fbpx
Lunedì, 26 Settembre 2022

CRONACA NEWS

guardia fiananza entrata caserma pirilloSono dieci le persone denunciate all'autorita' giudiziaria dalla Guardia di Finanza di Crotone a seguito delle attivita' di approfondimento delle "segnalazioni di operazioni sospette" trasmesse dai soggetti obbligati ai fini della normativa antiriciclaggio. Da verifiche su 17 segnalazioni sono emerse varie tipologie di reato fra cui quelli fiscali (emissioni ed utilizzo di false fatture e omessa presentazione della dichiarazione) e il riciclaggio di proventi illeciti. Sono state inoltre verbalizzate, nei confronti di altrettanti soggetti, 23 infrazioni amministrative relative al superamento della soglia-limite nell'utilizzo del denaro contante, che negli ultimi sei anni era stata fissata a 1.000 euro e che dal primo gennaio 2016 e' stata elevata a 3.000 euro. Per queste infrazioni scatteranno sanzioni amministrative per complessivi 90.000 euro.

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

carabinieri forestale cotroneiCOTRONEI - Irregolarità nella legittimazione di terreni demaniali a Cotronei: i carabinieri forestali hanno denunciato cinque persone. L'illecito sarebbe stato commesso negli anni su terreni demaniali siti in varie località del comune di Cotronei. Tutto è partito da una relazione di servizio con cui il personale operante aveva evidenziato, già l’anno scorso, alcune presunte irregolarità. Un possessore del terreno oggetto del procedimento e un tecnico avevano falsamente attestato la presenza di migliorie di tipo agricolo in terreni costituiti da popolamenti boschivi poco o nulla antropizzati. In un altro caso non si era fatta alcuna menzione di manufatti edilizi realizzati abusivamente. In seguito a delega della Procura della Repubblica di Crotone sono stati eseguiti ulteriori accertamenti che hanno portato alla denuncia di cinque persone per reati vari tra cui falsità ideologica commessa dal privato, falsità ideologica commessa da persona esercente un servizio di pubblica necessità, falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico, abuso d’ufficio. L’attività è stata svolta dai carabinieri forestali, gli uomini già del Corpo forestale dello Stato (che per effetto del decreto legislativo n. 177/2016, sono stati assorbiti nell’Arma dei Carabinieri), e fanno parte del comando unità per la tutela forestale ambientale e agroalimentare carabinieri.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

finanza computerApprofittando della loro influenza e conoscenza del territorio riuscivano a individuare privati cittadini e imprenditori, in precarie condizioni economiche, inducendoli a richiedere prestiti in denaro a tassi fino al 135%. Due persone sono state denunciate per usura dalla Compagnia della Guardia di finanza di Crotone. Uno dei due denunciati, risultato l'usuraio, cioè colui che disponeva del denaro da prestare a strozzo alle vittime, circa 100mila euro, servendosi dell'opera preparatoria del complice, viveva ad Amburgo (Germania). L'indagine che ha portato all'individuazione dei due è scaturita da un precedente sequestro di quietanze di pagamento sospette nell'ambito di un altro procedimento. Gli accertamenti, corroborati da una perizia tecnica, hanno consentito di certificare che i tassi applicati variavano dal 45 al 135% ed erano nettamente superiori al tasso di soglia minima calcolato da Bankitalia oltre il quale si configura l'usura.

Pubblicato in Cronaca

Tre persone sono state denunciate da agenti della Polizia di Stato nell’ambito di servizi di controllo del territorio disposti dal questore di Crotone Claudio Sanfilippo. In particolare, nella giornata di ieri, il personale della Squadra Volante ha deferito in stato di libertà C. M., nato a Crotone il 30 aprile 1986, ivi residente, per il reato di spendita e introduzione nello Stato, di monete falsificate. Lo stesso personale, unitamente ai colleghi della Guardia di Finanza, ha deferito V. V. C., nato in Romania il 13 amrzo 1974 per il reato di incendio doloso. Infine, è stato deferito M. M., nato a Crotone il 30 marzo 1973 per il reato di lesioni gravi.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

Nella mattinata di martedì 12 gennaio gli agenti della squadra Volanti della Questura di Crotone hanno denunciato un cittadino d'origine Pakistana S.U., di 25 anni, per il reato di guida senza patente, poiché sorpreso  alla guida di un ciclomotore su via Giovanni Paolo II. Nella stessa giornata, il medesimo personale ha denunciato per il reato di furto di energia elettrica, due giovani di origine irachena H.R.K cl. di 22 anni e S.F.R. di 25 anni. In particolare, gli operatori intervenuti nel centro storico, fatti gli accertamenti del caso con l'ausilio di personale tecnico e appurata l'effettiva alterazione del contatore con conseguente furto di energia elettrica, hanno proceduto a denunciare a piede libero i due giovani.

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

liceo scientificoIl 70% delle abitazioni del quartiere rom di via Acquabona a Crotone nel quale vivono oltre 400 persone erano allacciate abusivamente alla fornitura idrica dell'adiacente liceo scientifico "Filolao". A scoprirlo sono stati gli investigatori della Digos crotonese, con la collaborazione dei tecnici della società Soakro Spa e del settore Edilizia della Provincia. Le indagini sono iniziate dopo l'acquisizione di una fattura trimestrale che stimava consumi idrici del liceo scientifico "Filolao" di 54.598 metri cubi di consumi d'acqua pari ad un costo di 27.482,09 euro, emessa il 16 ottobre 2014, assolutamente sproporzionata per gli usi del liceo. Dagli accertamenti della Digos è emerso che l'acqua potabile veniva illecitamente captata dalle adiacenti abitazione nel campo rom di via Acquabona. Nel corso di un controllo a campione in 17 unità, fatto dopo la chiusura della valvole a sfera che consentiva l'erogazione del liquido, è emerso che solo tre (due autolavaggi ed una sola abitazione) erano in regola con il contratto; due unità immobiliari erano chiuse poiché i titolari erano detenuti. Le altre abitazioni erano tutte prive di contatore dell'acqua e quindi prive di regolare contratto, per cui sette proprietari sono stati denunciati per furto aggravato e continuato di acqua potabile in danno della Provincia di Crotone. Le indagini, uniche nel suo genere nel comprensorio crotonese per volumi ed estensione dei controlli, hanno quantificato un danno alla Pubblica amministrazione in 131.703 euro a decorre dal 2012. E' infatti da quell'anno che la sperequazione si è ampliata. La fatturazione dell'acqua al liceo era giunta a costi elevatissimi dell'ultima fattura del 7 luglio scorso, di 60.810,69 euro.

 

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca
Pagina 4 di 5