Domenica, 25 Ottobre 2020

CRONACA NEWS

Stadio, il Tar sospende il provvedimento della Soprintendenza: Crotone-Verona si gioca allo Scida. Discussione rinviata al 26 settembre

Posted On Martedì, 18 Settembre 2018 12:29 Scritto da

stadio ezio scida curva tribunaIl Tar della Calabria, dopo i ricorsi presentati da Crotone e Comune, ha disposto la sospensiva degli atti della Soprintendenza archeologica della Calabria che non aveva autorizzato l'uso delle strutture amovibili di tribuna coperta e curva sud dello stadio Scida disponendone la rimozione. Il giudice ha fissato la discussione di merito per il 26 settembre. La gara di sabato prossimo tra Crotone e Verona, quindi, si giocherà regolarmente. A causa della mancata autorizzazione lo stadio era stato dichiarato inagibile e la gara contro il Foggia si era giocata solo grazie ad un'ordinanza del sindaco Ugo Pugliese. Lo ha reso noto Pugliese. Il Tar ha ritenuto il ricorso "fondato sotto il profilo della violazione dei principi di proporzionalità ed affidamento, in quanto: le strutture amovibili non hanno compromesso il sottosuolo e relativi resti archeologici e la circostanza non appare contestata; il Mibac non ha dimostrato e nemmeno enunciata l'esigenza di effettuare interventi di valorizzazione".

pedace pugliese deluca«Eravamo nel giusto. E lo abbiamo sempre sostenuto. Così come abbiamo sostenuto che il Crotone doveva giocare a Crotone. Questo di oggi è un primo risultato importante». Lo ha detto il sindaco Ugo Pugliese nel corso della conferenza stampa che si è tenuta questa mattina nella sala giunta commentando il decreto del Tar con il quale si accoglie la domanda di sospensiva dell'ordinanza e delle diffide a firma del dirigente della Soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio relative allo Stadio Ezio Scida. Con il sindaco Pugliese, presenti l'assessore all'Urbanistica Salvatore De Luca che ha seguito in prima persona la vicenda giudiziaria, e gli assessori Leo Pedace e Giuseppe Frisenda e il presidente del Crotone Calcio Gianni Vrenna. «Come è noto – recita una nota del Comune di Crotone – la Soprintendenza non aveva dato autorizzazione all'uso delle strutture amovibili della Tribuna coperta e della Curva Sud e ne aveva disposto la rimozione. Inoltre la realizzazione di un nuovo impianto sportivo da parte del Crotone Calcio e del Comune è stata avviata a dimostrazione della volontà di rispettare la prescrizione di temporaneità delle strutture e dell'impianto sportivo attualmente in uso. Il Tar - aggiunge - ha ritenuto sussistente il grave danno che deriva alla comunità crotonese dalla esecuzione degli atti impugnati correlato all'impossibilità per il Crotone Calcio di proseguire nella partecipazione al campionato di serie B. Il giudice ha quindi sospeso l'efficacia degli atti della soprintendenza ed ha disposto la discussione in udienza camerale sulla vicenda il prossimo 26 settembre. Sostanzialmente questa decisione del Tar riporta lo stadio alla sua originaria capienza di 16.000 posti e stabilisce che la gara con il Verona di sabato prossimo si potrà giocare regolarmente. Alla conferenza stampa hanno partecipato i legali del Comune e del Crotone Calcio Sandro Cretella e Elio Manica. Dopo la vittoria di ieri a Livorno un altro importante risultato per la squadra e la città», conclude la nota.