fbpx
Giovedì, 22 Febbraio 2024

CRONACA NEWS

Stige, sequestro beni da 3,5 milioni per elementi di vertice della locale di Ciro'

Posted On Giovedì, 15 Giugno 2023 16:49 Scritto da
Stige, sequestro beni da 3,5 milioni per elementi di vertice della locale di Ciro' Foto: repertorio

Nella scorsa giornata e nella mattinata odierna, a Cirò Marina (KR) e a Cirò Superiore (KR), i carabinieri del nucleo investigativo del Reparto Operativo – Comando provinciale di Crotone hanno dato esecuzione a sequestri in materia di misure di prevenzione di beni immobili, mobili registrati e disponibilita’ finanziarie, per l’ipotizzata riconducibilità a tre soggetti indiziati di appartenere ad una associazione mafiosa.

I destinatari delle misure in precedenza sono stati coinvolti nel procedimento penale “Stige” che ha riguardato le cosche di ‘ndrangheta cirotane, facendone emergere gli interessi e le cointeressenze economiche sia sul territorio calabrese che su quelli di alcune regioni del Nord Italia, nonché in Germania e in altri paesi europei.
In tale procedimento, con decisioni ancora non definitive, due dei soggetti, all’esito del giudizio abbreviato, sono stati condannati, in primo e secondo grado; e l’altro, all’esito del giudizio ordinario, è stato condannato, in primo grado, per la ipotizzata partecipazione, quali elementi di vertice, all’associazione di ‘ndrangheta della Locale di Cirò.
Le misure cautelari di prevenzione hanno riguardato una lavanderia industriale comprensiva del terreno dove è collocata, due aziende attive nel settore dei servizi connessi con le attività di “wash & cleaning”, due abitazioni, due autovetture, numerosi
conti correnti sia bancari che postali e degli ulteriori rapporti o investimenti finanziari di altra natura, per un valore di circa 3,5 milioni di euro.
Si tratta di tre provvedimenti di natura cautelare, adottati dal Tribunale di Catanzaro – Seconda Sezione Penale – Ufficio Misure di Prevenzione nell’ambito di rispettivi procedimenti di prevenzione, sulla base delle articolate indagini patrimoniali dei Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo – Comando Provinciale di Crotone, con riguardo alla posizione reddituale dei destinatari, e dei rispettivi familiari, volte a verificare la effettiva disponibilità, la provenienza dei beni e la sproporzione del relativo valore rispetto ai redditi dichiarati e alla attività lavorativa. I procedimenti di prevenzione, volti alla verifica della sussistenza dei presupposti per la confisca dei beni, sono ancora in corso.