fbpx
Domenica, 25 Settembre 2022

CRONACA NEWS

francesco palmieriCASABONA - Settantanove anni e non sentirli. In questo caso, però, l'ardore e la prestanza di un signore di Casabona gli sono costati un po' troppo, arrivando a fargli avere problemi con la giustizia. Ecco cosa è successo. Nella giornata di ieri, durante le ore del tardo pomeriggio, i carabinieri della Stazione locale hanno tratto in arresto Francesco Palmieri (del 1936) per resistenza e violenza contro pubblico ufficiale. La centrale operativa del Comando provinciale era stata allertata inquanto, il signor Palmieri, in evidente stato di agitazione psicofisica, stava ostacolando i lavori di scavo per il passaggio della fibra ottica eseguiti da una ditta incaricata. I militari sono così intervenuti in via Regina Margherita del piccolo Comune collinare. Alla vista dei carabinieri, però, l'anziano è subito andato in escandescenza e ha cominciato a inveire contro gli stessi, cercando di colpirli con schiaffi e pugni. Ma non è tutto. Il 79enne ha poi anche tentato la fuga con la propria autovettura, cercando inoltre di investire i militari. L'anziano è stato poi prontamente bloccato ed ammanettato. Adesso, su disposizione dell' Autorità giudiziaria informata dalla stazione di Casabona, dopo le formalità di rito, Palmieri è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa dell'udienza di convalida che si è svolta nella tarda mattina di oggi.

 

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

COTRONEI - Era andato per funghi nel pomeriggio, ma poi ha perso l'orientamento ed è stato ritrovato in buone condizioni il giorno dopo. E' andata bene ad un turista barese in vacanza a Trepidò sulla Sila crotonese. L'uomo di 38 anni si è incamminato per i boschi senza riuscire a trovare la via del ritorno. Il cellulare si è scaricato e lui ha trascorso la notte in una scarpata. A dare l'allarme la moglie. Le ricerche sono state condotte dai carabinieri di Petilia Policastro e dal Cfs.

 

 

Pubblicato in Cronaca

Pacchi di pasta, confezioni di tonno e carne in scatola. E' il bottino di una rapina compiuta in un supermercato a Torretta di Crucoli. I responsabili della rapina, due uomini ed una donna di Napoli, sono stati arrestati dai carabinieri. Giunti nei pressi della cassa, i tre hanno aggredito il gestore colpendolo alla testa. Si sono giustificati sostenendo che la merce era stata sistemata nella borsa della donna in attesa di trovare un carrello per la spesa.

Pubblicato in Cronaca

canapa indianaISOLA CAPO RIZZUTO - Due persone Nicola Nicastro, di 42 anni, e il figlio Giuseppe Emanuele, di 20, sono stati arrestati e posti ai domiciliari dai carabinieri di Isola Capo Rizzuto per coltivazione, produzione e detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Padre e figlio sono stati sorpresi dai militari, in flagranza di reato, in un terreno dove, dopo essere giunti a bordo di un trattore, si stavano approntando ad innaffiare 23 piante di canapa indiana dell'altezza di due metri e mezzo. I due sono stati bloccati dai carabinieri che si erano appostati dopo avere scoperto la piantagione. Le piante sono state estirpate e poste sotto sequestro.

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

CIRO' MARINA - Due titolari di commercianti di Cirò Marina, L.A. e G.A. sono stati arrestati dai carabinieri per furto di energia elettrica e rimessi in libertà dopo la convalida del provvedimento dal Gip del tribunale di Crotone. I militari, durante un controllo con l'Enel, in un esercizio composto da due distinte attività, hanno scoperto che il contatore era stato bypassato. L'allaccio abusivo era stato completamente interrato forse da 10 anni, epoca di costruzione della edificio.

Pubblicato in Cronaca

furto energia2MESORACA - I Carabinieri della Stazione di Mesoraca hanno arrestato una donna 52enne proprietaria di una pizzeria per furto di energia elettrica perpretrato nella propria attività ristorativa. Nello scorso weekend i Carabinieri hanno dato luogo ad una estesa operazione di polizia giudiziaria avente come oggetto la verifica della corretto uso ed allaccio di energia elettrica nel Comune e nelle frazioni attigue, con particolare riferimento ad esercizi commerciali. L'attività di verifica è stata svolta congiuntamente con personale specializzato dell'Enel e ha riguardato come detto, sia attività commerciali a grande consumo di energia (macellerie, bar, supermercati), sia case di proprietà privata nel paese. Proprio in relazione ad attività commerciali, i militari hanno effettuato un controllo presso una pizzeria sita in via Campizzi; qui da subito è risultato esserci un situazione anomala ovvero, una volta disattivato il contatore generale, incredibilmente i banchi frigo, i climatizzatori ed i forni risultavano essere ancora accesi e regolarmente in funzione. Una volta che gli specialisti dell'Enel hanno accertato l'allaccio abusivo alla rete pubblica, i militari della locale Stazione hanno provveduto ad identificare il gestore della pizzeria, tale Caterina Catalano di 52 anni e dichiararla in arresto per furto aggravato (come noto per il nostro ordinamento penale il furto di energia elettrica è assimilato al furto di una cosa mobile). Il pubblico ministero di turno, avvisato dai Carabinieri ha così disposto che l'arrestata fosse ristretta agli arresti domiciliari presso la proprie abitazione in attesa del rito direttissimo che si è tenuto sabato, con la convalida dell'arresto.

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca
Pagina 140 di 147