fbpx
Lunedì, 24 Giugno 2024

CRONACA NEWS

a scattatu carnalivari virelli villirillo«A Cutro è avvenuto un piccolo, grande miracolo: sono scesi in piazza in migliaia in un corteo allegro, colorato e felice, invadendo pacificamente le vie del paese e così condividendo l'idea dell'organizzatore Pierluigi Virelli di dedicare la manifestazione carnevalesca al giovane e coraggioso studente diciottenne Giuseppe Parretta, assassinato a Crotone il 13 gennaio scorso». Così Pierluigi Virelli, organizzatore della manifestazione “A scattatutu Carnalivari” svoltasi lo scorso 13 febbraio a Cutro, che traccia un bilancio a conclusione delle seconda edizione. «Una voglia di partecipazione – commenta Virelli – che va oltre il semplice divertimento, arrivando a essere un gesto civico attivo di amore e appartenenza della comunità, riappropriandosi del territorio e restituendolo con una qualità della vita degna e positiva. Con la voglia di dire basta a situazioni come quelle accadute a Crotone un mese fa. La scelta di dedicare la manifestazione "A scattatu Carnalivari – in memoria di Giuseppe Parretta ", ha un significato profondo perché nella cultura contadina il Carnevale è il Capodanno del popolo, il giorno in cui dando fuoco al fantoccio di "Carnalivari" la comunità allontana i torti e il male subiti. Insieme alla musica tradizionale, alle maschere, ai colori della Farsa Carnevalesca, un ruolo chiave hanno avuto due donne: Caterina Villirillo, madre di Giuseppe, e Anna Battaglia, assessore alle Politiche giovanili di Cutro.

a scattatu carnalivari virelli corteoDue figure femminili, in una regione che solitamente relega le donne a ruoli marginali, che hanno lanciato messaggi importanti, chiari, forti contro ogni tipo di violenza, aggressività, criminalità e ogni tipo di comportamento distruttivo sia da parte dell'uomo verso l'uomo, che da parte dell'uomo verso il territorio. Soprattutto Catia, la mamma di Giuseppe, ha commosso appellandosi a tutti i giovani e alla comunità, rimarcando che ciò che è accaduto a suo figlio poteva accadere a chiunque, facendo riflettere tutti sulla necessità di cambiamento di mentalità, prendendosi cura quotidianamente degli altri. Invitando i ragazzi a studiare, a informarsi, diventando più forti e consapevoli attraverso la cultura, l'arte, la poesia, la creatività. Così come è stata creativa l'idea di aprire la manifestazione di ieri, recuperando tradizioni millenarie e arcaiche perdute nel tempo, rendendole attuali e contemporanee abbracciando l'idea di dedicarla ad un fatto di cronaca per far riflettere e costruire insieme una pace fatta di gesti concreti. Per la prima volta, inoltre, è arrivata a Cutro un opera d'arte di un'artista contemporanea, Doris Maninger, che in migliaia in piazza tenendosi la mano, hanno srotolato sorreggendo questa tela dipinta di straordinaria bellezza, realizzata da tante persone, adulti e bambini, in giro per il mondo, per poi arrivare in Calabria. Un momento toccante, in cui la piazza è stata avvolta magicamente da un silenzio sacro, in cui ognuno ha riflettuto sul proprio ruolo sociale. Infine, significativo il supporto dato da parte di tutti alla famiglia di Giuseppe, raccogliendo tramite una riffa, una somma devoluta in beneficenza per costituire una borsa di studio per Benedetta, la sorella diciassettenne. La grande partecipazione e il plauso unanime verso l'organizzatore, è un bellissimo invito a ripeterla l'anno prossimo, con lo stesso spirito di amore e gioia».

 

 

 

Pubblicato in Cultura e spettacoli

gas accesoDurante la notte a Cutro, i carabinieri della locale Stazione sono intervenuti in via Cavour per la segnalazione di un forte odore di gas proveniente da un'abitazione. I militari sono entrati nell'appartamento, posto al piano terra, con la porta d'ingresso priva di chiusura a chiave e, al buio, notando che i fornelli del gas lasciati accidentalmente aperti dalla proprietaria di casa, una pensionata di 92 anni che in quel frangente si trovava nella propria camera da letto a dormire. I militari, dopo aver chiuso l'erogazione del gas e fatto arieggiare gli ambienti, attendendo quindi l'arrivo dei Vigili del Fuoco e dei sanitari del 118 che hanno verificato lo stato di salute dell'anziana.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

arresto alessandro iembo dailymailPotrebbe essere di origine cutrese il 28enne italiano coinvolto in un uno dei più ingenti sequestri di cocaina mai registrati in Inghilterra per un valore di mercato stimato in oltre 57 milioni di euro. La droga è stata trovata lunedì scorso a bordo di un aereo privato all'aeroporto di Farnborough, nell'Hampshire, che era arrivato da Bogota', in Colombia. A bordo del velivolo, la polizia ha trovato 15 valigie con un totale di 500 chili di cocaina. Si tratta di uno dei piu' grandi quantitativi di droga introdotti nel Regno Unito "da molti anni", ha reso noto l'Agenzia nazionale anticrimine (Nca). Il “Dailymail” identifica in Alessandro Iembo come uno dei cinque fermati nell'operazione antidroga, pubblicando la sua fotografia. Le altre quattro persone sono due britannici e due spagnoli. Nell'ambito dell'operazione, inoltre, sono state perquisite tre case a Bournemouth, sempre nell'Hampshire, dove sono stati sequestrati computer e telefoni cellulari. L'equipaggio dell'aereo e' stato interrogato e poi rilasciato, riporta la Bbc. Le identita' dei cinque non erano state rese note in un primo momento. È stata l'emittente televisiva britannica “Itv” a scrivere poi questa mattina che l'italiano arrestato nell'ambito dell'operazione antidroga nell'Hampshire e' il 28enne Alessandro Iembo che risulterebbe residente a Bournemouth. Gli altri quattro sono due fratelli britannici, il 48enne Martin Neil e il 53enne Stephen Neil, e gli spagnoli Victor Franco-Lorenzo (40 anni) e Jose Ramon Miguelez-Botas (45). I cinque dovranno comparire oggi davanti alla Corte di Uxbridge.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

arresto cocaina cutro carabinieriCUTRO - Due persone sono state arrestate nel pomeriggio per detenzione, ai fini di spaccio, di sostanze stupefacenti, dai carabinieri della compagnia di Petilia Policastro. Si tratta di C.S., 39enne, e L.M., 25enne, entrambi petilini, disoccupati, già conosciuti alle forze dell’ordine, per detenzione di sostanza stupefacente. I due, a seguito di perquisizione veicolare, sono stati trovati in possesso di 1 kg e 62 grammi di cocaina suddivisi in due involucri che erano stati ben occultati a bordo dell’autovettura sulla quale viaggiavano. Gli arrestati sono stati tradotti presso la casa circondariale di Crotone.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

carabinieri 112Intensa attività dei carabinieria Crotone e su terrtiorio provinciale nel weekend appena trascorso. A Cirò Marina è statu denunciato per sostituzione di persona e truffa un 53enne di Treviglio (BG) per i reati di sostituzione di persona e truffa. L’uomo ha pubblicato sul sito www.subito.it un’inserzione per la vendita di un autoveicolo, ma il proprietario del mezzo era un altro. Il 53enne si è comunque fatto accreditare, sulla propria carta postepay, da un malcapitato acquirente, la somma di 700 euro, rendendosi successivamente irreperibile. Sempre a Cirò Marina gli uomini dell’Arma hanno denunciato un 31enne albanese per falsità materiale commessa da privato e uso di atto falso. Il giovane era stato sorpreso dai militari alla guida di un veicolo con patente di guida risultata contraffatta. Interventi anche nel Comune di Isola Capo Rizzuto. Qui i carabinieri della locale tenenza hanno arrestato per furto aggravato in concorso tre persone tutte della zona. Le stesse erano state sorprese, da un militare libero da servizio, a rubare 30 barre in acciaio da una ditta locale. L’immediato intervento di personale del citato, giunto in supporto del collega, ha consentito di assicurare alla giustizia i malfattori e di restituire la refurtiva all’avente diritto. Un arrestato per detenzione, ai fini di spaccio, di sostanze stupefacenti è stato eseguito invece a Cutro. Si tratta di un 35enne residente della cittadina. I militari a seguito di perquisizione domiciliare, hanno rinvenuto nella sua camera da letto, 65 grammi di marijuana, un bilancino di precisione e materiale da confezionamento. Un medico 42enne è stato denunciato dai militari di Caccuri per guida in stato di ebbrezza alcolica e rifiuto di sottoporsi ai relativi accertamenti. Il professionista era stato coinvolto in un incidente stradale a Petilia Policastro, ma si è rifiutato di sottoporsi agli accertamenti etilometrici previsti, allontanandosi volontariamente dalla struttura sanitaria dove è stato accompagnato dal 118 per essere medicato. Infine, i carabinieri della Compagnia di Crotone hanno arrestato un imprenditore di 27 anni, dando esecuzione ad un’ordinanza di sostituzione della misura degli arresti domiciliari con quella della custodia cautelare in carcere. L’uomo, nonostante sia stato recentemente colpito da provvedimento di sostituzione della misura del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa con quella degli arresti domiciliari per reiterate condotte persecutorie nei confronti dell’ex-fidanzata, ha attuato ulteriori condotte illecite, determinando l’aggravamento della misura cautelare.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

furgone incidente vigili fuocoUna squadra dei Vigili del Fuoco del distaccamento di Petilia Policastro (KR), e' intervenuta stamane sulla strada provinciale che collega Roccabernarda a Cutro, nel Comune di Roccabernarda, per un incidente stradale. Un furgone e' andato fuori strada, finendo la sua corsa sotto un pontino alto circa cinque metri e fermandosi su un canalone che non permetteva al conducente di uscire dall'abitacolo, anche perche' il furgone era poco stabile.

uomo barella 118 vigili fuocoI vigili, intervenuti immediatamente, hanno prima messo in sicurezza il furgone legandolo e successivamente hanno recuperato il conducente ferito, portato sulla strada e consegnato ai sanitari del 118 che lo hanno portato all'ospedale di Crotone. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri di Petilia Policastro per i rilievi del caso.

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca
Pagina 65 di 74