fbpx
Lunedì, 06 Dicembre 2021

CRONACA NEWS

Capocolonna: un gruppo di manifestanti interrompe i lavori per la realizzazione del parcheggio

Posted On Martedì, 13 Gennaio 2015 17:03 Scritto da

capocolonna4Una ventina di cittadini crotonesi, tutti di giovane età, hanno protestato questo pomeriggio contro la scelta di pavimentare la zona antistante la chiesa di Capocolonna.

Hanno fatto una pacifica irruzione nel cantiere dove si stava terminando la lastricata di cemento su cui verrà realizzata una successiva pavimentazione nella parte prospicente il santuario di Santa Maria di Capocolonna . Si sono detti contrari alla cementificazione dello slargo sotto cui giacciono i resti dell'antico porticato annesso al foro romano (risalente al II secolo a.C.). Gli uomini della ditta esecutrice dei lavori hanno quindi interrotto i lavori, provvedendo a delimitare l'area con una recinzione rimovibile da cantiere. I manifestanti hanno quindi scelto di restare all'interno del recinto, discutendo animatamente con la direttrice del Parco archeologico di Capocolonna, capocolonna5Maria Grazia Aisa. Sul luogo sono intervenute anche le forze dell'ordine che hanno provveduto ad identificare i contestatori. «Si tratta di un intervento non invasivo - ha spiegato la direttrice Aisa - perché la copertura dell'area sta avvenendo attraverso tecniche che isolano e proteggono i reperti sottostanti, inoltre verra realizzato un mosaico che raffigurerà quello che era l'antico porticato». «Sappiamo con certezza - ha proseguito la dottoressa Aisa - che al di sotto del terreno che copre i reperti, si possono rintracciare le fondazioni di 20 centrimetri, totolmente rasate, su cui un tempo si erigeva il colonnato. Del resto - ha concluso - si trattava di una piazza che, anticamente, venne anche e soprattutto utilizzata come mercato e quindi priva di ulteriori stratificazioni antropiche». I lavori sono stati finanziati attraverso un Accordo di programma quadro che la Regione (Direzione regionale  per i Beni culturali e paesaggistici) ha stipulato assieme al ministero dei Beni culturali e delle finanze, attingendo alle risorse previste dalla Comunità europea col Fondo per le aree sottoutilizzate (Fas). La realizzazione del parcheggio è solo una parte di un progetto molto più ampio per l'ampliamento delle conoscenze delle realtà archeologiche di Capocolonna e messa in sicurezza dei reperti già riportati alla luce. Il progetto è stato realizzato in sinergia dai tecnici della Soprintendenza e del Comune a costo zero. L'importo complessivo dei lavori stipulato con l'azienda esecutrice ("Langella srl" con sede legale a Napoli) attraverso l'appalto è di 1.130.470,17 euro.