fbpx
Giovedì, 30 Marzo 2023

CRONACA NEWS

MESORACA La Polizia di Stato ha sorpreso un minore in una sala giochi e ha sequestrato 5 congegni elettronici. È accaduto nell’ambito dei servizi predisposti dalla Questura per verificare l’osservanza di leggi e regolamenti nello svolgimento delle attività commerciali. Sono stati così effettuati dei controlli ad alcune attività in provincia, precisamente nei territori dei Comuni di Mesoraca e Roccabernarda.

Pubblicato in Cronaca

ALESSANDRIA Incidente mortale sul lavoro, probabilmente per un'esplosione, in un cantiere della linea ferroviaria del Terzo Valico, tra Piemonte e Liguria, con un operaio morto e un altro ferito. È successo a Voltaggio (Alessandria).

Pubblicato in Cronaca

«Ripristinata e messa in sicurezza la Strada provinciale 56, che collega Santa Severina, Roccabernarda e Altilia». Lo rende noto un comunicato dell'ufficio di presidenza della Provincia di Crotone.

Pubblicato in Attualita'

ROCCABERNARDA Consiglio comunale straordinario sabato pomeriggio per esprimere solidarietà e sostegno al sindaco Foresta, nei cui confronti nei giorni scorsi si è consumata una vile intimidazione.

Pubblicato in Politica

«Nella mattinata odierna veniamo a conoscenza di un fatto grave ed inaudito compiuto da mano criminale e vigliacca». È quanto scrive la pagina ufficiale del Comune di Roccabernada su Facebook in merito al taglio di alcune piante d'ulivo avvenuto su un terreno riconducibile al sindaco Luigi Foresta.

«Perché di un criminale e di un vigliacco - commenta il post - si deve parlare quando vengono tagliate circa 20 piante di ulivo. Qualsiasi danno subito da qualsiasi cittadino ha la stessa importanza, non ci sono cittadini di serie A e cittadini di serie B».
«Ma se questo atto intimidatorio – sottolinea la nota - lo subisce il sindaco, primo cittadino di un’intera comunità, allora l’eco mediatico deve essere ancora più rilevante: ogni singolo appartenente alla comunità di Roccabernarda deve sentirsi ferito e deve reagire dinnanzi a questi atteggiamenti che appartengono ad ambienti malavitosi».
«Chiaramente il sindaco - riferisce il post - questa mattina ha esposto regolare denuncia presso la Caserma dei Carabinieri i quali, fin da subito, si attiveranno per trovare il/i colpevole/i; siamo certi che la nostra Gloriosa Arma saprà come intervenire».
«Ai nostri cittadini onesti e laboriosi - conclude la nota - chiediamo di non avere mai paura e di denunciare qualsiasi sopruso o angheria; dalla vostra parte avrete sempre le Forze dell’Ordine e noi come Amministrazione».
Foresta, operatore sanitario, di 48 anni, è stato eletto sindaco nel giugno scorso alla guida di una lista civica. In questi cinque mesi ha attivato, in continuazione con la precedente amministrazione della quale era vicesindaco, una serie di attività a favore della cultura della legalità in un territorio che è stato teatro di diverse operazioni delle forze dell'ordine contro la 'ndrangheta. Foresta stamani ha presentato denuncia alla caserma dei carabinieri di Roccabernarda. L'intimidazione è stata condannata dall'Amministrazione comunale.

«Apprendo dalla pagina istituzionale del Comune di Roccabernarda del vile gesto intimidatorio ai danni del sindaco Luigi Foresta». È il commento di Vittoria Baldino, vicepresidente vicario del Movimento 5 Stelle Camera dei deputati.
«A lui e a tutta la comunità di Roccabernarda - scrive la parlamentare - va la mia piena vicinanza e solidarietà. Quanto accaduto sembra il ripresentarsi di una scena già vista tre anni fa, circa, allorquando con chiare intenzioni minatorie sono state recise 20 piante di ulivo, simbolo indiscusso di lavoro e sacrificio e che storicamente contraddistingue il popolo di Roccabernarda. Auspico, e ne sono certa, che il tentativo di minare il lavoro del sindaco e della giunta comunale troverà la ferma e pronta risposta dell'autorità giudiziaria. Valori come la legalità appartengono a tutte le istituzioni, e richiedono azioni ferme e decise contro ogni forma di intimidazione».

«L’ignobile atto ai danni del sindaco Luigi Foresta con il taglio delle piante di ulivo nella sua proprietà, è un’offesa a tutta la comunità di Roccabernarda che lo ha liberamente eletto». È il commento di Antonio Tata, referente Libera Crotone, e di Pino De lucia per Legacoop Crotone. «Ricorrere alla violenza vandalica - scrivono - è sintomo di una mentalità mafiogena di chi non ha il coraggio di confrontarsi pacificamente e democraticamente e usa metodi criminali per minacciare e intimidire il Sindaco e con lui la comunità che lo ha espresso. Ancora una volta sentiamo di doverci schierare al fianco dei tanti rocchisani onesti che costituiscono la grandissima maggioranza degli abitanti di Roccabernarda e incoraggiarli a resistere assumendosi la propria responsabilità di cittadini che si impegnano per una comunità libera e democratica, perché c’è bisogno delle energie, delle intelligenze e delle forze di tutti per liberare le nostre comunità da quelle poche mele marce che le infangano».

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

Il 23 novembre si terrà presso il ristorante Le Giarre, Roccabernarda (Kr) la presentazione del libro Una fimmina calabrese, così Lea Garofalo sfidò la 'Ndrangheta a cui prenderanno parte l’autore Paolo De Chiara, Marisa Garofalo, sorella di Lea, Simone Saporito, sindaco di Petilia Policastro, Pino Cassata, coordinatore Agende Rosse di Rozzano e dintorni e l’editore Salvo Bonfirraro, moderati da Carmelo Colosimo, giornalista della Gazzetta del Sud.

Pubblicato in Cultura e spettacoli
Pagina 1 di 11