fbpx
Lunedì, 17 Giugno 2024

CRONACA NEWS

Minacce al dirigente scolastico da padre e nonno di un'alunna a Ciro' Marina

Posted On Venerdì, 09 Febbraio 2024 15:19 Scritto da

CIRÒ MARINA Ancora un'aggressione a scuola, questa volta a Cirò Marina, in provincia di Crotone. Un padre e un nonno avrebbero minacciato la dirigente dell'Istituto "Gian Teseo Casopero", poi avrebbero aggredito anche i carabinieri, intervenuti sul posto.

 

 

Tutto per un provvedimento disciplinare nei confronti di una 13enne, responsabile di gravi negligenze comportamentali. Sulla vicenda interviene Giusi Princi, vice presidente con delega all'istruzione della Giunta Regionale della Calabria.
«Non è passato, purtroppo, neanche un giorno - dichiara - e mi ritrovo a dovere esprimere ancora una volta la mia vicinanza, e quella della Regione, alla comunità scolastica di Cirò Marina e alla dirigente dell'istituto Gian Teseo Casopero, Graziella Spinali, per l'aggressione subita da parte dei familiari di una studentessa. Episodi deprecabili di un fenomeno sempre più in aumento che non si verifica solo in Calabria ma in tutto il Paese e che evidenzia una crisi generalizzata nei rapporti, non solo tra scuole e famiglie, ma anche tra genitori e figli, una crisi generazionale e sociale a tutte le latitudini. Sono comportamenti gravi che richiedono che tutta la società civile venga coinvolta in un sentimento di indignazione profonda, perché sta avvenendo meno quello che è il ruolo educativo della scuola, che ha sempre svolto un'azione civile morale, oltre che culturale».
«Come Regione Calabria - ricorda Princi -, insieme al presidente Occhiuto e a tutta la Giunta, abbiamo stanziato 9 milioni di euro per attivare la figura dello psicologo scolastico che avrà il compito di supportare studenti, operatori scolastici e famiglie. Le istituzioni hanno un ruolo importante e determinante. Pertanto, come già manifestato, anche pubblicamente, ai dirigenti delle scuole interessate da aggressioni, andrò personalmente a trovare il personale scolastico coinvolto in queste tristi vicende, non solo per rappresentare la solidarietà ma anche e soprattutto per avviare insieme un percorso e mettere in campo, ognun per il proprio ruolo, azioni che siano in grado di riportare la scuola al ruolo di agenzie educante e formativa che da sempre ha assunto e che dovrà continuare ad assumere anche come motore di sviluppo e di cambiamento», conclude la vice presidente Princi.