Venerdì, 14 Agosto 2020

 

ATTUALITA' NEWS

«Il controllo e la prevenzione del fenomeno dell'abbandono di rifiuti nel territorio comunale di Isola di Capo Rizzuto, sta assumendo le dimensioni di una lotta senza quartiere».

Pubblicato in Cronaca

Durante il controllo del territorio personale della Polizia locale di Crotone ha denunciato all'autorità giudiziaria B.T. perché, in località Campione, ha violato i sigilli in un manufatto già sottoposto a sequestro di polizia giudiziaria. 

Pubblicato in Cronaca

«Purtroppo il continuo abbandono di rifiuti presso l'isola ecologica di Isola ci ha costretti ad adottare sistemi piu' stringenti, tra i quali le fototrappole». È quanto scrive il comandante della Polizia locale di Isola Capo Rizzuto, Francesco Iorno.

Pubblicato in Cronaca

Nel corso della settimana, in relazione alle norme anti Covid-19, personale della Questura di Crotone unitamente a personale del Reparto prevenzione crimine di Cosenza, ha sanzionato 15 persone, ai sensi del D.L. n. 19 del 25 marzo 2020, in quanto in circostanze diverse, sono stati sorpresi lungo le vie cittadine senza giustificato motivo.

Pubblicato in Cronaca

Nel corso della settimana, in relazione alle norme anti Covid-19, nell’ambito di appositi servizi di controllo straordinario, personale della Questura di Crotone unitamente a personale del Reparto Prevenzione Crimine di Cosenza, ha sanzionato 67 persone, ai sensi del decreto legge numero 19 del 25 marzo 2020, in quanto in circostanze diverse, sono stati sorpresi lungo le vie cittadine senza giustificato motivo.

Nella giornata di sabato 11 aprile scorso, personale della Squadra Volante ha segnalato amministrativamente al prefetto, ai sensi dell’art.75 D.P.R. 309/90, M. M. D. nato a Genova classe di 51 anni, in quanto assuntore di sostanze stupefacenti. Nella circostanza l’uomo è stato trovato in possesso di un grammo di “cocaina”, opportunamente sequestrata.

Nel primo pomeriggio del 12 aprile scorso, personale della squadra Volante ha segnalato amministrativamente al prefetto, F. S. M., crotonese di 64 anni, in quanto assuntore di sostanze stupefacenti. Nella circostanza, l’uomo è stato trovato in possesso di 0.60 grammi di “eroina”, opportunamente sequestrata.

Nella giornata del 13 aprile scorso, personale della Divisione Pasi nell’ambito di controlli relativi all’osservanza delle disposizioni previste dal decreto legge numero 19 del 25 marzo 2020, in relazione alle norme anti Covid, ha elevato 3 sanzioni amministrative pari a 400,00 euro cadauno in violazione dell’ordinanze numero 12 del 20 marzo 2020 e numero 25 del 3 aprile 2020 e successive integrazioni, emesse dal presidente della Regione Calabria, ad altrettanti titolari di esercizi commerciali. Inoltre si è proceduto alla contestuale sospensione dell’attività per cinque giorni prevista come sanzione accessoria per ognuna delle attività sopracitate.

Sempre personale della Divisione Pasi ha deferito in stato di libertà per “false attestazioni rese a pubblico ufficiale”, P. B. crotonese di 33 anni. Lo stesso, sorpreso a circolare per le vie cittadine, ha dichiarato di essere uscito dal proprio domicilio per motivi di necessità e urgenza, dichiarazione che veniva successivamente ritenuta falsa e ingannevole da parte degli operatori, per cui gli agenti hanno proceduto anche alla contestazione della sanzione amministrativa secondo quanto previsto per un importo pari a 400,00 euro in misura ridotta.

Nella giornata di martedì 14 aprile scorso, personale della divisione Polizia amministrativa e sociale (Pasi), ha svolto controlli relativi all’osservanza delle disposizioni previste in relazione alle norme anti Covid presso un’attività per la vendita di cosmetica per parrucchieri dove vi era la presenza solo di un dipendente. Dall’accertamento effettuato, è stato emesso dalla Polizia un biglietto d’invito per portare in visione documentazione inerente l’attività nonché per redigere la contestazione amministrativa inerente la violazione di cui art. 8 legge 287/91 (mancanza dell’orario di apertura e chiusura dell’esercizio). Durante altri controlli la Polizia ha invitato la titolare di un’altra, S. G. crotonese di 53 anni, presso gli uffici della Questura, per portare in visione documentazione inerente l’esercizio commerciale.

Nella giornata di mercoledì 15 aprile scorso, personale della Questura, a seguito di un’attività info-investigativa ha identificato e deferito all’Autorità giudiziaria 7 persone, di cui 2 minorenni, che nella giornata di Pasqua, violando le norme relative al contenimento da pandemia da Covid-19, hanno preso parte ad assembramenti non autorizzati con balli e canti, costituendo un concreto pericolo per l’incolumità pubblica. L’attività nasce dalla divulgazione di alcuni video sulla piattaforma di messaggistica istantanea Whatsapp dalle cui immagini si distinguevano alcuni soggetti intenti a cantare e ballare in spregio alle norme vigenti e di quanti, pur in occasione delle festività pasquali, hanno diligentemente osservato le rigide disposizioni governative. Altresì sono stati interessati i competenti Servizi Sanitari per l’applicazione di ulteriori misure di contenimento dei soggetti segnalati. Sono in corso ulteriori accertamenti al fine di identificare eventuali altre persone che hanno preso parte ai festeggiamenti, e la Questura, in proposito, invita nuovamente la cittadinanza al rigoroso rispetto di quanto previsto dalle norme di contenimento del contagio, al fine di evitare l’applicazione di sanzioni amministrative e penali, e soprattutto per porre un freno all’epidemia.

Nella medesima giornata, personale della Squadra Volante ha deferito in stato di libertà S. G. crotonese di 32 anni, residente a Roccabernarda (KR), per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nella circostanza il 32enne, fermato per controllo mentre era a bordo della propria autovettura, è stato trovato in possesso di 3 involucri contenenti 0,50 grammi cadauno di “eroina” e un involucro contenente 2,21 grammi di “cocaina”. La successiva perquisizione effettuata presso l’abitazione del 32enne a Roccabernarda ha consentito il rinvenimento di due involucri contenenti un totale di 1,10 grammi di “eroina”. Tutta la sostanza stupefacente è stata opportunamente sequestrata.

Nella stessa giornata, personale della Divisione Pasi, ha deferito 2 persone per il reato di “false attestazioni o dichiarazioni ad un pubblico ufficiale sulla identità o su qualità personali proprie o di altri”, E. D. crotonese di 28 anni e S. G. crotonese di 32 anni, residente a Roccabernarda (KR). Nella fattispecie, i due, sopresi in circostanze diverse a circolare lungo le vie cittadine, hanno reso false dichiarazioni sull’autocertificazione. È stata inoltre contestata per entrambi, la sanzione amministrativa di 400,00 euro.

Nella notte tra mercoledì 15 e giovedì 16, invece, personale della Squadra Volante ha deferito in stato di libertà G. V. nato a Cirò Marina (KR) di 38 anni, residente a Crotone, perché resosi responsabile del reato di “disturbo della quiete pubblica”.

Nella giornata del 16 aprile scorso, personale Digos ha deferito in stato di libertà, S. S. nato a Crotone di 36 anni, perché resosi responsabile del reato di “inosservanza delle prescrizioni derivanti dalla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza”.

Sempre nella giornata del 16 aprile scorso, personale della divisione Polizia amministrativa e sociale, nell’ambito di controlli relativi all’osservanza delle disposizioni previste in relazione alle norme anti Covid, ha effettuato un intervento nei confronti di una attività per parrucchieri del centro cittadino, la cui titolare, era presente sul posto. La donna è stata invitata a presentarsi presso gli uffici della Questura nel pomeriggio dello stesso giorno, al fine di portare in visione le autorizzazioni amministrative non esibite al momento del controllo. All’esito dei successivi accertamenti il personale ha proceduto a elevare sanzione amministrativa per un importo pari a 5.164,00 euro in misura ridotta, in quanto “esercitava l’attività di vicinato per la vendita al dettaglio di prodotti di parrucchiera, in assenza di autorizzazione amministrativa rilasciata dal comune di Crotone”. In merito il personale procederà ad interessare il comune di Crotone per l’emissione di provvedimento di cessazione immediata dell’attività; inoltre le è stata elevava la sanzione amministrativa di 400,00 euro in misura ridotta e alla contestuale sospensione dell’attività per cinque giorni, in quanto, non ha proceduto a sospendere l’attività di vendita al dettaglio di prodotti di genere non alimentare, nonostante tale attività non rientrasse tra quelle consentite ed individuate di cui ai Dpcm dell’11 marzo 2020, 22 marzo 2020 e 10 aprile 2020.

Nel corso di questa settimana, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio e del “Piano di Azione Nazionale e Transnazionale - Focus ‘ndrangheta” sono stati conseguiti i seguenti risultati:

  • deferite all’Autorità Giudiziaria in stato di libertà nr. 14 persone;
  • segnalata all’Autorità Amministrativa nr. 01 persona;
  • identificate nr. 478 persone;
  • controllati nr. 235 veicoli (anche con sistema Mercurio);
  • effettuati numerosi posti di controllo;
  • elevate nr. 33 sanzioni per violazioni al Codice della Strada;
  • effettuati nr. 05 fermi/sequestri amministrativi e/o penali;
  • effettuate nr. 15 perquisizioni;
  • effettuati nr. 05 accompagnamenti presso questi Uffici per identificazione;
  • effettuati nr. 231 controlli amministrativi ed elevate nr. 02 sanzioni.

 

Pubblicato in Cronaca

Sono state 53 le persone sanzionate a Crotone nel corso della settimana per violazioni alle norme anti Covid-19. È questo il bilancio dei servizi di controllo straordinario condotti da personale della Questura di Crotone unitamente a personale del Reparto prevenzione crimine di Cosenza, che ai sensi del decreto legge 19 del 25 marzo 2020, in quanto in circostanze diverse, i soggetti sono stati sorpresi lungo le vie cittadine senza giustificato motivo.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 3