Lunedì, 21 Settembre 2020

ATTUALITA' NEWS

rifiuti palamilone2«Tolleranza zero verso chi non rispetta le elementari regole del vivere civile». Lo annuncia una nota del Comune. «Da oggi – informa la nota – è in dotazione del Corpo dei Vigili Urbani un servizio di video sorveglianza mobile per documentare le infrazioni commesse da chi non deposita i rifiuti presso i cassonetti negli orari consentiti e soprattutto chi continua ad infestare le strade cittadine di materassi, cartoni ed altri ingombranti causando un danno costante alla vivibilità cittadina. E' una precisa disposizione del sindaco Ugo Pugliese – prosegue la nota – il quale, dopo aver emanato l'ordinanza che prevede il deposito dei rifiuti dalle 20.00 alle 4.00 del mattino ed una serie di prescrizioni relative agli ingombranti ha previsto che vengano effettuate operazioni costanti di controllo per tutelare la vivibilità cittadina. E' stato opportuno fissare le regole, ora è necessario passare all'azione di controllo. Il pool di assessori, Caterina Caccavari assessore alla Sicurezza e Sabrina Gentile assessore alle Attività produttive, in coordinamento con il comandante dei Vigili Urbani Antonio Ceraso ha già predisposto il servizio di video sorveglianza mobile che intercetterà coloro che non rispettano le norme ed il vivere civile. Il Comando dei Vigili Urbani – spiega la nota – procederà, acquisti i filmati, ad elevare le relative sanzioni. Ma c'è di più. I video, su precisa disposizione del sindaco, saranno resi pubblici attraverso i media e i social. Inoltre sta per essere attivato un servizio whatsapp per ricevere direttamente segnalazioni video dai cittadini». «Ho apprezzato molto e li ringrazio – dichiara nel merito il sindaco Ugo Pugliese – i tanti cittadini che hanno compreso lo spirito dell'ordinanza sul conferimento dei rifiuti e che con grande attenzione procedono a conferire negli orari consentiti. La sera li osservo con piacere e con soddisfazione compiere questo piccolo ma significativo gesto di senso civico. Tuttavia –commenta Pugliese – l'inciviltà di pochi, il conferimento selvaggio di questi ultimi finisce per svilire il lavoro che insieme alla comunità stiamo mettendo in piedi per restituire vivibilità alla nostra città. Procederemo dunque – conclude il sindaco Pugliese – al rilevamento video di chi non rispetta le regole e pubblicheremo i video, oltre che elevare sanzioni, perché ritengo che sia giusto che la popolazione perbene che è la maggioranza riconosca ed individui chi non vuole fare parte di una città che ha voglia di recuperare i valori del senso civico».

 

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

fruttaAl fine di porre un freno al fenomeno dell’abusivismo commerciale ed ambulantato, nei giorni scorsi la tematica è stata dibattuta in sede di riunioni presso la Prefettura di questo capoluogo ed in sede di successivo incontro presso la Questura. All’esito di tali riunioni sono stati predisposti mirati servizi interforze, attuati nella giornata di ieri. È stata, così, controllata una attività di commercio su area pubblica, in forma itinerante, per la vendita di prodotti ortofrutticoli “bancarella”. Dagli accertamenti si è evinto come il titolare della stessa non risultasse in possesso delle autorizzazioni amministrative necessarie per intraprendere l'attività. Gli uomini della Polizia intervenuti hanno così elevato una sanzione amministrativa per un importo in misura ridotta pari a 5.164,00 euro. Inoltre, è stato effettuato il sequestro amministrativo della merce esposta, consistente in frutta ed ortaggi di vario genere, per un peso totale pari a 1.157,00 chilogrammi, del valore presumibile pari ad 4.400,00 euro, così come stimato anche dallo stesso proprietario. In considerazione della contestuale attestazione circa il buono stato di conservazione della merce oggetto di sequestro e della sua edibilità, da parte di personale sanitario del servizio Sian dell’Asp di Crotone, intervenuto congiuntamente agli operanti, la merce è stata devoluta all'associazione di volontariato denominata “Il Cireneo” di Crotone. Personale del comando compagnia della Guardia di finanza di Crotone, al termine delle verifiche di competenza, ha riscontrato irregolarità inerenti la mancata emissione del documento fiscale (scontrino) dell’importo di 7,00 euro e l’omessa installazione dell’apparecchio misuratore fiscale. Per queste ultime irregolarità è stata inoltrata segnalazione alla competente Agenzia delle entrate di Crotone, per i successivi provvedimenti di competenza. Inoltre, gli Agenti, unitamente a personale ispettivo in servizio presso la Direzione territoriale del lavoro di Crotone, intervenuto congiuntamente sul posto, hanno proceduto ad identificare due lavoratori, intenti a collaborare con il titolare. I successivi accertamenti di competenza hanno fatto emergere come i predetti non fossero in possesso di regolare contratto di assunzione e quindi “in nero” e, contestualmente, la prefata Direzione territoriale ha provveduto ad elevare le relative contestazioni amministrative a carico del titolare.

 

 

 

 

 

 

Salva

Pubblicato in Cronaca

nas carabinieriROCCABERNARDA - Nella serata di ieri, i militari della Compagnia carabinieri di Petilia Policastro, comandata dal tenente Felice Bucalo, , hanno proceduto a vari controlli del Nas su Roccabernarda, con perquisizioni domiciliari e presidi su tutte le strade di accesso al paese. Il comune di Roccabernarda, infatti, si era messo in evidenza per tristi episodi delinquenziali. In risposta alla legittima domanda di sicurezza pervenuta dalla popolazione, il comando della Compagnia ha coordinaro l'impiego di una pattuglia per ogni Stazione dell'Alto Marchesato, nonché uomini e mezzi del Nucleo Operativo-Radiomobile, per un totale di 12 macchine e circa 30 uomini. Dalle ore 18, sino alla tarda serata di ieri, tutte le strade di accesso al paese sono state presidiate con opportuna dislocazione di posti di controllo con personale dell'Arma in divisa. Oltre al controllo della circolazione e al rispetto del codice stradale, è stata posta particolare attenzione all'individuazione di soggetti pregiudicati, per un totale di 65 persone identificate, 45 veicoli fermati, alcuni dei quali perquisiti. Contemporaneamente altri militari hanno effettuato 7 perquisizioni locali, tra abitazioni private ed esercizi pubblici, riconducibili a soggetti titolari di precedenti di polizia.

 

roccabernarda vedutaDue cittadine di Roccabernarda, di cui una già pregiudicata e recidiva, sono state denunciate per "furto aggravato di energia elettrica", avendo effettuato allacci abusivi alla rete pubblica. Il personale del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità (NAS) di Cosenza ha operato verifiche tra i locali di piazza Aldo Barbaro, spazio centrale della vita del paese. Tre esercizi sono stati colpiti da sanzioni amministrative, avendo violato norme inerenti sicurezza e salute dei consumatori. Il primo bar, in via Guarasci, ha visto disporre la sospensione-chiusura del vano deposito, nonché l'elevazione di sanzioni per un valore complessivo di 21mila euro; in un secondo bar di via Fischia, sono state riscontrate due violazioni entrambe sanzionate con l'importo di mille euro, che si aggiungono all'ulteriore ammontare di euro 440,00 euro, dovuti alla contestazione ai sensi della Legge anti-fumo (per un totale di 2.440,00 euro); un circolo ricreativo, in via Del lavoro, per simili violazioni, ha visto imporsi il pagamento complessivo di 3.440,00 euro. L'intervento, recentemente auspicato da molte segnalazioni dei residenti, si inquadra nell'ottica di una sempre maggiore sensibilità dell'Arma rispetto alle realtà periferiche e vuole dare un netto segnale di vicinanza ai cittadini residenti nelle campagne dell'Alto Marchesato.

 

 

Pubblicato in Cronaca

cotronei municipaleCOTRONEI - «Nella giornata di mercoledì - informa un comunicato -, i Carabinieri della stazione di Cotronei, il Corpo forestale dello Stato e i Vigili urbani, in collaborazione con l'Ufficio tecnico del Comune cotronellaro, hanno effettuato dei controlli sui rifiuti abbandonati per le strade del territorio comunale. L'obiettivo - spiega la nota -, peraltro dichiarato pubblicamente in più occasioni, è stato quello di trovare elementi utili per l'identificazione dei responsabili».

 

«I controlli effettuati - rende noto il comunicato -, hanno consentito di scovare più di qualche soggetto poco avvezzo alle abitudini della raccolta differenziata e poco rispettoso dell'ambiente. Alla fine dei controlli sono state individuate 11 persone fisiche responsabili dell'abbandono dei rifiuti per le quali, scatteranno le previste sanzioni, mente per altri 7/8 casi sono in corso approfondimenti ed indagini. Quello dell'abbandono dei rifiuti - commenta la nota del Comune - oltre ad inquinare il territorio rischia di vanificare gli sforzi della raccolta differenziata "porta a porta" che quotidianamente, con grande senso di responsabilità, la stragrande maggioranza dei cittadini effettua con serietà e correttezza».

 

«Si ritengono soddisfatti - prosegue la nota -, per il lavoro svolto, il sindaco Nicola Belcastro e l'assessore all'Ambiente Francesco Teti, che sentono il dovere di ringraziare le Forze dell'Ordine e gli addetti dell'Ufficio Tecnico per la l'attività realizzata, con l'obiettivo di mettere fine all'abbandono indiscriminato dei rifiuti sulle strada. Controlli come quello avvenuto - conclude -, aggiungono, si ripeteranno ancora, con lo scopo di far cambiare atteggiamento a tutti coloro che non ritengono indispensabile differenziare i rifiuti e tutelare il nostro territorio».

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca
Pagina 3 di 3