Martedì, 01 Dicembre 2020

CRONACA NEWS

Sequestrato manufatto in costruzione sulla scogliera a Le Castella: denunciati dai carabinieri la committente e due operai romeni

Posted On Giovedì, 07 Dicembre 2017 09:41 Scritto da

manufatto abusivo lecastellaISOLA CAPO RIZZUTO - Un manufatto in costruzione vicino al mare è stato sequestrato alcuni giorni fa dai carabinieri a Le Castella nel comune di Isola Capo Rizzuto. Dagli accertamenti svolti presso l’ufficio tecnico comunale è emerso che l’opera era priva di atti d’assenso per l’edificazione. Il sequestro è stato già convalidato dall’Autorità giudiziaria. Si tratta di una platea di forma irregolare di 14,70 metri per 10,40, realizzata in parte su muri, ad appena 10 metri dalla battigia del litorale di Le Castella, ricadente nell’area della Riserva marina Isola Capo Rizzuto. I militari della locale Tenenza, unitamente alla stazione carabinieri forestale di Crotone, hanno sorpreso due operai durante un servizio pianificato del territorio. I due manovali stavano assemblando sopra una struttura in legno lamellare composta da pilastri e capriate, con le relative pareti in legno e hanno così intuito subito che l’opera poteva essere abusiva. Ipotesi confermata dall’ufficio tecnico comunale, chiamato a verificare la regolarità amministrativa della costruzione. Il bilancio temporaneo è un sequestro, già convalidato dall’Autorità giudiziaria, e la segnalazione del committente dell’opera, una casalinga isolitana, e di due operai rumeni dipendenti da un’impresa edile di Cutro, per costruzione abusiva in area soggetta a vincolo paesaggistico e all’interno dell’omonima riserva marina. Sono in corso accertamenti per verificare eventuali ulteriori responsabilità. Sembra inverosimile che un manufatto possa essere realizzato a così poca distanza dal mare, senza alcuna autorizzazione. L’intervento dei militari ha evitato il proseguimento della condotta illegale.