fbpx
Martedì, 29 Novembre 2022

ATTUALITA' NEWS

«Portato a buon fine - informa una nota del Comune di Crotone - un altro cospicuo finanziamento dall'Amministrazione comunale: è stato, infatti, aggiudicato definitivamente l'appalto dei lavori relativi agli interventi di messa in sicurezza e bonifica dalla presenza di conglomerato idraulico catalizzato (Cic) rilevato nell'area della scuola San Francesco».

Pubblicato in Attualita'

«Sono iniziati questa mattina – informa una nota dell’Amministrazione comunale di Crotone – i lavori del primo cantiere del progetto Antica Kroton: la riqualificazione e rifunzionalizzazione del complesso scolastico "San Francesco"».

Pubblicato in In primo piano

«Il prossimo lunedì 21 febbraio – si legge in una nota dell’Amministrazione comunale di Crotone – segna una data importante per il progetto Antica Kroton: sarà inaugurato, infatti, il primo cantiere del progetto finalizzato, nella visione dell'amministrazione comunale, a incidere profondamente nello sviluppo della città».

Pubblicato in In primo piano

Akrea ha diffuso una nota in cui evidenzia due comportamenti, uno deprecabile, l'atro positivo, rispetto alla tenuta del decoro urbano da parte dei cittadini crotonesi nei rispettivi quartieri di residenza.

Pubblicato in In primo piano

scuola san francesco crotone«Il progetto Antica Kroton – informa una nota – continua il suo percorso. Ieri l'Amministrazione comunale ha pubblicato il bando per la riqualificazione e la rifunzionalizzazione della Scuola di San Francesco. Il bando prevede 1.617649,89 di euro, importo soggetto a ribasso, le domande dovranno pervenire entro il 17 settembre. Tra la progettazione definitiva e i lavori si è valutato un tempo di realizzazione di 13 mesi». A darne notizia l'assessore all'Urbanistica, Nino Crugliano: «L'antica Kroton è un progetto complesso che prevede più fasi e interventi diversi. In attesa di ricevere i risultati dell'archeologia preventiva, che saranno pronti per metà settembre, fondamentali per procedere poi allo scavo e alla valorizzazione del sito archeologico, stiamo lavorando a quelle opere collaterali ma anch'esse strategiche. Nella scuola di San Francesco, infatti, sorgerà lo spazio per la catalogazione e lo studio dei reperti archeologici, ma anche la sede per realizzare startup di aziende culturali. Questi lavori - continua l'assessore - sono importanti non solo per il progetto ma anche per restituire alla città uno spazio che il cic e l'inquinamento aveva cancellato. I lavori di riqualificazione della scuola saranno paralleli a quelli di bonifica del sito, bonifica che prevede l'asportazione del cic ed il conferimento in discarica. Sono molto soddisfatto - conclude Crugliano - di poter dare questa notizia alla città. La pubblicazione del bando per la scuola di San Francesco, segue di pochi giorni l'assegnazione dei lavori per il completamento del teatro comunale. Anche questa un'opera fondamentale che la città sta aspettando da troppi anni e che finalmente riusciremo a completare».

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

scuola san francesco crotone«Inizia martedì 11 luglio al ministero dell’Ambiente l’iter di approvazione del progetto di rimozione e smaltimento del CIC (conglomerato idraulico catalizzato) nella scuola San Francesco di Crotone, inclusa nel 2017 nel perimetro del Sin». Lo rende noto il commissario straordinario per la bonifica del Sin di Crotone, Elisabetta Belli. «Il ministero dell’Ambiente – informa il commissario Belli –, infatti, ha convocato per quella data la conferenza dei servizi istruttoria per esaminare il “Progetto operativo Area 8 - scuola S. Francesco”, inviato il 1° giugno dal Comune, in qualità di soggetto attuatore, al dicastero di via Cristoforo Colombo. Il progetto riguarda un’area di oltre 9 mila metri quadrati e prevede la rimozione di circa 14 mila metri cubi di Cic. Il costo stimato è di circa 12 milioni di euro. Si tratta del primo dei quattro progetti di bonifica delle aree prioritarie contaminate dal Cic (le altre sono gli alloggi Aterp in località Margherita, l’Istituto tecnico-commerciale “Lucifero” e gli alloggi Aterp in località Lampanaro) che il Comune dovrà trasmettere. Un passo concreto – afferma il commissario straordinario per la bonifica del Sin di Crotone, Elisabetta Belli – per la restituzione ai cittadini di un bene comune bonificato e fruibile, che, per troppo tempo, è stato uno dei luoghi simbolo della contaminazione ambientale della città. Con l’inizio dell’iter di approvazione ministeriale del progetto sulla scuola San Francesco, si pongono le basi per la bonifica delle aree prioritarie contaminate dal Cic. Un bel segnale, insieme a quello che ci si attende dalla Conferenza dei servizi di lunedì prossimo, che auspicabilmente approverà il Pob Fase 2 (il progetto operativo di bonifica delle discariche fronte mare e delle aree industriali), e all’istanza presentata il 20 giugno da Syndial alla Regione Calabria per il rilascio del provvedimento unico ambientale sulle opere di protezione dalle mareggiate degli interventi di rimozione delle discariche (Pob Fase 1)».

 

 

 

Pubblicato in In primo piano
Pagina 1 di 2