Domenica, 09 Agosto 2020

 

ATTUALITA' NEWS

Mario Spanò è stato eletto nuovo presidente di Confindustria Crotone nel corso dell’Assemblea dei soci riunitasi lo scorso martedì presso il Lido degli scogli di Crotone. Presidente del Cda di Cai Service Spa, azienda del Gruppo Spanò da oltre trent'anni attivo nel settore delle forniture industriali ed ospedaliere, Mario Spanò succede a Michele Lucente che in apertura dei lavori ha ricordato il lavoro svolto durante il suo mandato, concluso stamattina con la firma dell'Addendum al Protocollo di legalità per la bonifica del Sin di Crotone.

Pubblicato in In primo piano

serafino mauroSi è spenta nella mattinata di oggi Bina Spatafora, mamma del presidente del consiglio comunale di Crotone Serafino Mauro. Bina è venuta a mancare all’affetto anche degli altri due figli Piera e Ignazio, oltre che di parenti e amici che hanno potuto apprezzare in vita l’integrità e la riservatezza di donna assai credente. I funerali si svolgeranno domani, 9 agosto, presso la parrocchia di San Domenico a Crotone alle ore 11. In mattinata è arrivato il cordoglio del sindaco Ugo Pugliese, dalla giunta e dai dipendenti del Comune di Crotone. Alla famiglia Mauro giungano le più sentite condoglianza dalla redazione della ProvinciaKR.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

procopio megna mauroGiovanni Procopio Consigliere Comunale “Crotone Bene Comune” ha scritto una lettera al presidente del consiglio comunale Serafino Mauro in cui esprime «stupore nell’apprendere che il consigliere comunale Mario Megna, membro delle opposizioni, nonché capogruppo del Partito democratico alla Provincia di Crotone, è stato autorizzato a recarsi, insieme al sindaco della città, a Vicenza in occasione della 34^ assemblea dell’Anci. La perplessità è nata non tanto dalla missione del consigliere, ma dal criterio da cui deriva l’indicazione di un membro dell’opposizione a rappresentare, insieme al sindaco, il Comune di Crotone. Nessuna informazione né tantomeno alcuna discussione è stata fatta con i consiglieri di opposizione qualora fosse stata ravvisata la necessità di una rappresentanza non di maggioranza a partecipare ai lavori dell’Anci. Democrazia vuole che sia l’opposizione a designare un suo rappresentante, altrimenti l’indicazione fatta dalla maggioranza assume ben altro significato. Si dice che in “democrazia anche la forma è sostanza”, per cui mi trovo, mio malgrado, ancora una volta a constatare che vengono continuamente mortificate le più elementari forme di democrazia. Signor presidente del consiglio comunale nel ricordarle, ove ce ne fosse bisogno, che lei è il presidente di tutti i consiglieri e non di una parte, mi appello a lei affinché venga ripristinata l’agibilità democratica del consiglio comunale e lo faccio riconoscendole senso di equilibrio e responsabilità. Infine, nel momento in cui una missione viene legittimata con tanto di impegno di spesa vuol dire che si è ritenuto indispensabile la presenza proprio di quel consigliere e in genere ciò accade all’interno della maggioranza. A tal proposito, caro presidente, le porgo le mie scuse nel caso in cui nel frattempo sia cambiata la maggioranza e io non me ne sia accorto».


Pronta la replica del presidente del consiglio comunale Serafino Mauro che ha anche lui indirizzato la seguente nota al consigliere comunale del gruppo "Crotone Bene Comune": «Caro consigliere Procopio, in riferimento alla sua del 13 ottobre scorso, con la quale esprime alcune valutazione relativamente alla missione autorizzata al consigliere Mario Megna per la partecipazione al congresso nazionale dell'Anci svoltosi nei giorni addietro a Vicenza, mi corre l'obbligo, per dovere istituzionale, formularle alcune precisazioni e considerazioni. Lo stupore da lei manifestato si tramuta nel sottoscritto in meraviglia e in abbondante sorpresa, perché voglio sottolineare che l'assemblea nazionale dell'Anci non riguarda soltanto le maggioranze ma tutte le rappresentanze delle amministrazioni e dei Consigli comunali di tutta Italia. La data di svolgimento di questo evento di particolare rilevanza era a conoscenza di tutti i consiglieri comunali e i sindaci dell'intero Paese, e pertanto qualunque consigliere comunale, di maggioranza o di minoranza che sia, avrebbe potuto manifestare il proprio interesse alla partecipazione, e in relazione al numero dei Consiglieri che ne avessero fatto richiesta, senza distinzione o discriminazione, questa presidenza, nel caso di più richieste, si sarebbe adoperata per organizzare un apposito incontro per condividere il numero e la composizione della delegazione del Comune di Crotone, nel rispetto della pluralità dei gruppi e senza alcuna distinzione e discriminazione, chiedo scusa per la ripetizione. Tra l'altro vorrei ricordarle che questa metodologia, cristallina, è già stata utilizzata in altre circostanze. Mi riferisco in particolar modo alla visita istituzionale che una delegazione dell'amministrazione comunale effettuerà nella città di Samos, in Grecia. In questa circostanza, su mia sollecitazione, si è stabilito, avendo avuto più disponibilità alla partecipazione, una delegazione composta da consiglieri di maggioranza e di minoranza. Mi auguro che lei non voglia sostenere che anche in questo caso i due consiglieri di minoranza che parteciperanno a Samos siano passati con la maggioranza. Di conseguenza nessuna ferita alla democrazia e alla sua agibilità è stata inferta dal sottoscritto, e, a onor del vero, nemmeno dal consigliere Megna che ha legittimamente e con correttezza presentato la sua richiesta per iscritto e nella sua qualità, oltre che di Consigliere, anche di capo gruppo e di presidente di una delle Commissioni permanenti. Le preciso, inoltre, che dopo quattordici mesi di vita di questa Consiliatura, questa missione è stata la prima autorizzata dal sottoscritto. Come vede, caro consigliere Procopio, il mio agire, in rispetto al ruolo che ricopro e secondo il mio stile di vita, è sempre orientato alla correttezza istituzionale e alla trasparenza, al di là di chi possa scrivere il contrario o semplicemente suggerirlo. La pregherei in futuro di evitare verso la presidenza del Consiglio comunale rilievi di natura politica e la invito ad attenersi unicamente, come è d'obbligo per tutti i Consiglieri a partire dal sottoscritto, a valutazioni di carattere istituzionale e non a velate o meno polemiche che appartengono al solo dibattito politico».

Pubblicato in Politica

benedetta pacenzaLa lettera pubblicata dalla Provincia KR, quella di una tifosa che estende i sentimenti di appartenenza e di riscatto alla "favola Crotone", è piaciuta davvero tanto [LEGGI ARTICOLO]. Soprattutto al presidente del consiglio comunale Serafino Mauro che, in occasione della menzione speciale conferita dall'Amministrazione a tecnico e società, ha deciso di leggerla per esprimere tutto ciò che questa incredibile salvezza ha rrapresentato per la comunità cittadina e calabrese. L'autrice della lettera è Benedetta Pacenza, 20 anni, studentessa di farmacia presso l'università di Perugia. «La notte - scrive Benedetta - in cui ho capito a chi dedicare questa vittoria: a noi stessi, ai crotonesi fieri, a chi non si nasconde, alle persone oneste che fanno della loro vita un dono, a chi ha coraggio di non tacere di fronte a niente, a chi si guarda intorno e non vede solo se stesso, a chi salva vite e popolazioni intere, a chi ha sempre speranza nella bontà, nella dignità, nei valori veri. Dedichiamo questa vittoria alla città di Crotone, che possa ripartire davvero da qui, che possa anch'essa rialzare la testa e combattere per quello che è giusto». Queste parole hanno risvegliato un orgoglio sopito e un senso di appartenenza che serviva a una città prigioniera di una difficoltà reale e quotidiana. Adesso il presidente Mauro ha deciso di incontrare Benedetta per complimentarsi  con lei e renderle omaggio. Noi della Provincia KR facciamo un in bocca al lupo sincero a lei, perché raggiunga i traguardi professionali e di vita che merita.

 

 

 

 

Pubblicato in Attualita'