fbpx
Sabato, 20 Luglio 2024

CALABRIA NEWS

arpacalIl territorio di Crotone è ultimo in Calabria per percentuale di Raccolta differenziata raggiunta nel 2013. Il suo 9,67% di Rd fa segnare un - 1,74% ripetto alla quantità di rifiuti differenziati nel 2012. E' quanto emerge dal Report rifiuti (riferito al 2013) dell'Arpacal. Il report è stato realizzato da Clemente Migliorino, responsabile della sezione regionale Catasto rifiuti istituita presso la direzione scientifica dell'Arpacal, e da Fabrizio Trapuzzano. Adesso è stato inviato all'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) e comunicato ai dipartimenti Ambiente e Programmazione comunitaria della Regione Calabria. I dati ufficiali pubblicati dall'Arpacal, infatti, fotografando lo stato della Raccolta differenziata in Calabria, permettono ai Comuni di poter accedere ai contribuiti erogati dalla stessa Regione. Su scala provinciale, i Comuni più virtuosi sono per il territorio di Crotone: Melissa 24,68%, la città capoluogo 15,48%; e Crucoli 13,33%. Queste invece le percentuali di raccolta differenziata suddivise per aree provinciali della Calabria: Catanzaro 16,46% (+ 0,53% rispetto a 2012), Crotone 9,67% (- 1,74%), Cosenza 21,84% (+ 1,70%), Reggio Calabria 10,57% (-2,96%) e Vibo Valentia 15,49% (+2,13%). Per quanto riguarda i capoluoghi di provincia, Catanzaro segna un calo rispetto alla rilevazione precedente (3,71% nel 2013 rispetto 4,9% del 2012), Cosenza in aumento (19,73% nel 2013 rispetto al 16,06% del 2012), Crotone in calo (15,48% nel 2013 rispetto al 18,34% del 2012), Reggio Calabria in calo (8,26% nel 2013 rispetto al 13,65% del 2012) e Vibo Valentia in calo (8,70% nel 2013 rispetto all'11,13% del 2012). E' Pedace, un Comune cosentino, il più virtuoso fra quelli calabresi per la raccolta dei rifiuti differenziata: qui si è raggiunta la percentuale del 79,36%.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

I risultati dello studio "Senza lavoro" pubblicato dall'associazione degli industriali calabresi dicono che la ripresa è ancora lontana. Intanto aumentano le ore Cigs e cala l'export.

Pubblicato in In primo piano
Pagina 4 di 4