Giovedì, 24 Settembre 2020

ATTUALITA' NEWS

Le sigle di categoria Slc-Cgil, Fistel-Cisl e Uilcom-Uil della Calabria rendono noto che: «Oggi 4 aprile 2020, ha avuto luogo l'esame congiunto, in modalità video conferenza, tra l'azienda Abramo customer care, le Organizzazioni sindacali e le Rsu della Calabria, fissata a seguito della comunicazione inoltrata dall'azienda il primo aprile scorso di avvio della procedura del Fondo d’integrazione salariale (Fis) ex articolo 19 dl numero 18/2020. L'esame congiunto non si è concluso a causa di altri impegni della delegazione aziendale, la quale, ha proposto di proseguire il confronto lunedì 6 aprile. La delegazione sindacale ha stigmatizzato il comportamento aziendale di aver già comunicato la programmazione del Fis ai lavoratori, prima dell'esame congiunto. L'azienda ha preso la parola, illustrando il suo progetto di applicazione dell'ammortizzatore sociale, sulle singole sedi e commesse. Ha poi precisato che, a valle di tutte le valutazioni del caso, non applicherà il Fis in maniera retroattiva ma dalla data del 6 aprile prossimo. Inoltre ha comunicato che le condizioni finanziarie della società non consentono di poter anticipare l'integrazione salariale ai lavoratori. La delegazione sindacale ha fortemente contestato l'impostazione aziendale di applicazione del Fis, in quanto profondamente iniqua perché rigidamente connessa all'assegnazione delle postazioni smart working. Di fatto a regime i lavoratori verrebbero divisi in due gruppi: quelli che avranno lo smart working e continueranno a lavorare da casa a stipendio pieno e magari anche con il supplementare, e tutti gli altri a cui verrà applicato il Fis al 100%. Una circostanza inaccettabile per le Organizzazioni sindacali e le Rsu, che se non verrà profondamente modificata, renderà inevitabile una fase di conflitto con le parti sociali, molto alto. Vista la posizione della delegazione sindacale, l'azienda ha proposto di proseguire l'esame congiunto lunedì prossimo alle ore 12. Nell'accogliere la richiesta aziendale, la delegazione sindacale ha però chiarito che riterrà imprescindibile l'applicazione di criteri di equità nell'assegnazione delle giornate di Fis per poter ipotizzare la condivisione dell'esame congiunto. Tuttavia, potendo l'azienda procedere unilateralmente, come ha già iniziato a fare, non sarà disponibile a tollerare nessuna forma di discriminazione tra i lavoratori che potrebbe aggravare ulteriormente una situazione di notevole disagio (e non solo economico). Pertanto, se non si avranno sufficienti garanzie da parte dell'Abramo customer care su questo aspetto, al termine del prossimo incontro di lunedì, si valuteranno tutte le eventuali azioni sindacali da mettere in campo per tutelare i lavoratori».

Pubblicato in Attualita'

CATANZARO - «Dobbiamo vincere la battaglia contro il coronavirus, serve maggior dialogo e coesione». Lo ha detto il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri, che oggi ha visitato l'ospedale Pugliese-Ciaccio di Catanzaro individuato dalla Regione come hub di riferimento per l'emergenza.

Pubblicato in Politica

Le sigle di categoria Slc-Cgil, Fistel-Cisl e Uilcom-Uil rendono noto che: «L'azienda questa sera in videoconferenza, ha informato le segreterie regionali che domani saranno aperte le procedure su tutte le sedi Italiane della Abramo customer care e per tutte le commesse, per utilizzare il Fondo d’integrazione salariale (Fis) assegno ordinario».

Pubblicato in In primo piano

Quarta riunione quest’oggi del tavolo bilaterale permanente fra l'azienda Abramo customer care e le segreterie regionali delle organizzazioni sindacali Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil, costituito per affrontare tutte le problematiche connesse all'emergenza Covid-19 (Coronavirus). Come primo punto sono stati affrontati i temi riguardanti l'applicazione del protocollo sulla sicurezza: distanze fra gli operatori, pulizia postazioni, sanificazioni e smart working.

Pubblicato in In primo piano

Al termine dell'incontro in videoncoferenza avuto questo pomeriggio con i vertici aziendali della Abramo customer care, le segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil informano di aver proceduto con la «proclamazione dello sciopero per la giornata del 25 marzo».

Pubblicato in In primo piano

«L'azienda Abramo customer care ha appena comunicato di non essere in grado di rispettare la data di pagamento del 25 marzo come da precedenti impegni, dichiarando inoltre di non essere nelle condizioni di fornire una data per il pagamento delle spettanze di febbraio».

Pubblicato in In primo piano
Pagina 2 di 16