Mercoledì, 08 Luglio 2020

CRONACA NEWS

Cutro, impresa boschiva sconfina e abbatte eucalipteto comunale: denunciato il titolare

Posted On Giovedì, 25 Giugno 2020 13:47 Scritto da Riceviamo e pubblichiamo

CUTRO - I carabinieri forestali hanno denunciato il titolare di un’impresa boschiva che, durante un tagli, eseguito nelle settimane appena trascorse, ha sconfinato da un’utilizzazione in corso abbattendo un eucalipteto di proprietà del comune di Cutro. Una parte della legna è stata recuperata e consegnata all’Amministrazione comunale.

I militari sono intervenuti a seguito di una segnalazione pervenuta per verificare cosa stesse realmente accadendo in un rimboschimento di eucaliptus posto lungo la strada provinciale che da Cutro porta al popoloso agglomerato di Steccato. Hanno così accertato che un’impresa boschiva del Petilino, che aveva acquistato il soprassuolo di un’area boschiva per abbatterlo, aveva sconfinato abbondantemente nell’area boscata limitrofa di proprietà del comune di Cutro.

Una parte del materiale legnoso ricavato, destinato ad alimentare un impianto a biomasse del comprensorio, era ancora sul posto ed è stata posta sotto sequestro. La legna è stata consegnata all’ente proprietario. Dal taglio, eseguito a raso abbattendo cioè tutte gli alberi radicati nell’area, è stata risparmiata una superficie di circa un ettaro, forse perché la legna sarebbe stata economicamente meno vantaggiosa da smacchiare, oppure semplicemente perché l’impresa non ha fatto in tempo.

Il responsabile dell’impresa, un giovane imprenditore del Petilino, è stato segnalato alla Procura della Repubblica per invasione di terreno, furto aggravato e altri reati avendo violato norme ambientali perché non in possesso di tutte le autorizzazioni previste normativamente.

Sembra inverosimile che un’impresa boschiva, peraltro iscritta all’Albo regionale specifico e con la supervisione un direttore dei lavori appositamente incaricato, possa eccedere i limiti di un’area in corso di utilizzazione. L’impresa avrebbe travalicato i confini del taglio autorizzato occupando e trafugando il relativo materiale legnoso, su un’area pari a circa 75.000 m2, una superficie veramente rilevante che è del tutto inverosimile giustificare appellandosi alla scarsa conoscenza dei luoghi o a negligenza.