Giovedì, 21 Gennaio 2021

CRONACA NEWS

Il Coisp segnala caso di meningite: "Occorre profilassi al centro profughi"

Posted On Venerdì, 28 Novembre 2014 11:21 Scritto da

L'uomo colpito dalla malattia del sistema nervoso è un mediatore culturale che lavora nel Centro di accoglienza di Isola Capo Rizzuto per un'agenzia privata che, asua volta, opera per conto del ministero dell'Interno.

La denuncia arriva dal segretario regionale della Calabria del Coisp, il Sindacato indipendente di Polizia, Giuseppe Brugnano. "La notizia - afferma Brugnano in una nota - è piombata addosso al personale delle forze dell'ordine e ai volontari che operano nell'importante centro mentre in Prefettura sarebbe stata convocata una riunione d'urgenza. Da mesi abbiamo chiesto una maggiore attenzione per quanti operano in uno dei più grandi centri d'Europa, evidenziando le cattive condizioni di impiego del personale e la carenze. La notizia del primo caso di meningite per un operatore rappresenterebbe drammaticamente tutte le preoccupazioni che abbiamo espresso". Il Coisp Calabria aggiunge che "nessuno ha informato ufficialmente e per iscritto il personale, anche rispetto alla profilassi da seguire. E' infatti obbligatorio che tutti coloro i quali hanno operato nel centro negli ultimi periodi, vengano
sottoposti alle misure sanitarie necessarie e questo vale anche per le famiglie. Il personale delle forze di polizia, però - dice ancora Brugnano - sta provvedendo autonomamente a reperire i medicinali necessari per la profilassi e senza che nessuno sia intervenuto. Ci sembra paradossale che l'intero fenomeno immigrazione, con i suoi drammatici risvolti si riversi sulle forze di polizia. Chiediamo al Questore di Crotone di attivarsi in maniera scrupolosa per la salvaguardia della salute dei poliziotti e delle rispettive famiglie, mentre al Governo nazionale lanciamo un fortissimo appello perché vengano messe in campo tutte le misure necessarie per tutelare gli appartenenti al Comparto Sicurezza che nel quotidiano fronteggiano un fenomeno così vasto come l'immigrazione".