Martedì, 27 Ottobre 2020

CRONACA NEWS

MODENA - Quaranta tra terreni e fabbricati e altri beni per un valore di 13 milioni di euro sono stati confiscati ai fratelli Nicolino, Gianluigi e Carmine Sarcone (residenti a Bibbiano nel Reggiano e attualmente detenuti) e Giuseppe Sarcone Grande (residente a Reggio Emilia), ritenuti esponenti di primo piano della 'Ndrangheta in Emilia-Romagna, emersi nell'operazione 'Aemilia' e originari di Crotone.

Pubblicato in Cronaca

I Carabinieri del Ros e del comando provinciale di Modena hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro per 9 milioni di euro emesso dalla Dda di Bologna nei confronti dei fratelli Antonio e Cesare Muto.

Il primo è attualmente in carcere perché condannato in primo grado nell'ambito del processo Aemilia per associazione di tipo mafioso, truffa ed estorsione, tutti reati aggravati dalla finalità mafiosa. Entrambi imprenditori attivi nel settore della logistica e trasporti, secondo i Carabinieri i due appartengono al circuito economico-relazionale della 'Ndrangheta emiliana, alla cosca Grande Aracri di Cutro, capeggiata dall'ergastolano Nicolino Grande Aracri. L'operazione, ribattezzata 'Grimilde', ha evidenziato come i fratelli Muto, nel 2012, avessero attribuito fittiziamente la titolarità delle loro società a soggetti diversi. L'intervento dei carabinieri ha interessato le province di Reggio, Parma e Crotone su beni immobili e mobili per un valore stimato di nove milioni di euro.

Le indagini hanno evidenziato come i fratelli Muto, nel 2012, avessero attribuito fittiziamente la titolarità delle loro società a soggetti diversi e, nel 2013, dopo essere stati colpiti da interdittiva antimafia, avessero anche costituito la società Cospar srl, operativa nel campo della commercializzazione degli inerti e dei trasporti, intestandone le quote a Salvatore Nicola Pangalli. Sequestrati anche 12 immobili (tra cui 2 capannoni industriali sede delle aziende di autotrasporti, 3 abitazioni e 2 ettari e mezzo di terreno), 92 veicoli, tra cui 28 trattori stradali, 43 semirimorchi, 5 autobus, 4 furgoni, 2 autocarri, 10 autovetture tra cui una Maserati e due Volkswagen ed un motociclo, e 9 conti bancari con saldi positivi per circa 100.000 euro. Sono sei le persone indagate in questa nuova attività della Dda.

Pubblicato in Cronaca

carmine sarcone arrestoI carabinieri del comando provinciale di Modena hanno eseguito un provvedimento di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura distrettuale antimafia di Bologna a carico di Carmine Sarcone, 39 anni, indagato per associazione di tipo mafioso e ritenuto elemento di vertice della 'ndrangheta emiliana autonomamente attiva in Emilia collegata alla cosca Grande Aracri di Cutro (Crotone), e presunto attuale reggente del gruppo Sarcone. Nel corso delle indagini, dirette dal procuratore distrettuale Giuseppe Amato e dai sostituti procuratori Marco Mescolini e Beatrice Ronchi, sono state riscontrate le dichiarazioni rese da diversi collaboratori di giustizia, tra cui Antonio Valerio, Giuseppe Giglio e Salvatore Muto. Secondo l'accusa, Carmine Sarcone avrebbe partecipato alle riunioni tra gli esponenti della consorteria in occasione delle quali venivano pianificate le condotte criminose della cosca e prese le decisioni fondamentali per il mantenimento e il rafforzamento dell'organizzazione. Inoltre, sempre secondo l'accusa, Carmine Sarcone avrebbe svolto la funzione di rappresentante dei fratelli Nicolino, 54 anni, e Gianluigi, 47 anni, attualmente detenuti, svolgendo compiti di direzione della consorteria e dirimendo i contrasti interni alla struttura. In sintesi, e' contestata all'arrestato la gestione diretta dell'attivita' criminosa e del patrimonio illecito della cosca. L'attivita' investigativa, infine, ha consentito di raccogliere elementi indiziari in ordine a condotte tenute da Carmine Sarcone durante il processo contro la 'ndrangheta "Aemilia" attualmente in corso presso il Tribunale di Reggio Emilia tese, secondo l'accusa, all'indottrinamento e alla minaccia nei confronti di alcuni testi. Nel contesto dell'operazione, militari dei comandi provinciali dei carabinieri di Modena, Piacenza e Crotone stanno eseguendo decine di perquisizioni domiciliari in diverse province della penisola volte alla ricerca di armi nella disponibilita' della cosca.

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

juric serie A 2"Dedico questa promozione a tutti quanti, ai ragazzi, alla societa' che ci ha lasciati lavorare in santa pace". Cosi' Ivan Juric dopo il pareggio di Modena che vale la promozione del suo Crotone in Serie A con tre giornate d'anticipo.

 

"E' una  grande emozione con una piccola citta' come Crotone con tutte le difficolta' che ha. Ho visto le lacrime negli occhi. E' la piu' grande emozione della mia vita sportiva" dice Juric che alla domanda se restera' alla guida dei calabresi anche in Serie A o cedera' alla lusinghe di societa' piu' prestigiose, risponde: "Penso che adesso questa domanda non ci sta. Adesso dobbiamo pensare alla felicita', alla gioia da condividere con una societa' che ha creduto in me e che in 25 anni l'ha portata in Serie A".


Juric ha poi voluto ringraziare i suoi ragazzi: "che hanno dimostrato grandissimo cuore. Con la grande volonta' di lavorare durante la settimana, sono dei ragazzi con valori umani che vanno al di la' della tecnica: avevano dentro di se un fuoco" aggiunge il tecnico del Crotone che poi rivolge un grande ringraziamenro al Ds Giuseppe Ursino. "Lo voglio ringraziare non solo per avere portato dei giovani o dei giocatori in cui nessuno credeva piu' come Ricci o Salzano, ma soprattutto perche' e' stato come un padre che ha saputo indirizzarmi, tenendomi calmo quando andavo fuori dalle righe. Mi ha trasmesso grande tranquillità".

 

Tocca poi allo stesso Ursino contraccambiare i complimenti: "Io ho cominciato a credere nella promozione quando ho visto come era allenata la squadra, quando ho visto i ragazzi che lo seguivano in tutto. Non pensavo di vincere il campionato con tre giornata d'anticipo, ma ad una salvezza tranquilla per poi provare a giocarcela ai playoff. Ma Ivan e i ragazzi si sono superati". Alla domanda se Juric restera' alla guida della squadra anche nell'avventura in Serie A, il ds rossoblu' risponde: "Sarebbe il piu' grande acquisto se Ivan rimane. Ma soprattuto il Crotone non deve perdere la sua identità".

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

palladino modenaMODENA - Il suo gol, su rigore, allo scadere del primo tempo consegna al Crotone il punto che vale la matematica promozione in Serie A. E' di Raffaele Palladino, sceso di categoria ed in Calabria per riconquistarsi un posto nella massima serie. "E' un'emozione unica, una cavalcata meravigliosa che va oltre tutte le aspettative" dice Palladino a Sky Sport.

 

«Un successo di tutta la squadra, perche' abbiamo sudato tantissimo per arrivare a questo. Crotone e' una realta' piccolina, ma abbiamo dimostrato che sudore e derminazione possono servire per coronare un sogno» aggiunge l'ex giocatore della Juventus, che ha qualche sassolino da togliersi dagli scarpini: «Mi sono tolto delle belle soddisfazioni, anche contro qualche scettico che era contro di me - dice -. Sono contento perche' mi sono rilanciato. Ero venuto a Crotone per tornare in Serie A e adesso ci giochero' con il Crotone».

Pubblicato in In primo piano

curva modenaIl Crotone ha conquistato la sua prima storica promozione in serie A, pareggiando per 1-1 sul campo del Modena nell'anticipo di oggi del torneo cadetto. Alla squadra calabrese, seguita in Emilia da 1200 tifosi, bastava un punto per avere la certezza matematica del salto di categoria, e così è stato grazie al gol segnato su rigore da Palladino al 45' pt, che ha pareggiato la rete di Luppi.

 

Tabellino.

Modena 1
Crotone 1

Marcatori: Luppi 16°, Palladino (R) 44°

 

Modena (4-3-1-2): Manfredini, Osuji,Gozzi, Marzorati, Rubin, Giorico, Nardini, Bentivoglio, Mazzarani (Belingheri), Luppi, Granoche (Stanco). All. Bergodi

Crotone (3-4-3): Cordaz, Yao (Garcia Tena), Claiton, Ferrari, Di Roberto (Balasa), Berberis, Salzano, Modesto (Cremonesi), Ricci, Budimir, Palladino. All. Juric

Arbitro: Riccardo Pinzani di Empoli
Coll. Dario Cecconi (Empoli) – Claudio Lanza (Nichelino)
Quarto giudice: Gianpaolo Mantelli di Brescia
Ammoniti: Osuji, Claiton, Nardini, Ricci, Balasa,
Angoli: 4 a 3 per il Modena
Recupero: 1 e 4 minuti

 

Il commento.

palladino modenaContro il Modena il Crotone si aggiudica il punto della matematica promozione ed è promosso in serie A: grazie Ragazzi! Avete scritto la migliore pagina di storia calcistica per la Città di Crotone. I vostri nomi resteranno scolpiti nella mente delle generazioni future. Di fronte ai numeri nulla è contestabile e tutti devono accettare ciò che affermano. La promozione del Crotone in serie A era nell'alveo delle cose possibili fin dalle prime giornate. La conferma che lo storico traguardo sarebbe stato raggiunto era visibile con il trascorrere delle partite che vedevano i rossoblù prendere il largo nei confronti delle altre pretendenti alla promozione. A pagare pegno al sorprendente Crotone anche il Cagliari considerato inizialmente l'ammazza campionato.

 

Perché la festa per la promozione iniziasse mancava l'ultimo piccolo tassello, un solo punto da conquistare nelle rimanenti quattro partite. Dopo il ...di Modena questo è avvenuto con tre giornate d'anticipo dalla fine del campionato ed a Crotone, in contemporanea con Modena dove erano presenti migliaia di tifosi, si sono aperti ufficialmente i festeggiamenti che erano stati preparati da più giorni. Subito dopo il triplice fischio del Sig. Pinzani la fontana di Via 25 aprile si è trasformata in una vera piscina dove si sono immersi, vestiti, molti tifosi.


gol modenaIl carosello delle centinaia di macchine per le strade di Crotone. Molti dei numerosi tifosi che hanno assistito all'incontro attraverso il max schermo nel Piazzale Ultras, si sono tuffati in mare. Saranno due giorni di festeggiamenti che faranno da prologo alle festività mariane. La lunga galoppata che si è conclusa con la promozione in serie A, ha visto protagonisti tutti i rossoblù che partita dopo partita hanno fatto parte della formazione. Il portiere Cordaz sempre tra i pali dall'inizio della stagione. Il bomber Budimir, 36 partite giocate e 16 gol realizzati. L'esterno Ricci con 32 presenze e 10 gol. L'altro esterno Stoian che di gol ne ha fatto 5 in 32 gare, e tutti gli altri: Balasa, Cremonesi, Torromino, Ferrari, Martella, Yao, Zampano, Barberis, Capezzi, Paro, Sabbione, Salzano, De Giorgio, Garcia Tena e Di Roberto.

 

Una nota di merito a parte per Palladino (nel momento più cruciale del campionato ha preso in mano la squadra elevandone la qualità) e per il crotonese purosangue Modesto che ha superato momenti difficili per quanto riguarda alcuni infortuni, ma quando si è ripreso fisicamente ha dimostrato quanto è importante per il Crotone. La cronaca della partita, il voto ai singoli giocatori, le novità delle formazioni che hanno riguardato un solo cambio da parte dei due tecnici rispetto alla precedente partita (Mazzarani al posto di Belingheri nel Modena e Barberis per Paro nel Crotone), per una volta evitiamo di commentarli perché a Crotone è già domani pensando alla serie A.


palladino modena2Fiorentina, Inter, Lazio, Roma, Udinese, le uniche squadre che fino ad ora non hanno mai affrontato in partite ufficiali il Crotone, lo avranno come avversario nella massima serie la prossima stagione. Per le altre squadre che faranno parte del girone di serie A non sarà una novità scontrarsi con i pitagorici. Quindi sarà un Crotone che tra gli élite del calcio nazionale non si presenterà in punta di piedi per non arrecare alcun disturbo. L'Ezio Scida ha già ospitato la gran parte delle squadre della massima serie, ed in trasferta i rossoblù hanno fatto tremare il Milan sul proprio terreno in occasione della Tim Cup.

 

La grande festa si protrarrà fino all'alba di sabato e poi continuerà domenica. In Inghilterra e in Europa è scoppiata la Leicestermania (la squadra allenata da Claudio Ranieri che è ad un passo dallo storico scudetto), a Crotone e in vari punti d'Italia la Crotonemania. Non solo nella città di Pitagora, ma in tutta la Calabria si guarda ai rossoblù pensando che la Regione torna nella massima serie dopo un'assenza di sette campionati. Grazie ragazzi! Avete scritto la migliore pagina di storia calcistica per la Città di Crotone. I vostri nomi resteranno scolpiti nella mente delle generazioni future.

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano
Pagina 1 di 3