Mercoledì, 20 Gennaio 2021

CRONACA NEWS

Serie A 17esima giornata│Crotone con il solito cliché, regala un tempo agli avversari subendo il passivo. Messias alla sesta marcatura stagionale riapre la partita, ma il risultato non cambia. Le sconfitte aumentano (12) e la classifica non cambia.

Pubblicato in Sport

Crotone piange uno dei suoi talenti artistici migliori degli anni ’60-'70. È purtroppo passato a miglior vita nella giornata di ieri Roberto Falcone, chitarra d’accompagnamento, nonché uno dei fondatori dello storico gruppo musicale “The Apaches”.

Pubblicato in Cronaca

Era originaria di Cotronei la donna di Verona, Teresa Scavelli, 46 anni, uccisa barbaramente in Svizzera da un giovane di 22 anni. L'uomo è stato successivamente colpito a morte dalla polizia.

Pubblicato in Cronaca

Arresti in Veneto al termine di un'indagine della Polizia che ha sgominato la 'locale' di 'Ndrangheta di Verona, una struttura autonoma ma riconducibile alla cosca degli Arena-Nicoscia di Isola Capo Rizzuto, in provincia di Crotone.

Pubblicato in Cronaca

pubblico la famiglia èPartecipazione e condivisione per l'iniziativa del Partito democratico dal titolo "La famiglia è..." svoltasi nel pomeriggio di sabato scorso presso la sala Margherita a Crotone. L’iniziativa è stata voluta e realizzata dalle donne del partito cittadino, in collaborazione con i Giovani democratici ed è nata in risposta al congresso mondiale delle famiglie di Verona. Dalla sala Margherita di Crotone è arrivato un secco “No” «al pensiero unico; “No” all'oscurantismo ideologico; “No” alla negazione dei diritti acquisiti».
Il dibattito, moderato dalla giornalista Giulia Tassone, ha registrato gli interventi dei relatori: Nunzia Accietto (avvocato), Antonio Tata (Libera), Fabio Riganello (cooperativa sociale Agorà Kroton), Maria Rita Lamanna (associazione Non una di meno) e Alessia Sisca (associazione Diversi ma uguali Kr).
Numeroso e variegato il pubblico presente in sala tra cui i consiglieri comunali Rosanna Barbieri e Mario Megna, mentre è stato assente giustificato il capogruppo Pd Michele Ambrosio che aveva contribuito fattivamente all'organizzazione e alla realizzazione dell'evento. Presente inoltre in sala la Consigliera di parità della Regione Calabria Tonia Stumpo. Ha aperto i lavori, con i saluti del Partito democratico, Manuela Asteriti presidente dell'assemblea cittadina, la quale dopo avere rappresentato la portata politica dell'evento si è soffermata sulla necessità di «superare le chiusure, uscire dalle sedi di partito, abbandonare le storie già raccontate, tornare per strada e li ritrovarsi con i cittadini e con i soggetti che si riconoscono nei valori del centro sinistra. Sia la strada dei diritti la nuova Agorà da cui ripartire per provare a scrivere insieme un nuovo racconto, lo stesso chiesto e a cui lavora il Segretario Nazionale Nicola Zingaretti».
asteriti accietto lamanna tassone tata riganello«La famiglia – ha sostenuto Fabio Riganello – è la principale formazione sociale in cui la persona svolge la sua personalità secondo l'articolo 2 della Costituzione, mentre l'articolo 29 riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio, quindi famiglia naturale, società naturale sta per diritto naturale. Ma cosa si intende – ha spiegato Riganello – per società e cosa per naturale. Il primo concetto, è impiegato come forma di organizzazione della convivenza umana, il senso dell'espressione è equivalente a quello di "formazione sociale"; la seconda definizione non è da intendersi immutabile, ma può modificarsi con il mutare del costume sociale, con l'evolversi della concezione della famiglia e dei rapporti dei suoi membri. In altre parole la famiglia è da intendersi come un luogo dove viene espressa la genitorialità, l'adultità, ed è un luogo che non è condizionato dalla appartenenza a un genere o una razza ma dalla singola persona».
Nunzia Accietto ha richiamato a concetti sulla mediazione (obbligatorietà e volontarietà), «la formazione del mediatore, dei contenuti del Ddl “Pillon”, la mediazione nel conflitto fisiologico e non patologico, mediazione esperienza nella scuola».
Antonio Tata ha invece parlare della famiglia di 'ndrangheta, cioè «della concezione mafiosa della famiglia che, tra l'altro, somiglia molto a quella dei partecipanti al convegno di Verona.
Maria Rita Lamanna, nel presentare l’attività dell’associazione “Non una di meno”, si è soffermata sulle tematiche del congresso di Verona, degli effetti del ddl “Pillon” e sulla legge 194 per l’aborto.
Alessia Sisca ha quindi rappresentato la famigli dal punto di vista della condivisione della disabilità. In particolare, la dottoressa ha parlato della propria esperienza famigliare (è mamma di uno splendido bambino con sindrome di Down), contrapponendola a certe sfaccettature desumibili dalle prese di posizione del Convegno di Verona.
Sono inoltre intervenuti dal pubblico Alberto Fauci (Gd), Rosa Barretta (ex direttrice del Consultorio cittadino), il segretario della Funzione pubblica dellaCgil (Crotone-Catanzaro-Vibo) le docenti Pina Alosa e Anna Melillo.

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Politica

fiorella mannoia premio afi michele affidatoC'era anche l’arte del maestro orafo Michele Affidato all’edizione 2018 dei “Wind music awards 2018”, evento che si è tenuto nei giorni scorsi presso l’Arena di Verona e al quale hanno partecipato artisti di primissimo piano in una delle cornici più suggestive per la musica italiana. Un vero e proprio spettacolo nel corso del quale, da oltre dieci anni, vengono premiati coloro che si sono distinti per le vendite dei loro album e dei singoli e per i risultati conquistati nei live. A Michele Affidato l’Afi, “Associazione Fonografici Italiani”, che riunisce e rappresenta i produttori di fonogrammi e video musicali, tutelando e promuovendo gli interessi collettivi dell’industria del settore musicale, ha commissionato un premio di straordinaria importanza. Il “Premio Speciale AFI” che raffigura il logo dell’associazione, realizzato su lastra d’argento e base in cristallo è stato consegnato a Fiorella Mannoia, artista che Michele Affidato ha avuto modo di premiare con delle sue opere già diverse volte nel corso della sua carriera. Di recente l’Afi ha rinnovato i suoi vertici, lo scorso venti marzo l'associazione ha eletto come suo Presidente il giovane Francesco Cerruti che ha già contattato il maestro Michele Affidato per coinvolgerlo in una serie di iniziative di grandissimo spessore. La collaborazione tra il Maestro e l’Afi risale ormai a diversi anni, visto che ha avuto il compito di realizzare premi per il gotha della musica italiana, non solo al Festival di Sanremo ma anche in tante altre manifestazioni. Il premio è stato assegnato a Fiorella Mannoia nel corso del Wind Music Awards 2018 e consegnato sul palco da Carlo Conti e Vanessa Incontrada; la stessa opera, inoltre, è stata messa nelle mani dell’artista nel backstage prima dell’evento da Sergio Cerruti, Marica Pellegrinelli e Federico Russo. Sul palco si sono alternati i vari Baby K, Benji & Fede, Biagio Antonacci, Coez, Cristina D’Avena, Emma, Elisa, Ermal Meta, Federica Carta, Fiorella Mannoia, Francesco Gabbani, Gianna Nannini, Il Volo, Izi, La Rua, Laura Pausini, Maneskin, Max Pezzali - Nek - Francesco Renga, Riki, Shade, Sfera Ebbasta, Thegiornalisti,Ultimo e molti altri. “Siamo ancora al fianco dei grandi della musica italiana - afferma Michele Affidato - con l’Afi ormai abbiamo instaurato un rapporto che dura da diversi anni ed è sempre un piacere realizzare i premi per un’associazione che tutela e valorizza la musica italiana, un vero patrimonio per il nostro Paese. Premiare poi Fiorella, artista dal talento infinito, mi riempie di gioia e orgoglio”. Soddisfatto anche il Presidente Cerruti: “Sono felice e grato che l’Afi abbia avuto la possibilità di tornare sul palco dei WMA 2018, ancora di più per premiare un’artista raffinata quale Fiorella Mannoia anche nella sua veste di produttrice indipendente”.

 

 

 

Pubblicato in Cultura e spettacoli
Pagina 1 di 2