fbpx
Sabato, 25 Maggio 2024

CRONACA NEWS

È stato trasferito in località Le Castella (Crotone), il campo base per le ricerche dei dispersi del naufragio di migranti, avvenuto a Steccato di Cutro lo scorso 26 febbraio.

Pubblicato in In primo piano

Dall'ospedale di Crotone sono stati dimessi tutti i migranti ricoverati a seguito del naufragio del 26 febbraio scorso a Steccato di Cutro. Non si fermeranno le ricerche dei dispersi. E' questa la decisione presa dal Centro coordinamento ricerche che si è riunito stamani alla Prefettura di Crotone.

Pubblicato in In primo piano

È di una bambina di circa tre anni il quinto corpo trovato oggi nelle acque di Steccato di Cutro, teatro il 26 febbraio del naufragio di un barcone proveniente dalla Turchia carico di migranti.

Pubblicato in Cronaca

È previsto entro martedì prossimo il trasferimento anche delle ultime bare con i corpi delle vittime riconosciute del naufragio di domenica 26 febbraio a Steccato di Cutro. Al momento sono state trasferite 40 salme tra Afghanistan, Germania, Iran e Pakistan. Entro stasera sono previste due partenze per il cimitero musulmano di Borgo Panigale a Bologna come richiesto dalle famiglie delle vittime.

Pubblicato in In primo piano

Il numero dei migranti deceduti è sempre di 68 e allo stato risultano identificate 56 vittime del naufragio. È questo l'aggiornamento sulle fasi delle ricerche del naufragio verificatosi sulla spiaggia Staccato di Cutro domenica scorsa, fornito dal Centro coordinamento soccorsi riunitosi presso la Prefettura di Crotone a mezzogiorno di quest'oggi.

Le ricerche, coordinate dalla Direzione marittima di Reggio Calabria, proseguiranno a oltranza per tutto il fine settimana con mezzi aerei, navali, nucleo di sommozzatori e con il personale di presidio a terra della Guardia costiera, Questura, Carabinieri, Guardia di finanza, Vigili del fuoco e Protezione civile regionale.

E' ancora in corso una ricognizione per i nullaosta e soprattutto serve coordinare le procedure con la Farnesina per le vittime afghane, che sono la maggior parte, che dovranno essere rimpatriate. La polizia scientifica di Crotone ha identificato fino ad ora 56 delle 68 salme. Un lavoro svolto anche attraverso videochiamate alle famiglie nei Paesi di origine.
Il comune di Crotone - ascoltata anche l'Azienda sanitaria - ha dato la disponibilità a tenere le salme nel Palamilone finché non saranno espatriate o tumulate. E' emersa anche la disponibilità del Governo di farsi carico dei costi. Dal punto di vista burocratico il comune competente a cui presentare le richieste è quello di Cutro, nel cui territorio è avvenuta la tragedia, ma il comune di Crotone si è reso disponibile a fare da ausilio attivando un presidio per agevolare le famiglie che altrimenti dovrebbero recarsi a Cutro.
Finora al settore servizi sociali di Crotone sono arrivate 7 richieste per il trasferimento delle salme, mentre 15 sono state raccolte dalle associazioni del terzo settore che si occupano di immigrazione. L'Unchr, invece, sta raccogliendo le richieste dei parenti delle vittime che sono sopravvissuti al naufragio per il trasferimento delle salme nei Paesi di origine.
Per quanto riguarda le salme ancora non identificate il comune di Crotone ha messo a disposizione 8 loculi (5 nel capoluogo e 3 nella frazione Papanice), mentre nei 27 comuni della provincia ci sono 56 loculi disponibili. Tanti privati hanno messo a disposizione le loro cappelle.
Una volta ottenuti i nulla osta verranno tumulate subito le bare dei minori senza nome. La salma di una bambina non identificata - la cui bara è contrassegnata con la sigla Kr14f9 - verrà sepolta nel Comune di Catanzaro come era stato chiesto del sindaco Nicola Fiorita. Infine il governo ha chiesto ai comuni di Cutro e Crotone di quantificare somme spese per sostenere l'emergenza per poterle rimborsare. (ANSA).

 

Pubblicato in Cronaca

La Prefettura di Crotone rende noto che questo pomeriggio presso la propria sede si è tenuto, tramite videoconferenza, un incontro ricognitivo con i rappresentanti delle Forze dell’ordine e dei vari enti coinvolti nelle ricerche del signor Raffaele Minniti.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 3