Lunedì, 13 Luglio 2020

CRONACA NEWS

Rubate tre telecamere di videosorveglianza nel centro storico di Crotone. È accaduto nella notte tra venerdì e sabato scorsi, quando ignoti hanno raggiunto le installazioni di sicurezza sistemate a qualche metro in altezza, usufruendo del lato “oscuro” delle videocamere.

Pubblicato in Cronaca

capocolonna aerea colonna«Ottime notizie per Capo Colonna! In risposta alla mia nota del 7 agosto, la direzione generale Musei mi ha fatto cortesemente pervenire la corrispondenza intercorsa tra gli uffici centrali e quello periferico nelle ultime tre settimane e se ne ricava che il guasto alle telecamere che ha lasciato pericolosamente sguarniti Parco e Museo archeologico, teste la responsabile dell'ex Polo museale della Calabria, Antonella Cucciniello, sarebbe dipeso da un forte temporale estivo». È quanto informa con una nota la senatrice del M5s, Margherita Corrado.
«Alla luce del sopralluogo – prosegue la nota – condotto il 7 agosto, frutto dell'accelerazione imposta al suo ufficio dalla "fuga di notizie, amplificata dalle iniziative della senatrice Corrado", e del conseguente preventivo, la riattivazione dell'impianto richiederebbe circa 3.000 euro. "Naturalmente – assicura la dirigente – si è dato subito corso ai lavori necessari, pur nelle difficoltà di reperire la copertura economica". Notizia ben più ghiotta, però, perché dovrebbe scongiurare che in futuro possano ripetersi situazioni di pari gravità, è che il 27 agosto i vertici della stessa direzione generale Musei del Mibac (Lampis e Tarasco) hanno impegnato circa 75.000 euro proprio per la manutenzione dell'impianto di videosorveglianza di Capo Colonna. Insomma, l'emergenza sicurezza dovrebbe presto rientrare e, se saremo fortunati, perché solo di fortuna si sarà trattato, nessun visitatore si sarà fatto male, né i resti del santuario di Hera e della città romana sul Lacinio avranno subito danni irreversibili. Avrà sofferto più di tutto, questo sì, la dignità del Parco, messa a dura prova dai comportamenti censurabili di una parte dei visitatori nel periodo di 'autogestione'. Resta poi l'amaro in bocca al pensiero che il gravissimo rischio corso si sarebbe potuto evitare se solo la città di Crotone avesse potuto disporre di denaro per proteggere e valorizzare il suo patrimonio culturale... Ricordatemi, per favore, quanto è costata la presentazione di "Antica Kroton"?!».

 

 

 

 

Pubblicato in Politica

sparatoria fondo gesùÈ stato approfondito l’episodio dell’esplosione di numerosi colpi di arma da fuoco lo scorso 9 gennaio nel quartiere Gesù nel corso di una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica svoltasi ieri in Prefettura, allargata alla presenza del sindaco di Crotone.
«Le Forze di polizia – si legge in una nota – continuano a svolgere serrate indagini e ad attuare un controllo straordinario del territorio e degli esercizi commerciali della zona interessata, che ha portato all'arresto per detenzione clandestina d'arma da fuoco di un commerciante della zona. Il Prefetto ha ribadito la necessità dell'attivazione della videosorveglianza nonché della redazione del regolamento comunale per l'applicazione del daspo urbano, al fine di arginare la situazione di degrado che quotidianamente vive il quartiere crotonese. A tal riguardo, l’Amministrazione comunale ha manifestato l’intenzione di partecipare ad un nuovo bando regionale per lo stanziamento di fondi da destinare all'installazione di ulteriori impianti di videosorveglianza, assicurando nel contempo la prossima definizione del regolamento urbano. A conclusione del vertice il prefetto ha altresì disposto che siano intensificati ulteriormente le misure di stretta vigilanza del quartiere».

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

sala videosorveglianza«Si è tenuta ieri - informa una nota della Prefettura di Crotone - una riunione di Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduta e coordinata dal prefetto, Cosima di Stani, nell’ambito della quale è stato trattato il tema della situazione dell’ordine e della sicurezza pubblica nel centro storico. Oltre ai vertici delle Forze dell’ordine, vi ha preso parte il sindaco di Crotone, accompagnato dal comandante della Polizia municipale Francesco Iorno. All’esito della riunione, si è condivisa la necessità di un’intensificazione delle attività di vigilanza e di prevenzione, con la previsione di servizi straordinari di controllo del territorio, da eseguirsi a cadenza periodica. Si è peraltro unanimemente condivisa la necessità di assicurare un significativo rafforzamento della percezione di sicurezza da parte dei cittadini residenti del centro storico e, di conseguenza, l’opportunità di favorire un avvicinamento effettivo della collettività medesima alle Istituzioni che, in via sinergica, devono rappresentare il baluardo effettivo di uno Stato sempre presente ed attivo in tema di ordine e sicurezza da garantire alla società civile. In tale direzione, il Sindaco ha assicurato, innanzitutto, l’implementazione dell’illuminazione delle strade di quel quartiere, rappresentando di avere, al riguardo, già stanziato risorse finanziarie per procedere alla sostituzione dei corpi illuminanti. Risulta altresì in fase di progettazione l’installazione di impianti di video-sorveglianza nelle zone del centro storico e, con riferimento a tale profilo, si terrà, presso la Questura di Crotone, un tavolo tecnico per la migliore individuazione dei punti in cui installare i predetti impianti. Sempre in sede di riunione, è stata evidenziata la necessità che anche il menzionato sistema di videosorveglianza sia complessivamente implementato e, in tal senso, il Comune provvedere a verificare il funzionamento delle singole telecamere già installate, nonché a procedere alla voltura dei contratti di somministrazione di energia elettrica: sul punto, il sindaco ha fornito ampia assicurazione. Inoltre, sempre nell’ottica di un recupero di un livello più alto di qualità della vita nel centro Storico, il Sindaco di Crotone ha riferito circa le iniziative a carattere sociale che verranno avviate in proposito, come i cosiddetti “percorsi della cultura”, che rappresentano strategiche iniziative di coinvolgimento complessivo della comunità; o, ancora, l’incentivazione della nascita di locali di aggregazione, che possano fungere da elemento attrattivo per le persone e scoraggiare così pratiche illecite che ben attecchiscono in luoghi isolati. Il Sindaco, nell’immediato, procederà inoltre alla reiterazione di ordinanze, già emanate nel passato e riferite al contrasto della prostituzione, nonché alla regolamentazione degli orari della “movida” del capoluogo».

 

 

 

Pubblicato in In primo piano

«Non si perde un minuto - informa una nota del Comune - rispetto alla tabella di marcia stabilita dal sindaco Ugo Pugliese per l'adeguamento dello stadio "Ezio Scida". Si è appena conclusa - rende noto il comunicato - la procedura di gara per l'affidamento dell'adeguamento della video sorveglianza. Hanno partecipato alla gara, indetta dall'Amministrazione comunale, tredici ditte specializzate. La ditta aggiudicataria potrà già in settimana cominciare le attività previste. Venerdì - conclude la nota - era stata aggiudicata la gara relativa al nuovo impianto di illuminazione».

Pubblicato in Sport

stadio ezio scida«Si lavora a ritmi serrati per l’adeguamento dello stadio "Ezio Scida" secondo il programma tracciato dal sindaco Ugo Pugliese». Lo rende noto una nota del Comune. «Si è conclusa nel pomeriggio - prosegue il comunicato - la procedura di gara relativa all'adeguamento dell’impianto di illuminazione per il quale avevano presentato candidatura venti tre ditte. La ditta aggiudicataria già dalla prossima settimana avvierà i relativi lavori. Lunedì è prevista l’apertura delle buste della gara per l’aggiudicazione dei lavori della videosorveglianza. La squadra di governo del sindaco Pugliese e gli uffici tecnici comunali - conclude il comunicato - sono costantemente al lavoro per ottimizzare i tempi contingentati per l’adeguamento dello stadio comunale "Ezio Scida"».

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano
Pagina 1 di 2