fbpx
Mercoledì, 04 Ottobre 2023

CRONACA NEWS

REGGIO EMILIA La Procura, diretta da Calogero Gaetano Paci, ha chiesto il rinvio a giudizio per l'avvocato Antonio Piccolo, iscritto all'Ordine di Bologna, per i reati di intralcio alla giustizia e utilizzazione di segreto d'ufficio.

Pubblicato in Cronaca

REGGIO EMILIA Diciannove anni e sei mesi a Francesco Grande Aracri, 12 anni al figlio Paolo. Sono le condanne decise dal tribunale di Reggio Emilia al termine del processo "Grimilde" sulle infiltrazioni della 'ndrangheta in Emilia e in particolare nella zona di Brescello, unico comune emiliano-romagnolo della storia ad essere stato sciolto per mafia.

Pubblicato in Cronaca

REGGIO EMILIA Francesco Grande Aracri «è il simbolo concretizzato, il vertice massimo della ‘Ndrangheta in Emilia e ne detta le strategie. Tutti i sodali si sono uniformati. Ha modellato la ‘Ndrangheta su questo territorio in forme che potessero proliferare, in ogni settore, soprattutto economico. Ha deciso che le dimostrazioni più brutali dovessero essere messe da parte, trasferite in altri territori che avrebbero purtroppo assorbito meglio le strategie violente».

Pubblicato in Cronaca

BOLOGNA «Abbiamo posto all'attenzione della Suprema Corte di cassazione due passaggi della sentenza che non ci hanno convinto, riguardanti alcuni reati di intestazione fittizia che sono la nuova arma utilizzata dalle mafie imprenditrici per incidere sul tessuto socio-economico anche con riguardo all'utilizzo strumentale degli stessi per favorire l'associazione mafiosa».

Pubblicato in Cronaca

I carabinieri hanno sequestrato beni, per un valore di dieci milioni di euro, ai fratelli Antonio e Cesare Muto (il primo condannato definitivamente nel processo di 'Ndrangheta 'Aemilia' per associazione mafiosa, appartenente alla cosca Grande Aracri).

Pubblicato in Cronaca