Domenica, 09 Agosto 2020

 

CRONACA NEWS

minsitro toninelliIl ministro delle Infrastrutture e trasporti, Danilo Toninelli sara' in Calabria lunedi' 17 e martedi' 18 dicembre per una visita di due giorni. Diversi i sopralluoghi in programma in tutta la regione. Il 17 dicembre Toninelli sara' a Catanzaro per il viadotto 'Morandi', a Vibo Valentia per il cantiere della SS 182 'Trasversale delle Serre' e a Crotone per il cantiere della SS 106 III macrolotto. Il 18 dicembre il ministro in mattinata sara' prima a Cosenza per il cantiere A2 Altilia e poi a Gioia Tauro (RC) per una serie di incontri all'interno dell'area portuale.

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

sindacati prefetturaInnalzare il livello di prevenzione del contrasto al caporalato e al lavoro sommerso e irregolare: e' questo l'oggetto del protocollo di legalita' sottoscritto oggi presso la Prefettura di Crotone tra le parti sociali e gli uffici competenti per il contrasto al caporalato e lo sfruttamento del lavoro nero in agricoltura. Presenti i rappresentanti dell'Ispettorato territoriale del lavoro, Inps, Inail, Asp, Confagricoltura, Flai Cgil, Fai Cisl. Il documento e' stato condiviso, inoltre da Coldiretti e Uila Uil. Tutti i firmatari del protocollo ritengono che al di la' dell'indiscutibile e fondamentale ruolo repressivo svolto dalle forze di polizia, sia opportuno promuovere il confronto fra gli uffici ispettivi, i sindacati e le associazioni di categoria per auspicare anche un diverso approccio culturale al fenomeno, che responsabilizzi da un lato i titolari delle attivita' produttive e, dall'altro, gli stessi lavoratori per l'acquisizione di consapevolezza di diritti e gestione delle risorse. Il coordinamento ed il monitoraggio dell'attuazione del protocollo sara' effettuato dalla Prefettura con cadenza semestrale, anche mediante incontri specifici con i sindacati, le organizzazioni professionali agricole e gli organismi ispettivi, anche al fine di apportare le eventuali modifiche ed integrazioni per renderlo uno strumento sempre piu' efficace ed attuale.

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

barbara lezzi ministro prefettura crotone"Le aziende crotonesi che hanno subito danni dal maltempo saranno risarcite. Stiamo aspettando che la Regione quantifichi il danno, quindi faremo un Consiglio dei ministri per ripartire le risorse". Lo ha detto il ministro per il Sud, Barbara Lezzi, a conclusione della riunione che si e' tenuta questo pomeriggio in Prefettura a Crotone alla quale hanno partecipato i sindaci delle zone danneggiate, rappresentanti di categoria e imprenditori titolari delle aziende che hanno subito danni soprattutto dai tornado che si sono abbattuti su Crotone il 20 e il 25 novembre scorsi. Il ministro Lezzi ha poi parlato di "un piano di investimenti contro il dissesto idrogeologico di circa 7 miliardi che vedra' protagonista il Sud. Ci stiamo muovendo con il ministero dei trasporti, quello dell'ambiente e la ragioneria di Stato per mettere tutto in sinergia". Il ministro, ancora, ha spiegato che "nella legge di bilancio abbiamo aumentato a quota 34% gli investimenti per Anas ed Rfi per le infrastrutture al Sud cui vanno aggiunti i fondi strutturali europei per colmare il gap infrastrutturale del Meridione che ha strade da terzo mondo". Il ministro per il Sud, infine ha preso l'impegno di incontrare il collega dei Trasporti, Danilo Toninelli, per affrontare la problematica dell'aeroporto di Crotone.

 

 

Pubblicato in In primo piano

terzo settore comune assessore romanoC'è molta preoccupazione al Comune di Crotone per le conseguenze che potrebbero derivare in termini di impatto sul territorio e sulla cittadinanza dall'applicazione del Decreto Sicurezza. «A tale scopo – informa una nota –, questa mattina, si è tenuta nella sala giunta una riunione alla quale con l'assessore alle Politiche sociali Alessia Romano e la consigliera Regionale Flora Sculco hanno partecipato i rappresentanti degli Enti del Terzo settore. Nei giorni scorsi, a seguito dell'entrata in vigore del Decreto, ventiquattro migranti, fra i quali donne, minori e bambini dal Centro di Accoglienza S. Anna sono stati riversati in città. Le prime risposte all'emergenza creatasi sono state date dagli Enti del Terzo Settore. Tuttavia allo stato non si conoscono i dati relativi alle persone che saranno successivamente in uscita dal Centro di prima accoglienza di Isola Capo Rizzuto che è uno dei più grandi d'Europa. A questo si aggiunge la presenza di altri senza tetto che stanziano nei pressi della stazione ferroviaria. Non essendo in grado di prevedere quali possano essere gli sviluppi dell'applicazione del Decreto si è fortemente preoccupati di quali possano essere le conseguenze sul territorio con la presenza massiccia di senza tetto e delle situazioni che si potranno verificare. L'intera comunità è fortemente allarmata. L'amministrazione intende tutelare e salvaguardare la sicurezza della propria comunità evitando ogni disagio possibile nel rispetto della dignità della persona che resta preminente. A tale riguardo l'assessore Romano ha inviato una nota al Prefetto per avere un quadro conoscitivo della situazione attuale e della relativa evoluzione. Allo stesso tempo ha chiesto di convocare un tavolo di coordinamento che preveda la presenza dell'Amministrazione comunale, oltre che degli Enti del Terzo settore, della Regione e dell'Ente gestore del Cara».

 

 

 

 

 

Pubblicato in Politica

fiume neto esondazione"Si è tenuta in data odierna, presso la Prefettura di Crotone, un incontro relativo allo stato di manutenzione del ponte sul fiume Neto". Lo comunica una nota della Prefettura di Crotone. "Il prefetto – è detto nel comunicato - ha ritenuto convocare i rappresentanti di Anas, dipartimento dei Lavori pubblici regionale, comando provinciale Vigili del fuoco, Polizia stradale, Provveditorato alle opere pubbliche regionale, nonché funzionari dei Comuni di Crotone e Strongoli, in considerazione dei recenti e persistenti eventi meteo avversi, ed al fine di riscontrare le numerose premure pervenute da parte degli automobilisti che quotidianamente percorrono la struttura, paventando carenze strutturali e conseguenti pericoli per l'incolumità". "Nel corso della riunione l'Anas – aggiunge la nota - confermando quanto già emerso nel corso di precedente incontro tenutosi lo scorso 29 agosto, ha ribadito la sicurezza della viabilità sul ponte, oggetto di interventi strutturali straordinari a febbraio del corrente anno, e di costante monitoraggio con idonea strumentazione, prove di carico e verifiche a cadenza almeno mensile. Inoltre è stato programmato altro intervento che risolverà un avvallamento causato dalla erosione di una pila di sostegno. Il fenomeno, pur non comportando, secondo i tecnici Anas, alcun pericolo per la staticità del ponte e per la circolazione, sta ingenerando istintivo timore degli automobilisti durante il transito". "È emersa altresì la opportunità – è detto ancora nel comunicato - concorde il rappresentante della Polizia stradale, di apprestare dei controlli per gli eccessi della velocità, atteso che i veicoli frequentemente non rispettano il limite dei 30 km/h imposto dalla segnaletica". "A conclusione dei lavori tutti i presenti hanno manifestato piena condivisione di intenti, con impegno ad effettuare periodiche ed approfondite verifiche sulle strutture, per quanto di competenza, per prevenire eventuali condizioni di rischio che abbiano a presentarsi".

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

luigi gaetti sottosegretarioGiovedì 18 ottobre, il sottosegretario di Stato all’Interno Luigi Gaetti sarà a Crotone per una visita istituzionale. I lavori avranno inizio alle ore 14.30. Il sottosegretario incontrerà il prefetto, il direttore dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, a seguire i responsabili provinciali delle forze dell’ordine e alcuni esponenti del mondo giudiziario, al fine di approfondire il tema dei beni confiscati. Con l’occasione incontrerà, altresì, i sindaci e i commissari straordinari di una parte dei Comuni della provincia (Crotone, Cirò, Cirò Marina, Cotronei, Crucoli, Cutro, Isola di Capo Rizzuto, Melissa, Santa Severina e Strongoli) nonché i componenti del nucleo di supporto all'Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, al fine di acquisire notizie aggiornate in merito alle eventuali criticità, anche in ambito operativo, oltre a proposte innovative. «Nel decreto sicurezza – si legge in una nota del sottosegretario – ci saranno alcune novità per quanto riguarda l’utilizzo dei beni confiscati, ad esempio con un uso sociale degli immobili che permetterà agli Enti locali la possibilità di utilizzarli per varie categorie sociali, speriamo anche per i testimoni di giustizia, rispettando le relative esigenze di riservatezza. Stiamo ragionando in maniera ampia su vari aspetti che includeremo anche in altre norme successive. Venerdì 19 saremo ad Isola di Capo Rizzuto, per visitare il bene confiscato gestito da “Libere Terre” e al parco eolico per dare un segnale chiaro. I beni sequestrati hanno un valore etico, ma anche economico importante. Nei decreti approvati due mesi fa è stata riorganizzata l’Agenzia dei beni confiscati, divisa in quattro dipartimenti in modo da renderla più funzionale. Adesso nel decreto Sicurezza abbiamo messo alcuni paletti importanti per l’organizzazione del lavoro interno, l’utilizzo dei beni soprattutto immobili per fini sociali, in modo da consentire l’uso da parte dei Comune per risolvere le problematiche abitative territoriali. C’è, ad esempio, un articolo, come ultima ratio che prevede la possibilità di demolire un bene quando non può essere usato in nessun modo”, conclude il sottosegretario di Stato all’Interno Luigi Gaetti.

 

 

 

Pubblicato in Politica
Pagina 7 di 24