fbpx
Giovedì, 02 Febbraio 2023

CRONACA NEWS

«Rinviato a giudizio il conducente dell'auto che ha investito e ucciso a Crotone il pensionato di Cologno Monzese di 83 anni, Antonio Leonardo. L'automobilista, ritenuto l'esclusivo responsabile dell'incidente accaduto il 21 agosto 2020, deve rispondere di omicidio stradale: prima udienza del processo il 26 settembre». È quanto rende noto “Studio3A-Valore Spa” che sta difendendo i famigliari della vittima.

Pubblicato in Cronaca

«L'automobilista, ritenuto l'esclusivo responsabile dell'incidente accaduto il 21 agosto 2020 (ai danni di Antonio Leonardo, ndr), deve rispondere di omicidio stradale: udienza preliminare fissata il 27 aprile». Lo rende noto lo Studio3A-Valore Spa, società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e tutela dei diritti dei cittadini cui si sono affidati i congiunti di Antonio Leonaro per tutte le attività finalizzate al perseguimento dell'iter risarcitorio.

Pubblicato in Cronaca

La Procura di Crotone vuole vederci chiaro sull'incidente costato la vita al giovane Jonathan Porto: disposta una perizia cinematica. Le operazioni iniziano domani: la famiglia del 24enne auspicava questi accertamenti per fare piena luce sul terribile frontale per il quale è indagato un camionista.

«La Procura di Crotone – si legge in una nota –, come confidavano i suoi familiari e Studio3A (che li assiste, ndr), intende fare piena luce sul tragico incidente costato la vita, il 25 ottobre 2021, ad appena 24 anni, a Jonathan Porto. Il pubblico ministero, Pasquale Festa, titolare del procedimento penale per omicidio stradale a carico di F. M., 56 anni, anche lui crotonese come la vittima, il conducente del mezzo pesante con cui la Smart del giovane si è scontrata frontalmente sulla Strada statale 107, ha infatti conferito a un proprio consulente tecnico, Luigi Lopez, l'incarico di redigere una perizia cinematica per stabilire con esattezza la dinamica, le cause e tutte le responsabilità del terribile schianto successo nel territorio comunale di Caccuri, in località Campodanaro, in corrispondenza del chilometro 108+100 e in prossimità del bivio per Cotronei».

«Com'è tristemente noto – ricorda lo Studio3A –, Porto stava procedendo con la sua piccola city car in direzione Crotone quando, per cause che sono oggetto dell'inchiesta, si è scontrato con l'autoarticolato Daf Trucks condotto dall'indagato che proveniva dall'opposto senso di marcia, verso Cosenza. Un impatto terrificante in seguito al quale la Smart si è praticamente sbriciolata rimanendo nella sua corsia, mentre il camion ha proseguito la sua corsa nella corsia opposta finendo anche nella scarpata a bordo strada: per il ragazzo non c'è stato nulla da fare».

«I familiari di Jonathan – prosegue lo Studio3A –, che ha lasciato una compagna in stato di gravidanza di un figlioletta nata da poco e che purtroppo non conoscerà mai il papà, i genitori, tre fratelli e tre nonni, per essere assistiti, fare chiarezza sui fatti e ottenere giustizia, attraverso il consulente legale Giuseppe Cilidonio, si sono affidati a Studio3A-Valore S.p.A., società specializzata livello nazionale nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini, e fin da subito speravano che l'autorità giudiziaria disponesse una consulenza tecnica per accertare cosa sia successo quel maledetto pomeriggio».

«Le operazioni peritali – specifica la nota –, a cui parteciperà, come consulente di parte per i familiari, anche l'ingegner Antonino Adamo, esperto messo a disposizione da Studio3A, inizieranno domani, mercoledì 16 marzo, dalle 14.30, dalla disamina del mezzi coinvolti presso l'azienda di autosoccorso di Crotone dove sono stati posti sotto sequestro giudiziale dagli agenti della Polizia stradale di Crotone, e poi proseguiranno nel pomeriggio con i rilievi metrici, fotografici e plano altimetrici nel luogo dell'incidente. Il consulente tecnico avrà poi 60 giorni per depositare le sue conclusioni», conclude la nota.

 

Pubblicato in Cronaca

Sara' celebrato un unico processo per il disastro sul lavoro di Crotone costato la vita a tre operai. «Nell'udienza odierna – riferisce una nota dello Studio3A – sono stati riuniti i procedimenti penali in capo ai vertici della impresa Crotonscavi e quello a carico di un funzionario del Comune».

Pubblicato in Cronaca

Non si ferma la scia di sangue sulla Statale 106. Mercoledì 29 settembre, all'ospedale di Catanzaro, dopo due settimane di agonia, è spirata l'ennesima vittima della "Strada della morte", Cesarina Antonia Muto, imprenditrice di Isola Capo Rizzuto (Kr): aveva solo 58 anni.

Pubblicato in Cronaca

Il pubblico ministero della Procura di Castrovillari, Valentina Draetta, titolare del procedimento penale per il tragico decesso, a soli 36 anni, del crotonese Giacomo Capalbo, al termine delle indagini preliminari ha chiesto il rinvio a giudizio, contestandogli il reato di omicidio stradale, per l'automobilista che ha tagliato la strada alla moto della vittima causandone il decesso.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 2