Domenica, 09 Agosto 2020

 

ATTUALITA' NEWS

«Anche oggi, 20 marzo, mi sono allenato: in realtà in questa data avrei dovuto difendere il titolo a Mantova».

Pubblicato in Sport

loriga cavallucci cerimonia pesoCerimonia del peso alla vigilia del match per il titolo dei pesi welter tra Emanuele Cavallucci e lo squalo rossoblù Tobia Loriga in programma questo venerdì (4 ottobre) a partire dalle ore 20 presso il Palamilone di Crotone. Questa mattina, nella sala consiliare, si è respirata l'atmosfera dello sport puro, l'essenza della nobile arte nella sua espressione piena. Sia il campione Cavallucci, che lo sfidante, il crotonese Tobia Loriga, hanno dimostrato pienamente di essere due “gentiluomini” del ring, manifestando non solo l'apprezzamento reciproco, ma evidenziando che il pugilato è uno sport dove il rispetto dell'avversario è la prima regola. Domani sera alle ore 20 al Palamilone si accenderanno le luci sul ring per l'incontro che assegnerà il titolo italiano dei welter ma già da oggi nel corso della cerimonia del peso (entrambi hanno registrato 66,5 chilogrammi) si è entrati nel vivo di un incontro che segna un'altra pagina importante nella storia dello sport crotonese. Tobia Loriga, che ha dedicato l'incontro alla memoria del padre Salvatore, pioniere della boxe crotonese, ritorna sul ring che qualche anno fa lo ha visto conquistare la corona dei welter. Cavallucci, che ha dichiarato di non vedere l'ora di salire sul ring, ha ringraziato la città e l'organizzazione per l'accoglienza. L'assessore allo Sport Giuseppe Frisenda nel salutare i due pugili ha invitato, ancora una volta, la cittadinanza a partecipare a questa ulteriore festa dello sport per la città di Crotone.

 

 

 

 

Pubblicato in Sport

frisenda loriga paonessa«Sentire le sue parole – riferisce una nnota del Comune di Crotone – non è solo ascoltare una storia sportiva, è una vera e propria palestra di vita. È lo squalo rossoblù, Tobia Loriga, che sfidando la legge del tempo, è pronto per una nuova sfida: l'incontro per il titolo italiano dei pesi welter che si terrà il prossimo 4 ottobre al Palamilone. Il match che il campione crotonese sosterrà contro il campione in carica Emanuele Cavallucci è stato presentato questa mattina nella sala giunta. Con il pugile, già campione italiano nella stessa categoria, presenti l'assessore allo Sport Giuseppe Frisenda e il delegato provinciale Coni Daniele Paonessa. Il 4 ottobre Tobia è pronto a salire sul ring del Palamilone che lo ha già visto conquistare la corona dei welter in uno storico incontro con la partecipazione di tutta la comunità cittadina il 2 marzo 2017. Cittadinanza che è stata invitata a sostenere Tobia anche in occasione di questa nuova sfida. L'assessore Giuseppe Frisenda ha invitato cittadini, studenti, mondo dello sport a riempire il palazzetto dello sport in occasione di una sfida che si preannuncia difficile per la caratura dell'avversario ma che Tobia Loriga sta preparando con attenzione allenandosi scrupolosamente con la passione che lo contraddistingue da sempre. Daniele Paonessa, delegato provinciale Coni ha evidenziato le qualità sportive e personali del pugile esempio per le giovani generazioni e ha anticipato che Tobia Loriga sarà uno dei testimonial dello sport crotonese in occasione del Trofeo Coni Kinder + Sport che si terrà in città dal prossimo 26 settembre. “La boxe – ha detto Tobia Loriga – è la mia vita. Così come mi rende orgoglioso salire sui ring per incontri nazionali e internazionali per rappresentare la mia città. Sono le componenti che mi motivano a continuare ed accettare nuove sfide. Rispetto l'avversario che tecnicamente è molto dotato, ma soprattutto sto lavorando su me stesso per presentarmi al 100% all'incontro del prossimo 4 ottobre", ha precisato Tobia Loriga. Nelle sue dichiarazioni non ha dimenticato i giovani che frequentano la sua palestra e ricordato la memoria di suo padre, Salvatore Loriga, pioniere della boxe crotonese al quale aveva promesso di ritornare a battersi per il titolo tricolore. Promessa che manterrà il prossimo 4 ottobre sul ring di casa».

 

 

 

 

 

Pubblicato in Sport

frisenda loriga cavallucci annuncio match pesi welterIl tricolore nel pugilato potrebbe tornare a Crotone ed a riportarlo ci prova l'intramontabile campione Tobia Loriga. Non ci sono più aggettivi per definire un atleta che, incurante della legge del tempo, a quarantadue anni intende risalire sul ring per amore dello sport e della sua città. Reduce dal vittorioso incontro internazionale contro il temibile avversario Nerdin Fejzovic (Bosnia Erzegovina) Tobia Loriga ha annunciato, questa mattina, nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta nella Sala Giunta la sua sfida tricolore che si terrà a Crotone tra la fine di settembre e gli inizi di ottobre. Al suo fianco l'assessore allo Sport Giuseppe Frisenda.
Al Palamilone, dove in una indimenticabile notte di marzo di due anni fa conquistò il titolo italiano dei welter, Tobia Loriga sfiderà il campione in carica Emanuele Cavallucci. Un pugile di notevole caratura che ha conquistato la corona dei welter vincendo l'incontro per ko. Tobia, come sempre, ha dimostrato grande rispetto per l'avversario, molto più giovane di lui e tecnicamente di gran livello. Ma si sente pronto, dopo aver tolto "un po' di ruggine" nel recente incontro con Fejzovic come ha, con la modestia che lo contraddistingue, dichiarato nel corso della conferenza stampa.
«Non è ancora tempo - ha detto il pugile crotonese - di appendere i guantoni al chiodo. Finché la condizione fisica me lo permetterà sarò onorato di rappresentare la mia città sui ring di tutta Italia. Poi vincere il titolo italiano è come conquistare lo "scudetto" nel calcio. Se questo avverrà nella mia città poi la soddisfazione sarà maggiore".
Quali sono le motivazioni che lo spingono a risalire sul ring Tobia Loriga le ha spiegate proseguendo nelle sue dichiarazioni non nascondendo di non aver digerito la sconfitta immeritata ai punti in un match tenuto a Comacchio che lo privò del titolo: "il pugilato è la mia vita. Ho affrontato tanti avversari ed ho sempre avuto rispetto nei loro confronti. Avverto l'orgoglio di rappresentare sul ring la mia città e la mia gente. Poi ho promesso a mio padre (Salvatore Loriga, pioniere della boxe crotonese, scomparso lo scorso anno) che avrei riportato il titolo tricolore a Crotone ed intendo mantenere la mia promessa".
Poi un appello: "Ho dato il cuore per la mia città. Adesso faccio appello ai crotonesi che dovranno riempire il Palamilone. Agli imprenditori della città che invito a sostenere questa mia sfida. Ho bisogno di tutti per realizzare questa nuova avventura".
L'assessore allo Sport Giuseppe Frisenda ricordando la magica serata del marzo 2017 ha evidenziato "l'importanza di avere un nuovo evento di rilevanza nazionale nella città. Ospitare un titolo italiano, grandi eventi sportivi, significa non solo un ritorno di immagine ma anche muovere l'economia nel nostro territorio. Crotone ha già dimostrato e dimostrerà anche in questa occasione di essere palcoscenico ideale per eventi sportivi di questo spessore. Poi sul ring salirà Tobia che già ci ha dato tante soddisfazioni nel passato. L'amministrazione Comunale, così come è stato per il precedente incontro, sarà con lui. Ma sarà importante che tutta la città, il mondo imprenditoriale si stringa intorno al nostro campione".

 

 

 

Pubblicato in Sport

loriga frisenda«Combatterà, ancora una volta, con la sua Crotone nel cuore – informa una nota del Comune – Tobia Loriga, lo squalo rossoblù. Salirà sul ring per la sua gente e per la passione che lo lega al pugilato, la nobile arte, che questo esempio di uomo e di atleta, come lo ha definito l'assessore allo Sport Giuseppe Frisenda, incarna alla perfezione nei valori che questo sport esprime. Ad un mese esatto dalla sua ennesima sfida contro il campione in carica dei pesi welter Nicola Cristofari che si terrà a Comacchio, Tobia ha voluto rinnovare, nel corso della conferenza stampa che si è tenuta questa mattina nella Sala Giunta, le motivazioni che lo spingono a salire a 41 anni sul ring contro un pugile di sedici anni più giovane. Motivazioni che risiedono nella passione per il pugilato, per lo sport, per la sua città. Combatterà con questi sentimenti nel cuore insieme al ricordo di suo padre Salvatore, recentemente scomparso, icona dello sport crotonese e pioniere del pugilato in città. A sostenerlo tutta la città di Crotone, come ha avuto modo di evidenziare l'assessore allo Sport Giuseppe Frisenda: "Tobia è un esempio di uomo e di atleta. Non si arriva per caso ad essere ancora ai massimi livelli dopo oltre vent'anni di carriera pugilistica. Tobia ha passione, talento ma conduce anche una vita da vero atleta oltre che avere una sensibilità personale unica che lo vede impegnato anche nella crescita dei giovani, non solo dal punto di vista sportivo. Saremo con lui anche in questa occasione" ha detto l'assessore Frisenda. E che Tobia si stia preparando con la consueta professionalità all'incontro che si terrà il prossimo 11 agosto non è solo dimostrato dalla perfetta forma nella quale si è presentato alla conferenza stampa, ma testimoniato anche dalla sua pagina social dove puntualmente il pugile crotonese posta i suoi allenamenti che sono constanti e puntuali seguito sempre dal suo team capitanato da Dea Pirillo. Il Comune di Crotone installerà un maxi schermo in piazza Marinai d'Italia per far seguire a tutta la comunità l'incontro del suo Tobia. "Amo rappresentare la mia città, lo faccio con passione, affronto un pugile di grande livello e sarà un incontro difficile ma lo affronterò con la consueta determinazione" ha detto Tobia Loriga commentando la nuova sfida che ha lasciato intendere potrebbe non essere l'ultima di questo immenso, eterno campione».

 

 

 

Pubblicato in Sport

achei vittoriaObiettivo raggiunto quello dei Mida Achei nella prosecuzione del cammino dei play-off per il titolo italiano: domenica scorsa, gli atleti crotonesi hanno vinto 35 a 28 il derby contro i Black Tide di Catanzaro, continuando così il cammino promozione. Un incontro tirato e spettacolare che ha visto le due squadre andare a segno una dopo l’altra senza mai che una delle due riuscisse ad incrementare il vantaggio di più di una segnatura. Vanno per primi a segno gli Achei con Lumastro che riceve un bel pass da Herman Falbo e si invola in TD , 7 a 0 con il pat di Milano. Ad inizio del secondo quarto recuperano i Black Tide, è Megna che sigla il 7 a 7. E di lì a breve è di nuovo Megna ad imbeccare il proprio wr Mosca per il 14 a 7. Ma gli Achei non demordono e in solo due azioni è di nuovo Lumastro che riporta in parità il risultato. Prima dell’intervallo c’è tempo per la reazione del team catanzarese che raggiunge la linea delle 5 yards Crotonese ma viene ben bloccato dalla difesa achea che lo ricaccia indietro e difende il risultato di parità grazie ad un intercetto di De Gennaro in end zone sul quarto tentativo avversario. Alla ripresa vanno subito a segno gli Achei che allungano grazie alla conclusione di Herman Falbo 21 a 14 con il pat dell’infallibile Milano. Ma di nuovo Mosca, grazie a più di una disattenzione del bckfield difensivo crotonese, riporta sotto gli avversari che si fermano però sul 21 a 20 a causa della mancata trasformazione. Allungano di nuovo gli Achei con Falbo ed è 27 a 20 in quanto la discutibile qb sneak per la trasformazione da 2 viene bloccata dagli avversari. Errore questo che avrebbe potuto costare caro agli Achei perché di lì a poco i Black Tide vanno di nuovo a segno passando per la prima volta in vantaggio in questa partita, 28 a 27, nel momento più pericoloso per la squadra di casa. Mancano infatti solo poco più di 2 minuti al termine dell’incontro e gli Achei devono farsi tutto il campo per recuperare lo svantaggio di 1 punto: in 3 azioni macinano tutto il campo di gioco e vanno a segno con Falbo che imbecca Milano in end zone per il 33 a 28 a cui non guastano i 2 punti di Antony Brugnano che fissa il punteggio sul 35 a 28. C’è solo un minuto di tempo per la reazione disperata degli avversari che vengono ben contenuti dalla difesa crotonese che riconsegna addirittura palla al proprio attacco, che si inginocchia un paio di volte prima di alzare il pallone al cielo per la vittoria finale. Da registrare l’infortunio accorso al qb Marco Megna in una delle ultime azioni del match. Prestazione perfetta per gli Achei di Herman Falbo che ha letteralmente trascinato la propria squadra con il giusto mix di freddezza e passione, dimostrando di aver ormai acquisito una statura di gioco matura e affidabile. ‘’E’ destino che quest’anno le nostre vittorie debbano essere tutte sofferte – ha detto Francesco Pizzuti, presidente ad honorem Achei –. Va bene anche così, ma dobbiamo imparare a capitalizzare meglio la gran mole di gioco che sviluppiamo. Forti e generosi i nostri ragazzi che come al solito danno tutto in campo ma bravi anche i Black Tide che hanno confermato la ben conosciuta solidità del loro gioco’’. Ora lo sguardo dei Mida Achei Crotone è rivolto ai verdi boschi di castagno dei Monti Prenestini, dove si recheranno domenica prossima per sfidare i prossimi avversari: i Minatori Cave.

 

 

 

 

 

Pubblicato in Sport
Pagina 1 di 2