fbpx
Mercoledì, 10 Agosto 2022

CRONACA NEWS

rifiuti sila cotroneiCOTRONEI – Nella giornata odierna il Comune ha provveduto a nuova bonifica in Sila, dove ignoti hanno abbandonato rifiuti di vario genere, materiale risultato dalla potatura di giardini. È quanto reso noto dall’assessore all’Ambiente Vincenzo Girimonte il quale rende noto: «Siamo convinti che tutti, indistintamente, possiamo fare molto di più di quello che stiamo facendo. Possiamo contribuire a non rendere vano l‘impegno di quanti si sforzano, perché comprendiamo che per alcuni possa essere uno sforzo modificare le proprie abitudini, di conferire i rifiuti nel corretto modo. Senza deturpare l’ambiente. Senza abbandonare rifiuti per strada. Confidiamo nelle autorità competenti e nel lavoro che stanno mettendo in atto. È delle ultime ore la notizia che le forze dell’ordine hanno sorpreso e sanzionato persone intente ad abbandonare rifiuti sul territorio. All’attività di controllo e repressione verso questo tipo di fenomeni – aggiunge – ci piacerebbe che ci fosse una risposta spontanea e positiva della comunità rispetto ad un percorso che non può che giovare all’immagine della città. Di certo meno polemiche e più collaborazione. L’assessore ricorda che è disponibile sul sito istituzionale del Comune di Cotronei, servizio di prenotazione del ritiro degli ingombranti. Basta indicare il nome ed il cognome, l’indirizzo ed i contatti telefonici e in quale fascia di orario del martedì, giorno di ritiro, si preferisce essere raggiunti».

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

lavanderia acque reflue uliveto cotroneiCOTRONEI – I carabinieri forestali hanno scoperto nei giorni scorsi a Cotronei una lavanderia industriale abusiva che sversava le acque di lavaggio in un uliveto posto a valle dell’opificio. L’attività è stata posta sotto sequestro e il sequestro è già stato convalidato dall’Autorità giudiziaria. L’amministratrice titolare dell’attività è stata deferita alla Procura per violazioni delle normative in materia dei rifiuti ed edilizia.

I militari erano intervenuti tempo fa in un uliveto, di proprietà privata, per verificare la presenza di un acquitrino segnalato da alcune persone. Estendendo gli accertamenti alle aree limitrofe hanno localizzato la presenza di una lavanderia da cui presumibilmente provenivano le acque. È stata individuata una grande vasca di raccolta, realizzata in calcestruzzo, dove venivano scaricati i reflui dell’attività di lavaggio. Era presente anche un depuratore, ma il tubo che fuoriusciva da una pompa di sollevamento non era collegato. Conseguentemente i reflui non erano depurati. Finivano in un uliveto perché il tubo di scarico sarebbe stato danneggiato.
A queste conclusioni sono pervenuti i militari della stazione carabinieri forestale Petilia Policastro in seguito a ripetuti sopralluoghi, fatti anche con il supporto della polizia locale e dei tecnici Arpacal che hanno eseguiti accertamenti tecnici sui campioni di reflui prelevati.
L’attività avente carattere industriale, stante agli accertamenti finora svolti, avveniva nella più completa clandestinità. Sono state integrate diverse violazioni al testo unico ambientale per scarichi in assenza di autorizzazioni e per smaltimento di rifiuti. Sono state commesse finanche irregolarità edilizie. Sembra inverosimile che una attività industriale di una tale portata fosse sostanzialmente fantasma.
L’amministratrice dell’attività produttiva, frattanto, è stata deferita alla Procura della Repubblica per le numerose violazioni commesse. Sono state comminate anche consistenti sanzioni amministrative.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

malato legato letto(Foto: Repertorio)

I carabinieri della Compagnia di Petilia Policastro, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Crotone, hanno avviato le indagini a seguito del rinvenimento del cadavere di un disabile ricoverato in una clinica di Cotronei. L’uomo è stato rinvenuto privo di vita tra il letto, su cui era assicurato con fasce di contenzione, ed il pavimento. La causa della morte è verosimilmente “asfissia da impiccamento incompleto”. La salma è stata posta a disposizione dell’Autorità giudiziaria per l’eventuale esame autoptico.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

sbancamento cotroneiCOTRONEI - Ha effettuato uno sbancamento illegale in un terreno del Comune di Cotronei concesso in fitto danneggiando anche un bosco di lecci limitrofo dove sono stati abbattuti alcuni alberi. Un operaio di 54 anni, è stato denunciato dai carabinieri forestali per violazioni della normativa edilizia, paesaggistica e ambientale. I militari attraverso l'esame delle ortofoto dell'area hanno accertato che i lavori sul terreno concesso in fitto erano stati eseguiti su una superficie estesa quasi il doppio di quanto richiesto attraverso la documentazione presentata all'ufficio tecnico dell'ente in ritardo sui tempi previsti. E' emerso inoltre che erano stati tagliate, senza alcuna autorizzazione, sedici piante di leccio. Nei confronti del responsabile è stata elevata anche una sanzione amministrativa per inosservanza delle prescrizioni e del regolamento regionale che norma i tagli degli alberi e i movimenti di terreno nelle aree soggette a vincolo idrogeologico.

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

incendio villaggio palumboCOTRONEI – Arrestato un uomo ritenuto l’autore dell’incendio a tre attività commerciali di Villaggio Palumbo in località Trepidò. I Carabinieri del Norm della Compagnia di Petilia Policastro e del nucleo investigativo del Comando provinciale di Crotone, hanno tratto in arresto Vincenzo Teti, nato a Cotronei di 55 anni. Secondo quanto emerso dalle indagini “lampo”, sarebbe stato lui, intorno alle ore 3, ad aver cosparso di benzina l’interno dei locali commerciali denominati le “Le Cupole” presso piazzale Ampollino di Villaggio Palumbo. L’uomo avrebbe quindi dato fuoco al liquido infiammabile distruggendo un bar-ristorante, una rivendita modernariato e una bigiotteria.
Il 55enne, dopo aver cosparso di benzina l’interno dell’immobile, è rimasto travolto dalle fiamme e da alcuni detriti scagliati dall’esplosione dei vapori della benzina precedentemente disseminata, rimanendo ferito e ustionato in varie parti del corpo. L’uomo, presumibilmente per sottrarsi alla cattura, non ha fatto ricorso alle cure mediche e si è portato a casa dove è stato poi rintracciato dai militari operanti.
Le fiamme sono state domate dai Vigili del Fuoco di Petilia Policastro, alle successive ore 9. L’arrestato, a causa delle ferite e delle ustioni riportate, è stato trasferito presso l’ospedale di Catanzaro dove rimarrà a disposizione della Procura della Repubblica di Crotone.

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

incendio villaggio palumboCOTRONEI - Un incendio, la cui origine non è stata ancora accertata, si è sviluppato nella notte in uno stabile di circa duemila metri quadrati, che ospita una serie di negozi nella località turistica silana di Villaggio Palumbo, nel territorio di Cotronei. Sul posto sono intervenuti intorno alle 3.30 i vigili del fuoco di Crotone, Petilia Policastro e San Giovanni in Fiore, che hanno trovato l'incendio in stato avanzato. Il loro intervento ha evitato che il rogo si propagasse ulteriormente. Cinque negozi, però, sono andati ugualmente distrutti. Lungo lavoro dei vigili del per bonificare l'intera zona interessata dall'incendio. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Petilia Policastro e di Cotronei che hanno avviato le indagini per risalire all'origine del rogo.

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca
Pagina 8 di 20