Lunedì, 13 Luglio 2020

CRONACA NEWS

nencini riccardoSi e' svolta oggi presso il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, la riunione convocata dal viceministro Riccardo Nencini con la partecipazione il sottosegretario al Turismo, Dorina Bianchi, i vertici di Enac, il sindaco di Crotone, Ugo Pugliese, il vice sindaco di Isola di Capo Rizzuto, Carmela Maiolo, e il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio. A margine della riunione il viceministro Nencini e il sottosegretario Bianchi hanno affermato: «L'aeroporto di Crotone deve essere messo nelle condizioni di ripartire prima dell'estate per svolgere il proprio servizio ai cittadini e garantirne la fruibilita' turistica. A seguito della sospensione della sentenza del Tar da parte del Consiglio di Stato, Enac ha avviato le procedure di gara per assegnare la gestione dello scalo di Crotone. Siamo preoccupati, pero', per l'atteggiamento delle due amministrazioni comunali. Infatti alla nostra richiesta di ritirare il ricorso, la Regione Calabria si e' resa subito disponibile a farlo mentre i Comuni di Crotone e di Isola di Capo Rizzuto si sono riservati di valutare. Questo potrebbe produrre un rischio per il futuro e far saltare la stagione estiva. I vettori, infatti, hanno bisogno di tempo per poter programmare i voli sull'aeroporto, cosi' come i tour operator hanno necessita' di confermare quanto prima i posti letto alle strutture alberghiere. Invitiamo, pertanto, i sindaci a favorire una positiva soluzione ritirando il ricorso».

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

incontro ministero aeroporto delrio«Dispiace che, dopo una riunione che si e' svolta in maniera favorevole verso una risoluzione del problema degli aeroporti calabresi, sia giunta la sentenza del Tar [LEGGI ARTICOLO] che, accogliendo il ricorso di Sagas, abbia complicato le cose». A dirlo e' Dorina Bianchi, sottosegretario al Mibact con delega al Turismo e deputato calabrese del gruppo Area popolare che oggi era presente alla riunione che si e' tenuta al ministero delle Infrastrutture e dei trasporti [LEGGI ARTICOLO]. «In relazione al recente decreto del ministro Delrio – prosegue la sottosegretaria – sulle linee guida per la designazione delle reti aeroportuali che sottolinea l'importanza delle infrastrutture aeroportuali regionali capaci di correggere la criticita' del mercato migliorando la competitivita' e creando una solida realta' economica attraverso l'integrazione, la razionalizzazione e lo sviluppo del potenziale di crescita degli aeroporti stessi, si auspica che venga impugnata. I problemi degli aeroporti calabresi - aggiunge - sono una priorita' del governo. Nella riunione di oggi al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti a cui ho preso parte, e' emersa la necessita' di riaprire l'aeroporto di Crotone e di garantire i voli su Reggio Calabria. Il ministro Delrio ha garantito la copertura del costo del servizio Atc (Torre di controllo) e gli oneri di servizio. Contestualmente la Regione Calabria tramite il presidente Oliverio ha rassicurato circa la disponibilita' di 12 milioni di euro per il bando di gara per i vettori interessati agli scali calabresi».

Salva

Salva

Pubblicato in In primo piano

antonella rizzo2L'assessore regionale all'Ambiente, Antonella Rizzo, ha partecipato questa mattina, al ministero dell'Ambiente, alla Conferenza dei servizi istruttoria per la bonifica del sito industriale di Crotone. L'assessore Rizzo - informa una nota dell'ufficio stampa della giunta - nell'ambito di questa importante riunione, ha sottolineato come, «nel corso dell'anno appena trascorso, la Regione Calabria abbia lavorato alla redazione ed all'approvazione del nuovo piano dei rifiuti che ha come obiettivo le discariche zero attraverso la riduzione dei volumi dei rifiuti nonche' attraverso il loro riutilizzo». L'assessore ha spiegato che «anche per quanto riguarda la bonifica di Crotone tale principio deve essere applicato in linea con quanto previsto dal decreto ministeriale 471 del '99 che disciplina la limitazione del trasporto dei rifiuti e l'ottimizzazione del loro riuso». «In un'area come quella di Crotone - ha aggiunto l'assessore Rizzo - bisogna tener conto necessariamente degli elevati livelli d'inquinamento esistenti e dell'ulteriore impatto ambientale dovuto all'impianto di Ponticelli, nonche' alle altre discariche presenti sul territorio». Con la riunione di oggi e' stato definitivamente sancito in maniera inequivocabile il superamento della discarica di Giammiglione da tutti gli enti presenti: ministero, Prefettura, Ispra, Regione Calabria, Provincia di Crotone, Comune di Crotone, Arpacal, Inail Autorita' di bacino ed Asp». L'assessore Rizzo, nel prendere atto di questa svolta fondamentale per il territorio crotonese, ha evidenziato la necessita' che la bonifica di Crotone venga attuata nel pieno rispetto della sicurezza dei cittadini crotonesi e nel rispetto delle normative vigenti, senza alcun tipo di scappatoia per nessuno. A tal proposito ha chiesto a Syndial di illustrare tutte le tecniche e le metodologie per arrivare a concretizzare gli obiettivi che, sostanzialmente, sono: rischio zero, restituzione al territorio delle aree del sito Sin e loro riutilizzo. L'assessore Rizzo ha poi precisato che «il rilancio dell'area dovra' essere concordato con l'Amministrazione comunale secondo l'idea di sviluppo complessiva del territorio». La dirigente Laura D'Aprile, che ha presieduto la conferenza istruttoria per conto del ministero, ha individuato un percorso che prevede la costituzione di un tavolo tecnico-istituzionale che dovra' entrare nel merito delle metodiche e delle tecnologie di bonifica che verranno utilizzate per assicurare gli obiettivi illustrati dalla Regione Calabria. La dirigente del ministero infatti, facendo proprie le istanze della Regione Calabria, ha chiesto a Syndial di poter presentare un diagramma di flussi che tenga conto dell'aspetto e delle ricadute socio-economiche sul territorio e della sostenibilita' economica della bonifica. Tale diagramma consentira' alle istituzioni di coinvolgere al meglio il territorio di Crotone e di scegliere , attraverso il supporto tecnico, la metodica piu' sicura, cosi' come richiesto dalla Regione Calabria. L'assessore Rizzo, pur ringraziando Syndial per l'illustrazione di progetti attuati in Italia e nel resto dell'Europa, ha richiesto che il piano operativo di bonifica del sito di Crotone dovra' tener conto delle peculiarita' del territorio crotonese e dei vari aspetti: archeologico, turistico, culturale e non ultimo del rischio idrogeologico. A questo proposito la Regione Calabria ha evidenziato che e' in corso di approvazione il nuovo Pai che, pur prevedendo vincoli per l'area di Crotone, da' la possibilita' di attuare la bonifica in piena sicurezza evitando di esporre la popolazione ad eventuali rischi. «La Regione Calabria - ha ricordato l'assessore - sta realizzando sul territorio di Crotone una serie di interventi come le vasche di laminazione che mirano a mitigare il rischio idrogeologico». L'Assessore Rizzo ha poi chiesto a Syndial di conoscere le opere di protezione dell'area fronte mare previste nel piano di fattibilita' presentato dalla societa' per scongiurare anche eventuali rischi di erosione costiera o mareggiate ma anche i tempi necessari ad una eventuale bonifica in sito ed ad un conferimento e smaltimento in impianti al di fuori del sito stesso. Tutti questi punti evidenziati dalla Regione Calabria saranno approfonditi puntualmente dal tavolo tecnico-istituzionale richiesto dalla dirigente del ministero D'Aprile. «Finalmente - ha dichiarato infine l'Assessore Rizzo - si entra nel merito della bonifica di Crotone, una ferita rimasta aperta in tutti questi anni e mai risanata. Vigileremo affinche' il tutto avvenga in tempi brevi ma con il necessario rigore che assicuri il rilancio dell'area crotonese ed il rispetto della sicurezza e della salute dei cittadini».

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

lorusso fnsi segretario"Le bufale e la pubblicazione di notizie false sono un elemento di disonore del giornalismo e non possono essere considerate un elemento costitutivo della professione". Lo ha detto Raffaele Lorusso, segretario generale della Fnsi, nel corso del convegno su "Giornalismo e bufale" questa mattina alla Camera. "Chi, come la Fnsi, si batte contro ogni forma di bavaglio, contro ogni intervento di carattere autoritario per comprimere la liberta' di espressione e il diritto di cronaca, contro le querele temerarie - ha aggiunto - non puo' non essere in prima linea in un'azione di contrasto quotidiano alle bufale e alla violenza verbale". E riferendosi all'appello rivolto dalla presidente della Camera, Laura Boldrini, Lorusso ha annunciato che la Fnsi avviera' in sede nazionale e internazionale una campagna contro il linguaggio dell'odio: "La nostra prossima battaglia sara' contro l'hate speech, il linguaggio dell'odio, la porteremo avanti insieme con i colleghi della Carta di Roma, da sempre in prima linea su questo tema". Lorusso ha annunciato un'iniziativa con le organizzazioni internazionali dei giornalisti da tenersi a Roma in occasione del sessantesimo anniversario della firma dei Trattati europei. "Le notizie false sono spesso l'anticamera del linguaggio dell'odio. Tutto questo non ha niente a che vedere con la liberta' di espressione e con l'articolo 21 della Costituzione - ha detto ancora - I giornalisti hanno il dovere della verita' e del rispetto della dignita' delle persone. Pretendere il rispetto dei doveri significa ridare dignita' e decoro alla professione e rafforzare le battaglie per la liberta' di espressione e contro qualsiasi forma di bavaglio". A giudizio del segretario generale della Fnsi, "per essere credibili e riacquistare autorevolezza nell'opinione pubblica bisogna isolare e sanzionare chi diffonde falsita' e alimenta il linguaggio dell'odio: avevamo proposto per questo l'istituzione del Giuri' per la lealta' dell'informazione, ma - ha commentato amaramente in conclusione - c'e' chi ha lavorato per affossarlo". (AGI)

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

enac sedeBrutta tegola per la neocostituita società aeroportuale di Crotone. La Sagas Spa, infatti, è stata esclusa per carenze non recuperabili con il soccorso istruttorio dal bando di gara per l'affidamento in gestione degli aeroporti di Crotone e Reggio Calabria. Si e' svolta oggi a Roma, nella sede dell'Ente nazionale aviazione civile (Enac) la seduta pubblica, fissata in prosecuzione della precedente del 12 ottobre, per la richiesta di documentazione integrativa ai concorrenti partecipanti alla gara. «Nella seduta, Enac, confermata la regolarita' della documentazione presentata dalla Sacal - si legge in una nota - ha richiesto di acquisire la dichiarazione resa dall'incaricato, attestante il possesso, alla data della presentazione di partecipazione alla gara, dei poteri per impegnare il garante o altra documentazione attestante tali poteri. Detta dichiarazione e' gia' in possesso della Sacal che provvedera', entro il termine richiesto, a trasmetterla all'Enac per la chiusura della fase di verifica amministrativa».

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

sacco cucinotta2È stato insignito questa mattina col "Premio Margutta" il maestro orafo Gerardo Sacco. La cerimonia si è volta a partire dalle 11.30 a Roma. Si tratta di uno tra i più prestigiosi premi a livello nazionale ed è considerato un appuntamento culturale di altissimo livello nel nostro Paese. «Siamo orgogliosi - scrive la vicesindaco Antonella Cosentino - che questo riconoscimento, che negli anni scorsi è stato assegnato a grandi personalità del mondo della cultura italiana, in questa edizione nella sezione arte, vada al maestro Sacco, vero e proprio biglietto da visita della città di Crotone nel mondo. L'arte di Gerardo è riconosciuta a livello internazionale ed ovunque il maestro è amato non solo per le sue opere ma anche per il tratto semplice e signorile che solo i grandi sanno mostrare. Un uomo con i capelli bianchi ma con idee giovani. Al maestro Sacco giungano i complimenti di cuore da parte di tutta la comunità cittadina per il prestigioso riconoscimento».

 

 

 

Pubblicato in Cultura e spettacoli
Pagina 9 di 19