fbpx
Lunedì, 06 Dicembre 2021

CRONACA NEWS

Reggio Emilia: sequestrati beni per 10 milioni di euro ad imprenditore originario di Cutro

Posted On Mercoledì, 21 Gennaio 2015 13:27 Scritto da

sequestro reggioemiliaREGGIO EMILIA - Aziende, fabbricati, auto, terreni, conti e disponibilità finanziarie per un valore di oltre 10 milioni di euro sono state sequestrate tra le province di Reggio Emilia, Parma e Crotone dai finanzieri del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza reggiana. Il provvedimento emesso ai sensi della normativa antimafia dal Tribunale scaturisce dalla proposta avanzata dal procuratore capo Giorgio Grandinetti nei confronti di un 54enne, originario di Cutro. L'operazione delle Fiamme Gialle ha riguardato i beni intestati a Palmo Vertinelli, originario del Crotonese, ma domiciliato a Montecchio (Reggio Emilia), e ad alcuni suoi familiari. Secondo gli investigatori, sarebbe un soggetto socialmente pericoloso e, anche se non affiliato alla criminalità organizzata, avrebbe "conoscenze interessate" - come definite dal colonnello Ippazio Bleve - cioè avrebbe contatti anche economici con soggetti vicini alla 'ndrangheta.

 

I contenuti dell'inchiesta.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti «I redditi dichiarati presentavano valori neppure sufficienti a corpire la spesa media annua familiare individuata dall'Istat». All'esito delle indagini svolte dalla Guardia di Finanza di Reggio Emilia sarebbe emerso che la "conoscenza interessata" di ambienti associativi criminali da parte del Vertinelli, si baserebbe su tre elementi: «dalle risultanze investigative di alcune operazioni anticrimine svolte e dalla sentenza emessa dal Tribunale di Catanzaro nel dicembre 2003, quantunque nella circostanza è stata esclusa la stabile appartenenza del Palmo all'individuato sodalizio criminale capeggiato da Nicolino Grande Aracri; dall'attività di polizia economico- finanziaria svolta, dalle Fiamme Gialle reggiane, al termine della quale veniva denunciato per il reato di dichiarazione fraudolenta mediante l'uso di fatture false; dall'interdittiva emessa dalla Prefettura di Reggio Emilia là dove si evidenziavano i rapporti di frequentazione e familiarità del Palmo con i Grande Aracri ed altri pericolosi esponenti di Cutro e Isola di Capo Rizzuto». «Le nostre indagini, partite oltre un anno fa - ha spiegato il comandante del nucleo di polizia tributaria di Reggio Emilia, tenente colonnello Giuseppe Tondi - hanno permesso di ricostruire il patrimonio di Vertinelli a partire dal 1993». «Vertinelli - ha aggiunto il colonnello della Finanza Ippazio Bleve - era stato arrestato anche nell'ambito dell'operazione Scacco Matto della Dda di Catanzaro, con l'accusa di associazione mafiosa  è stato assolto ma le indagini hanno permesso di individuare suoi rapporti con persone collegate alla criminalità organizzata. Anche sulla base di queste informazioni, un'azienda di Vertinelli, nel 2010, era stata colpita da interdittiva antimafia della prefettura di Reggio Emilia». Inoltre le Fiamme Gialle lo avevano denunciato per dichiarazioni fraudolente mediante l'uso di false fatturazioni.

 

I beni posti sotto sequestro dal Tribunale.

Trenta finanzieri stanno procedendo al sequestro, nelle province di Reggio Emilia, Parma e Crotone delle quote societarie riferite a: Impresa Vertinelli S.r.l., Edilizia Costruzioni Generali s.r.l., Mille Fiori s.r.l., Bar Tangenziale Nord-Est Sas. I sigilli sono stati apposti anche dei beni immobili: un complesso immobiliare, costituito da 9 appartamenti ed un'autorimessa, sito a Isola di Capo Rizzuto (KR); un complesso immobiliare, costituito da 3 appartamenti e 3 autorimesse, sito a Gattatico (RE); un complesso immobiliare, costituito da 8 appartamenti e 3 autorimesse, sito a Montecchio Emilia (RE); un complesso immobiliare, costituito da 3 appartamenti, 3 autorimesse ed un terreno, sito a Montechiarugolo (PR); un complesso immobiliare, costituito da un appartamento e 3 autorimesse, sito a Soragna (PR); un appartamento sito in Busseto (PR); un complesso immobiliare, costituito da 10 appartamenti, 2 autorimesse ed un magazzino, sito a Montecchio Emilia (RE); un complesso immobiliare, costituito da un appartamento, 1 opificio, 1 magazzino ed 1 negozio, sito a Montecchio Emilia (RE), un appartamento sito a Montecchio Emilia (RE); un appartamento sito a Montecchio Emilia (RE); un terreno sito in Crotone. Sono sotto sequestro, infine, anche 3 automezzi, 2 autovetture, 2 ciclomotori e disponibilità finanziarie in via di quantificazione.