fbpx
Giovedì, 08 Dicembre 2022

CRONACA NEWS

Omicidio Parretta, Cassazione conferma ergastolo per Gerace. Sindaco: «Segnale di giustizia»

Posted On Giovedì, 17 Novembre 2022 11:38 Scritto da

La Corte di Cassazione ha confermato la condanna all'ergastolo per Salvatore Gerace, di 60 anni, per l'omicidio del 18enne Giuseppe Parretta avvenuto il 13 gennaio 2018 a Crotone.

La Cassazione ha rigettato totalmente il ricorso di Gerace contro la condanna alla prigione a vita che gli era stata inflitta nei primi due gradi di giudizio.
Diventa così definitiva la sentenza per un fatto di sangue che sconvolse la città di Crotone. Come è stato ricostruito nel corso del processo, Gerace, già noto alle forze dell'ordine, era ossessionato dall'idea che Giuseppe Parretta lo spiasse per riferire poi a fantomatici individui che avrebbero voluto assassinarlo. Per questo il 13 gennaio del 2018, dopo aver visto dalla sua abitazione arrivare il giovane alla guida di una moto, pensando che il mezzo fosse stato acquistato con i soldi che Giuseppe aveva ricevuto per averlo spiato, Gerace è entrato nella sede dell'associazione Libere Donne presieduta da Caterina Villirillo, madre del ragazzo, ed ha sparato contro Giuseppe prima ferendolo e poi finendolo con un colpo al cuore da distanza ravvicinata.
La Cassazione ha rigettato il ricorso di Gerace che puntava ad annullare l'aggravante della premeditazione che, invece, era stata riconosciuta in primo grado dalla Corte d'Assise di Catanzaro secondo la quale l'omicidio volontario con premeditazione era «chiaramente desumibile» dai mezzi usati (revolver), dal numero di colpi sparati verso zone vitali, dalla loro esplosione in rapida successione puntando a ferire la vittima, unico maschio in casa, per ridurre le sue possibilità di reazione e dalla dinamica del colpo di grazia.
Soddisfazione per l'esito del processo è stata espressa dall'avvocato Emanuele Procopio che rappresentava la famiglia di Giuseppe come parte civile: «Siamo soddisfatti che il lavoro che abbiamo fatto abbia permesso di ottenere la condanna all'ergastolo per tre gradi di giudizio. Sicuramente non possiamo essere contenti perché questa tragedia ha portato via ad una famiglia un ragazzo di 18 anni».
Anche il sindaco di Crotone, Vincenzo Voce, ha commentato gli esiti della decisione della Suprema Corte. «La sentenza della Cassazione che conferma l'ergastolo per il responsabile del delitto di Giuseppe Parretta - scrive il primo cittadino - sicuramente non lenisce il dolore di una madre, di una famiglia, di una intera comunità ma è comunque un segnale forte di giustizia e di legalità. Nonostante gli anni che sono passati il ricordo di Giuseppe è sempre vivo nei cuori dei crotonesi attraverso l'impegno della mamma e della famiglia, degli amici, di tutti coloro che lo hanno conosciuto e voluto bene, ai quali rinnoviamo la vicinanza di tutta la comunità cittadina. L'amministrazione ha seguito, quale parte civile costituita con il patrocinio dell'avvocato Mario Nigro, questa fase giudiziaria che ha portato anche al rigetto del ricorso difensivo nei confronti dell'Ente con la condanna al pagamento delle spese legali da parte dell'imputato. Non conta tanto questa ulteriore sentenza quanto il fatto che ritenevamo doveroso essere accanto ad una madre che ha visto uccidere sotto i suoi occhi il proprio figlio. Si chiude con la sentenza della Cassazione una pagina giudiziaria, non si spegnerà mai il ricordo di Giuseppe nei cuori dei crotonesi».