fbpx
Giovedì, 20 Gennaio 2022

CRONACA NEWS

Quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere per i presunti scafisti degli sbarchi verificatisi tra Crotone e Le Castella

Posted On Martedì, 03 Luglio 2018 11:59 Scritto da

questura volanteLa Polizia di Stato ha posto in stato di fermo tre ucraini e un cittadino siriano ritenuti i presunti scafisti degli sbarchi verificatisi a Crotone tra il 13 e il 14 giugno scorsi. Nella giornata di ieri, personale della Squadra Mobile ha dato così esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dall’Ufficio gip del Tribunale di Catanzaro in data 26 giugno scorso, nei confronti di: B.O, nato in Ucraina nel 1961; K.V., ucraino del 1981; e R.I, ucraino classe 1992. Secondo quanto emerso dalle indagini, i tre, unitamente ad altri soggetti in corso di identificazione, operanti in Turchia e altre zone del Medio Oriente, si sono associati al fine di procurare l’accesso illegale di stranieri nel territorio italiano e per aver organizzato ed effettuato il trasporto, dalla Turchia fino al territorio dello Stato italiano a bordo di una imbarcazione battente bandiera Usa, di 45 cittadini extracomunitari privi di cittadinanza italiana e titolo per risiedere permanente sul territorio nazionale. Il provvedimento è stato notificato ai tre presso la Casa circondariale di Crotone, dove erano già stati sottoposti a fermo di indiziato di delitto da personale della Squadra Mobile e dai militari dell’Unità navale della sezione operativa della Guardia di Finanza di Crotone, quali scafisti dello sbarco avvenuto presso il porto di questo centro il 14 giugno scorso. Nella stessa giornata, sempre personale dipendente della Polizia ha dato esecuzione all’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere, nonché alla notifica del decreto di sequestro preventivo emessa dall’Ufficio gip del Tribunale di Catanzaro in data 02 luglio, nei confronti di T.G., nato in Siria nel 1982, indagato del delitto di favoreggiamento all’immigrazione clandestina per aver organizzato ed effettuato il trasporto, dalla Turchia fino al territorio dello Stato Italiano a bordo di una imbarcazione battente bandiera Usa, di 20 cittadini extracomunitari privi di cittadinanza italiana e titolo per risiedere permanente sul territorio nazionale. Il provvedimento gli è stato notificato presso la casa Circondariale di Crotone, in quanto l’uomo era già stato tratto in arresto da personale della Squadra Mobile in data 13 giugno scorso, in quanto ritenuto lo scafista dello sbarco avvenuto lo stesso giorno presso il porto di “Le Castella” di Isola di Capo Rizzuto (KR). È stato inoltre disposto a carico del cittadino siriano il sequestro preventivo dell’imbarcazione usata per trasportate i migranti.