la presentazione del Monetiere (realizzato grazie alla sponsorizzazione della Arcuri Auto srl) che è stato illustrato dalla numismatica Giorgia Gargano assieme all’archeologo Sabap Alfredo Ruga; venerdì 8 marzo è stato possibile visitare il Museo in compagnia del direttore; mentre sabato 9 marzo il prof. Francesco Lopez ha tenuto una conferenza sul tema “Il cuore nella medicina egizia”. Nel corso della Settimana dei Musei sono state registrate ben 918 presenze al Museo di Crotone e 1.015 al Museo e Parco di Capo Colonna.

 

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

museo capocolonnaIl Polo museale della Calabria e l'Universita' della Calabria hanno siglato un accordo di collaborazione che si inserisce nel quadro del Progetto BlueMed finanziato dalla Comunita' Europea. L'accordo prevede la realizzazione di uno spazio espositivo innovativo presso il Museo archeologico nazionale di Capo Colonna (Crotone). Il Progetto BlueMed, di cui l'Universita' della Calabria e' soggetto attuatore, ha infatti fra i siti pilota anche l'Area Marina Protetta "Capo Rizzuto", per la quale si punta alla valorizzazione dei suoi numerosi relitti. L'obiettivo principale e' supportare lo sviluppo di un turismo sostenibile e responsabile nelle aree costiere ed insulari del Mediterraneo, puntando alla valorizzazione del patrimonio culturale subacqueo, ma e' prevista anche la realizzazione di un "Knowledge Awareness Center" (Kac) che si configura come uno spazio nel quale, attraverso l'utilizzo di tecnologie multimediali, si offrono ai visitatori informazioni e contenuti relativi ai beni culturali e naturalistici presenti sui fondali del Mar Mediterraneo. Il progetto sara' ufficialmente presentato venerdi' 21 settembre 2018, alle ore 11.30, a Cosenza, a Palazzo Arnone. Sara' possibile verificare in anteprima un sistema di realta' virtuale, che verra' installato presso il Museo di Capo Colonna e che consente di effettuare un'immersione virtuale su due relitti di epoca romana presenti sui fondali.

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

decoro pulizia capo colonna«Capo Colonna – commenta una nota del Comune di Crotone – è strategica nelle politiche culturali e turistiche della città. In questo senso si è svolto, questa mattina nella sala giunta, un incontro tecnico al quale con il sindaco Ugo Pugliese hanno partecipato l'assessore alla Cultura Valentina Galdieri, l'assessore al Turismo Giuseppe Frisenda, l'assessore ai Lavori pubblici Leo Pedace, il direttore del Museo e Parco archeologico nazionale di Capo Colonna Gregorio Aversa e il presidente di Akrea Rocco Gaetani. L'incontro è stato finalizzato a garantire pulizia e decoro all'interno dell'area. I presenti hanno convenuto, quale interesse condiviso, di rendere l'intera area funzionale e fruibile tutto l'anno considerato che il turismo culturale rappresenta una importante risorsa per lo sviluppo della città. In ragione di questo sono state stabiliti funzione e compiti che avranno esecuzione, sia nell'immediato, che a lungo raggio. "Ancora una volta la sinergia istituzionale, la condivisione di comuni interessi a favore della collettività, porta a risultati positivi" ha detto il sindaco Ugo Pugliese».

 

 

 

Pubblicato in Cronaca
Pagina 3 di 6