Martedì, 01 Dicembre 2020

CRONACA NEWS

''Stige'', la Cassazione annulla con rinvio al Tribunale della libertà di Catanzaro l'ordinanza di custodia cautelare per Francesco Bonesse

Posted On Giovedì, 12 Luglio 2018 18:37 Scritto da

corte cassazioneLa Suprema Corte di Cassazione ha annullato ieri con rinvio dinanzi al Tribunale della libertà di Catanzaro l'ordinanza che confermava l'applicazione della custodia cautelare in carcere nei confronti di Francesco Bonesse di Melissa. L’uomo era stato arrestato lo scorso 9 gennaio 2018 in Germania a Munsingen nell’ambito dell’operazione Stige e, nel mese di marzo scorso, era stato tradotto in Italia presso il carcere di Rebbia dov'è tutt'ora detenuto. Era stato arrestato con l'accusa di essere l'emissario della cosca Farao - Merincola in Germania. Allo stesso veniva contestata l'associazione mafiosa, il reato di concorrenza illecita con minaccia, il reimpiego di denaro sporco per la costituzione di un'attività economica denominata "Venere e Peperoncino", ed infine il reato di detenzione di armi comuni da sparo. In sede di Riesame, il Tribunale della libertà, accogliendo le tesi difensive dell'avvocato Giovanni Mauro, aveva già annullato il reato di concorrenza illecita con minaccia commesso in Germania. In particolare, era stato annullato il reato secondo cui Bonesse Francesco avrebbe imposto ai ristoratori italiani, calabresi e cirotani, che risiedevano in Germania, il monopolio dei prodotti semilavorati per pizza dell'azienda "Cuor di farina srl" e dal "MolinoCaputo di Caputo Amodio", attraverso atti di concorrenza sleale avvenuti con la minaccia di far parte del sodalizio ndranghetistico denominato "Locale di Cirò". Rimanevano ancora in piedi il reato di associazione mafiosa, di armi e il reimpiego di denaro illecito in attività economica. La Suprema Corte di Cassazione, accogliendo le tesi difensive degli avvocati Giovanni Mauro e Tiziano Saporito, ha annullato con rinvio la prendente ordinanza de Tribunale della Libertà di Catanzaro che aveva confermato la misura cautelare in carcere.