fbpx
Giovedì, 02 Febbraio 2023

ATTUALITA' NEWS

Volo Roma-Crotone, sicuri che questo bando e' davvero appetibile per vettori e utenza?

Posted On Martedì, 29 Novembre 2022 18:48 Scritto da

Ma si è proprio sicuri che il Bando di gara europeo per l’esercizio di servizi aerei di linea, in conformità degli oneri di servizio pubblico, tra Crotone e Roma Fiumicino sia appetibile per le compagnie aree e per i viaggiatori?

Il dubbio è legittimo visto l'esito degli ultimi tentativi fatti per assegnare il servizio pubblico sullo scalo crotonese. Negli anni che hanno attraversato la pandemia, infatti, si è parlato di limiti oggettivi a livello strutturale per l'assegnazione del bando. Ma prospettive diverse si aprono, invece, sulla stretta attualità perché il mercato, oltre a riaprire alla libera circolazione di merci e persone, impone la logica della competitività e quindi della capacità attrattiva dello scalo.
Quindi, senza soffermarsi sugli atavici limiti infrastrutturali del territorio, è il caso di porre alcune considerazioni sul bando in itinere.
A partire dagli orari previsti. Da Crotone, il collegamento con Roma Fiumicino è fissato tra le ore 8 e le ore 9 con arrivo quindi stimato poco dopo, tra le ore 9 e le ore 10. Tale fascia oraria potrebbe comportare una consequenziale “perdita” di molte connessioni business e turistiche appetibili.

L'utente potrebbe comunque scegliere la Capitale come unica destinazione del suo viaggio. E allora l'arrivo a Roma città si configurerebbe tra le ore 10 e le ore 11 (questo considerando un'ora di trasferimento tra aeromobile-aerostazione e aerostazione-collegamento veloce con Termini). Tutto sommato, un tempo ragionevole se non si riparte in giornata.
Poi c'è il caso di chi parte da Roma Fiumicino per Crotone. Nel bando, l'orario fissato per il volo è tra le ore 17.30 e le 18.30. Anche in questo caso, dal punto di vista del marketing turistico, le connessioni incoming su Roma Fiumicino (le coincidenze) risulterebbero troppo ravvicinate, considerando che il transito deve essere  stimato, per essere fattibile, almeno a 60 minuti tra l’arrivo del volo da destinazione “X” a Fiumicino e la partenza per Crotone.
Inoltre, la presenza allo scalo di Roma Fiumicino dell'ipotetico viaggiatore, vista la dimensione del traffico, dovrebbe avvenire non meno di un'ora prima della partenza. Di conseguenza, la propria presenza da Termini dovrebbe avvenire tra le ore 15.30 e le 16.30 di quel giorno. Insomma una folle corsa, col rischio di non prendere il volo e, dunque, la possibilità concreta che il viaggiatore declini la scelta sul collegamento.
Stando così le cose e guardando anche un po' alle esigenze della compagnie aree, i vettori sarebbero “costretti” a parcheggiare un aereo a Crotone dalle 12 alle 14 ore: una bella perdita economica se si considera che, questi, tendono a impegnare i propri aerei il più possibile per massimizzare i guadagni.
In sintesi, il volo tra Crotone e Roma Fiumicino potrebbe essere utile (forse) per la sola, poca, utenza crotonese (e forse la sua attachment area stimata in 250mila persone) che, arrivando a Roma città tra le ore 10 e le ore 11 (se tutto fila liscio), avranno 6/7 ore di tempo per visitare la Capitale!
Non è poi un volo “conveniente” per il turismo incoming: con un arrivo al sabato sera e una partenza al mattino, si perdono 2 giorni di “vacanza”. Peggio ancora se si pensa a un ipotetico imprenditore che vorrà venire a Crotone per investire: per un incontro d'affari dovrà sostanziarsi in 3 giorni e 2 notti a Crotone.
Infine, essendo questo un bando aperto a tutte le compagnie aeree in possesso di Coa (certificato operatore aereo europeo) non è detto che la compagnia (ei fu) di bandiera assumerà l’onere di garantire i collegamenti (anche perché è notizia di questi giorni che è in corso la trattativa per la privatizzazione).
Questo complicherà di non poco le cose, se il vettore che si aggiudicherà il bando non ha accordi con altri vettori perché non potrà garantire “transiti veloci” su Fiumicino (vedi Ryanair che non garantisce neanche più le connessioni con i propri voli) e, dunque, i passeggeri con transito sullo scalo di Fiumicino, al fine di garantire l’imbarco sui voli in connessione, dovranno attendere almeno 2 ore.
Un'ultima nota suona come post scriptum a tutte queste considerazioni: perché è stato posto nel bando un limite all’operatività dello scalo di Crotone?
Sul bando è infatti riportato: «Orari a scelta del vettore nei limiti dell’operatività dello scalo di Crotone (ore 8-20). Cosa vuol dire, che se vi parteciperà un solo vettore e questi propone arrivo alle 12 e partenza alle 13 andrà bene? Che “limiti” ci sono ad aprire prima o chiudere dopo? Alle 7 o alle 8 al mattino, o la sera alle 20 o alle 22? L’alba che cosa condiziona in termini di sicurezza? O la sera alle 20 è meno buio delle 22? Chissà...