fbpx
Lunedì, 06 Dicembre 2021

CRONACA NEWS

Provincia, la giornata più dura. L'ex Zurlo: «Ma quale dissesto, l'Ente ha crediti per 30 milioni!»

Posted On Giovedì, 18 Dicembre 2014 09:36 Scritto da

provincia presidio2Allestito il presidio in via Mario Nicoletta: presenti anche le bandiere dei sindacati confederali. Secondo il presidente uscente l'esposizione dell'Ente intermedio al 13 ottobre non supererebbe i 10 milioni di euro.

È cominciata dopo le 8.15 la mattinata più dura per i dipendenti in protesta della Provincia. Entro il primo pomeriggio, infatti, sapranno se la Bnl ha deciso o meno di dare il là ai pagamenti degli stipendi non erogati da un paio di mesi ormai. Sempre in mattinata, il presidente dell'Ente intermedio Peppino Vallone dovrebbe incontrare il direttore della filiale di Crotone della Bnl [LEGGI ARTICOLO], forse in terreno neutro, nei locali della Prefettura. Intanto i lavoratori sono asserragliati in Provincia e continuano la loro assemblea permanente. Da qualche minuto hanno allestito un presidio davanti la porta d'ingresso del palazzo che dà su via mario nicoletta con le bandiere dei sindacati confederali. Intanto tramite Facebook è intervenuto sulla crisi anche il presidente uscente Stano Zurlo che fa il punto sulla situazione economica-finanziaria dell'Ente, allontanando le voci che vorrebbero parlare di un dissesto. «La Provincia di Crotone - scrive Zurlo - ha crediti per 2,5 milioni nei confronti del ministero degli Interni e 5,9 nei confronti dei Comuni, oltre a quelli nei confronti della Regione Calabria». «Il Paradosso - prosegue Zurlo - è che, a fronte di circa 30 milioni di crediti, un'esposizione tra anticipazione di cassa e debiti verso fornitori che non superavano i 10 milioni al 13 ottobre 2014, si sia iniziato a parlare di dissesto». «In più - conclude - le mancate decisioni governative (quelle che prendono sono devastanti), hanno creato questa situazione drammatica».