Sabato, 08 Agosto 2020

 

ATTUALITA' NEWS

«Il collegamento Norimberga-Crotone è stato eliminato». Lo rende noto Loris Rossetto presidente dell’associazione “Amici del tedesco”.

Pubblicato in In primo piano

«Crotone-Norimberga, hip hip hurrà! Dal 31 marzo 2020 riprendono i voli due volte a settimana tra la città di Pitagora e la città di Norimberga». Lo rende noto in un comunicato Loris Rossetto, presidente dell’associazione Amici del tedesco.
«Grande soddisfazione – commenta – per l’associazione Amici del tedesco.

Pubblicato in In primo piano

dal nostro inviato Manlio Caiazza

reportage fotografico Francesco Bossio

la provinciakr in tavola norimbergaNORIMBERGA – “Nurnberg” sorge nella regione della Franconia, nel sud-est della Germania, non distante dai confini della Repubblica Ceca. La città ci ha destato subito interesse in virtù degli economici voli diretti bisettimanali dall'aeroporto Sant’Anna di Crotone al prezzo base di soli 22,84 euro. Ma andiamo con ordine e cerchiamo di capire, con solerzia di dettagli, costi, tempi e modi, quali sono le ragioni per visitare questa stupenda cittadina dalle radici medievali.
Anzitutto, aldilà dei costi, la comodità dell'orario dei voli: le 12.45 per l'andata e le 11.30 per il ritorno, per un tempo di percorrenza di circa 2 ore. Giunti all'aeroporto di Norimberga, ci rendiamo subito conto come al modico prezzo di 3.20 euro è possibile prendere immediatamente una delle 3 linee metro di cui dispone il centro urbano e raggiungere in pochi minuti qualunque sia il luogo di soggiorno.
viaggio norimberga1L'offerta B&B è ricca e adatta ad ogni esigenza, personalmente abbiamo optato per il Tiptop Hotel Burgschmiet Garni, raggiunto direttamente in metropolitana, un tre stelle situato proprio dinanzi al romantico ponticello di legno che conduce alla città vecchia, nonché centro nevralgico del borgo. Prezzo per una singola 70 euro circa, 95 per una doppia (tasse di soggiorno incluse), colazione da buffet nuziale, servizio lavanderia economico e puntuale, personale giovane e onnipresente. Tante famiglie con bambini e indispensabile disponibilità. Ma proviamo ad approntare un piccolo tour, sulla base di esperienze vissute.

viaggio norimberga21° giorno. Attraversato il piccolo ponte levatoio su Bucher straBe si accede direttamente nella piazza a nostro parere più vivace della città, la Platz am Tiergärtnertor. Qui, sin dalle 17.00, centinaia di ragazzi e ragazze stendono i propri teli sul selciato e consumano una birra e un pretzel all'ombra di un grande olmo secolare dinanzi alla birreria Wanderer. Proprio in fronte la casa del grande maestro rinascimentale Albrecht Durer, vale la pena una visita nonostante l'intero complesso sia stato ricostruito dal Municipio, la quale contiene una riproduzione dei laboratori originali, dei luoghi di vita quotidiana e una piccola mostra di pittori dell'epoca, tra cui un Hieronymus Bosch e delle pregevoli emulazioni del "Autoritratto con Pelliccia". Col biglietto di ingresso (solo 1,50€ per gli studenti, 6 per i senior) in omaggio una cartolina del celebre pittore. Terminata la visita alla Albrecht Durer Haus, per vicinanza, è immediata e opportuna una visita agli stupendi giardini che servono il Castello di Norimberga: attenzione alle scale per coloro che sono a corto di fiato, ma si viene ripagati dalla geometrica forma della miriade di piante floreali ed arbusti accuratamente posizionate dalle autorità locali, nonché una stupenda vista dalla balconata di guardia sulla piazza dove passeggiava Durer e un primo impatto con la parete rocciosa che costituisce uno dei bastioni della fortezza.
viaggio norimberga3A questo punto, costeggiando la cinta muraria sulla sinistra, si staglia dinanzi a noi il fiabesco Kaisenburg, residenza dei Conti Hohenzollern. Il Castello è di per sé stupendo, e contiene una ricca collezione di vestigia, armature e munizioni d'epoca, ma purtroppo l'accesso all'imponente torre è interdetto per 2 anni a causa di lavori di ristrutturazione. Interessante una visita al pozzo, profondo oltre 44 metri, con una divertentissima dimostrazione della profondità mediante una carrucola con candele e una telecamera che ci porta nelle viscere della città a scorgere il contenuto di una tinozza d'acqua accuratamente versato pochi secondi prima dalla simpatica guida sempre presente in loco. Curioso, per una piccola sosta, il bar a palafitta alle pendici del castello. Una terrazzina tra i fiori con calde coperte a disposizione per i meno temerari.
viaggio norimberga4Ma andiamo all'offerta enogastronomica, che in questa piccola piazza ci ha colpito più che in altri luoghi. L'Albrecht-Dürer-Stube, a pochi metri dalla residenza del pittore, è sicuramente il ristorante che ci ha deliziato maggiormente, per comodità di posizione, economicità e bellezza degli ambienti. Ottima birra locale, proverbiale schaufele (il piatto tipico locale, spalla di maiale tenerissima dalla crosta croccante, accompagnata da patate al forno e crauti), un contorno di asparagi bianchi (prodotto immancabile in città) servito con erba cipollina e uova sode, per finire frittelline di mele intere (Apfelküchlein). Prezzo medio 20 € a testa, sicuramente imbattibile in città. Location minuscola (solo 7 tavoli) e arredamento sublime. Impossibile mangiare senza prenotare. Noi ci siamo stati per ben due volte, tale la qualità dei piatti e del servizio delle giunoniche e sorridenti inservienti in abiti tradizionali.

viaggio norimberga52° giorno Le maggiori attrazioni della città si trovano all'interno della ristretta cinta muraria, quindi non sarà quasi mai necessario utilizzare i mezzi pubblici, salvo che per rare eccezioni. Abbiamo dedicato la seconda giornata di permanenza alla visita delle più belle chiese in città, in cui lo stile gotico la fa da padrone. Discendendo nuovamente dalla Piazza che diede dimora ad Albercht Durer si giunge senza problemi alla stupenda San Sebaldo, protettore della città di Norimberga, chiesa di culto luterano che costituisce la prima delle strutture ecclesiastiche imperdibili in città.
La visita è gratuita e richiede pochissimo tempo. A poche decine di metri il museo del giocattolo, che ricorda lo storico legame tra questa città e l'industria ludica. Non lo abbiamo visitato per ovvie ragioni, ma la visita è imperdibile con bambini al seguito. Discendendo ancora in direzione del fiume Pegnitz, che taglia letteralmente in due il centro storico, raggiungiamo senza problemi Frauenkirche, la Chiesa di Nostra Signora che si staglia su Hauptmarkt, la piazza dove sorgono i famosi mercatini di Natale nella stagione invernale, in primavera ed estate solcata da variegati banchi di fiori, frutta e dolci.

viaggio norimberga6Alle 12 in punto il grande carillon che sovrasta la basilica si mette in moto, regalando uno stupendo spettacolo di campane e piroette agli avventori. Senza dubbio da non perdere prima o dopo una visita alla strana pianta dell'edificio religioso. In questa piazza è possibile fare un piccolo snack nelle numerose birrerie o nei piccoli chioschi, magari assaggiando le famose salsicce locali: minuscole poiché la leggenda vuole che gli amici di un prigioniero le produssero di piccola taglia per infilarle nel buco della serratura della prigione e non privare il caro amico del succulento boccone. Da HauptMarkt parte inoltre un piccolo trenino che consente di girare per intero la città con guida anche in italiano e al coperto in caso di pioggia. Durata 47 minuti, costo 7,50 euro.
Terminato il tour, vi è sufficiente attraversare il fiume da uno dei tanti bellissimi ponti (consigliamo il piccolo ponte di legno accanto la casa che fu del boia sull'isola di Trodelmarkt, ma non perdetevi neppure l'ondulante ponte delle catene) per raggiungere la chiesa probabilmente più bella di viaggio norimberga7Norimberga, San Lorenzo, la quale merita una visita più accurata e un'occhiata alle 2 guglie, diverse tra loro poiché commissionate a due artigiani diversi in competizione tra loro! Terminata la giornata, torniamo al nostro amato cibo. Abbiamo assaggiato per voi il Ristorante Trodelstuben sull'isoletta di Trodelmarkt. Personale allegro e cortesissimo, ottimi gli spatzle con formaggio serviti direttamente in tegami roventi, ancora Schaufele di maiale, non male anche i taglieri di formaggi. Prezzo sui 30 euro, ottima la selezione di birre, in particolare abbiamo assaporato la birra scura affumicata. Indimenticabile.

viaggio norimberga83°giorno Ormai visitato in lungo e in largo il centro di Norimberga, ci siamo recati per voi al centro di documentazione del Partito Nazionalsocialista (Dokumentationszentrum Reichsparteitagsgelände), un vastissimo complesso sorto per ospitare i congressi del partito ed attualmente trasformato in museo per ricordare gli orrori e i crimini del nazismo. Norimberga infatti è tristemente nota per aver dato il nome alle leggi razziali e infine per aver ospitato il processo ad alcuni tra i più alti gerarchi nazisti. Hitler, difatti, ne fece una delle capitali del Reich insieme a Monaco e Berlino. L'edificio, imponente esempio di architettura brutalista, con le sue spigolature vuole soffermare l'accento sul decadentismo procurato dal terzo reich, senza fronzoli ne ambizioni di amenità. I labirintici ambienti offrono l'intera ricostruzione della storia della germania nazista, dalla sua nascita, ai suoi orrori, alla sua irrimediabile caduta. Il museo è raggiungibile facilmente con bus o metro, prezzo del biglietto tra le 5 e le 10 eurocon audioguida.

viaggio norimberga9Terminata la truce visita al centro di documentazione per i crimini del nazismo, molto impegnativa per tempistiche e sentimenti, è ora finalmente possibile, clima permettendo, una lunga passeggiata all'insegna dello shopping, cominciando da Kaiserstrasse, che ospita gli atelier di alta moda, concedendosi una breve pausa nei romantici cafè del lungofiume Pegnitz e infine risalendo la città vecchia attraverso gli stupendi ponti in pietra di FleischBrucke o di Maxbruche. Qui vicino da non perdere il Germanisches Nationalmuseum, il museo nazionale tedesco, che con 1.200.000 pezzi è considerato il più ricco museo storico-culturale della Germania, tra cui una ricchissima galleria d'arte che spazia dai maestri fiamminghi all'arte rinascimentale. Per finire una rapida passeggiata attraverso Le mura e il quartiere Handwerkerhof, negozietti e birrerie tra le imponenti mura di cinta, che contribuiscono a trasmettere al visitatore l'atmosfera medievale rimasta ancora intatta. Ma finalmente e ora di cena, e abbiamo scelto per voi il ristorante Zum Albrecht Duerer Haus, in uno stupendo palazzotto alle pendici del castello imperiale che dalle sue finestrelle consente una vista irrinunciabile sulla casa che fu di albrecht durer. Personale anche qui impeccabile, oltre all'immancabile schaufele abbiamo assaggiato per voi la guancia di vitello al vino Porto e il goulasch di salciccette di Norimberga. Squisito il crumble di mele, curioso il tagliere di formaggi: un mix di boccaccetti contenenti una varietà di formaggi freschi e stagionati. Conto sui 30€ e location da brividi immersi tra luci soffuse e fresche orchidee.

viaggio norimberga104°giorno Tre giorni sono più che sufficienti per visitare le maggiori attrazioni di Norimberga, pertanto consigliamo il quarto giorno di prendere uno degli efficientissimi treni della centralissima stazione di Hauptbahnhof e visitare con un viaggio di poche ore le vicinissime Monaco o Praga.
Noi abbiamo scelto Ratisbona, conoscendo più che egregiamente le altre due mete. Giunti in stazione un carinissimo signore dall'accento cosentino emigrato anni orsono ci consiglia di fare il "Bayernticket", un biglietto al costo di 23 euro (gli altri 3 passeggeri pagano solo 3 euro ciascuno) che consente di visitare una intera regione per quasi 24 ore con viaggi illimitati. Da non perdere. Ratisbona val bene una messa, le guglie dell'incantevole duomo in stile gotico, impreziosite dalle luminose e incantevoli vetrate, si stagliano su tutta la cittadina che attraversata proverbialmente dal Danubio consente di essere visitata per intero dai vaporetti che offrono anche servizio di ristorazione a pochi euro. Dal natante è possibile scrutare sull'altopiano il Walhalla, un'architettura di tradizione nordica, ovvero il luogo in cui si riunivano le anime degli eroi deceduti in guerra.

viaggio norimberga11All'interno i busti delle maggiori personalità della storia germanica, da Einstein a Kant. Una breve visita all'abbazia benedettina di St.Emmeram e Ratisbona non ha quasi più segreti. Per il pranzo, proprio alla sinistra del Duomo di Ratisbona potrete notare un piccolo arco in pietra, da li si acceda quasi segretamente a un meraviglioso giardino: è il ristorante dell'Hotel Bischofshof am Dom. Una sosta in questo piccolo Eden vi ripagherà delle fatiche del viaggio. Pronti a tornare a Crotone, una piccola nota sulla popolazione germanica. Sembrerà assurdo, i tedeschi sono precisissimi ma non tutti uguali: alcuni sono disponibili e sorridenti, altri molto scortesi.
Alla fine ogni mondo è paese. Buon viaggio.

 

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

norimbergaUn comunicato del Comune di Crotone informa che: «Sabato 9 marzo prossimo, alle ore 11.30, presso la sala consiliare del Comune di Crotone ci sarà un incontro sul tema "Ponte culturale e sportivo tra Crotone e Norimberga". L'evento è organizzato in occasione dell'ormai prossimo avvio dei voli diretti tra Crotone e Norimberga. A partire dal 2 aprile, Crotone avrà per la prima volta in modo stabile (al martedì e al sabato) un collegamento aereo diretto con la città di Norimberga.
Il programma di sabato prevede i saluti di benvenuto dell'assessore allo Sport e al turismo Giuseppe Frisenda e dell'assessore all'Istruzione Francesco Pesce. Seguirà l'intervento di Michael Wermuth, studente universitario di Norimberga. Michael Wermuth presenterà tramite un file Power point la città di Norimberga. In conclusione Loris Rossetto, presidente dell'associazione Amici del tedesco, parlerà di future collaborazioni con scuole ed istituti sportivi e culturali di Norimberga.
L'evento è organizzato dall'associazione Amici del tedesco per promuovere l'utilizzo del volo Crotone Norimberga. Per l'aeroporto di Crotone si tratta di un importante collegamento quasi a carattere sperimentale. Se il volo sarà utilizzato da molte persone, anche altre compagnie aeree potrebbero avere interesse ad utilizzare lo scalo di Crotone per collegamenti con l'estero. Fondamentale dunque promuovere questo primo collegamento con la Germania invitando i cittadini di Norimberga a visitare la città di Pitagora. Norimberga è una città con mezzo milione di abitanti, situata nella regione della Baviera. Per Crotone questo volo può significare davvero tanto, se arrivano i primi turisti tedeschi poi sarà molto facile avere un effetto trainante nei prossimi mesi.
La Calabria sta diventando una meta molto apprezzata da parte dei turisti di lingua tedesca, al momento principalmente sulla costa tirrenica, ma da un po' di tempo si inizia a vedere un maggiore interesse anche per la costa ionica e per la città di Crotone. I tedeschi che sino ad ora hanno fatto tappa a Crotone sono rimasti letteralmente incantati dalle bellezze naturali e dalla cordialità della gente. Adesso con un volo diretto sarà ancora più facile far arrivare turisti di lingua tedesca».

 

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

ryanair atterraggio crotone pistaNuovi collegamenti da e per gli aeroporti calabresi. E' quanto prevede un accordo tra la Sacal e la compagnia aerea low cost Ryanair finalizzato al potenziamento dell'impegno della compagnia nei tre scali di Lamezia Terme, Crotone e Reggio Calabria. L'intesa e' stata presentata in una conferenza stampa dal presidente della Sacal, la societa' di gestione degli aeroporti calabresi, Arturo De Felice, e da David O'Brien, chief commercial officer di Ryanair. In particolare, l'accordo, che ha la durata di tre anni, presuppone la sostanziale conferma dell'attivita' di Ryanair sullo scalo di Lamezia Terme, la garanzia della continuita' di voli in quello di Crotone e l'arrivo della compagnia irlandese, per la prima volta, nello scalo di Reggio Calabria. Nel dettaglio, le novita' illustrate da De Felice e O'Brien, previste a partire dall'estate 2019, sono una rotta Lamezia Terme-Malta, che si aggiunge alle 10 gia' presenti nell'aeroporto lametino, due rotte a Crotone con destinazione Bologna e Norimberga, in aggiunta a quella attuale prevista per Bergamo, e una rotta nazionale e una internazionale da Reggio Calabria, che saranno definite una volta ultimati alcuni lavori tecnici allo scalo dello Stretto. Nel complesso, l'obiettivo indicato da Ryanair e' quello di raggiungere, nello scalo di Lamezia Terme, 1,2 milioni di clienti con un risparmio di 204 milioni di euro per i viaggiatori grazie alle tariffe basse praticate dalla compagnia, e 170mila clienti nell'aeroporto di Crotone. Prevista anche una ricaduta occupazionale di oltre mille posti di lavoro, 900 dei quali individuati per l'aeroporto lametino. In conferenza stampa, De Felice ha sottolineato "i grandi sforzi portati avanti da Sacal, che si e' trovata a gestire un situazione di emergenza a causa delle difficolta' ereditate dalle precedenti fallimentari gestioni di Crotone e Reggio Calabria: continueremo a lavorare per evitare i disastri e gli errori del passato, faremo le cose come sempre riservatamente e i risultati arriveranno come sono arrivati con l'aumento del traffico. Questo accordo con la piu' grande compagnia aerea europea - ha aggiunto il presidente della Sacal - e' un successo senza precedenti, una svolta epocale per il sistema aeroportuale regionale perche' Ryanair colleghera' tutti gli scali calabresi". O'Brien ha ringraziato il management della Sacal "per la fiducia accordataci in questa fase particolarmente difficile per l'aviazione europea, caratterizzata anche da fallimenti di storiche compagnie".

 

 

 

Pubblicato in Cronaca