fbpx
Mercoledì, 28 Settembre 2022

CULTURA E SPETTACOLI NEWS

"Annibale. La fine di un viaggio": al Museo archeologico nazionale di Crotone la mostra sul grande condottiero cartaginese

Posted On Lunedì, 23 Ottobre 2017 19:46 Scritto da

dorina bianchi gregorio aversa maria bruniCon la presenza del sottosegretario al Mibact Dorina Bianchi si è tenuta questa mattina al Museo archeologico nazionale la conferenza stampa di presentazione della mostra "Annibale: la fine di un viaggio". Presenti anche Gregorio Aversa, direttore del museo e Curatore Scienticco della Mostra, Filli Rossi curatrice scientica della mostra e Maria Bruni progettista del bando “Rafforzamento del sistema museale”. La Mostra è promossa dal Polo Museale della Calabria/Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna ed è finanziata dalla Regione Calabria sul bando “Rafforzamento del sistema museale - Sostegno alla realizzazione di mostre d’arte”. Essa ripercorrerà l’avventura del grande generale cartaginese e intende riscoprire il suo viaggio, dalla Spagna fino a Crotone presso il santuario di Hera Lacinia, da dove ripartì per Cartagine. "Con questa mostra - ha sottolineato Bianchi - il Mibact vuole sottolineare la volonta' di inserire Crotone e la Calabria in una rete di promozione e comunicazione nazionale per la valorizzazione dei beni del territorio. La mostra - ha aggiunto il sottosegretario -, nata dal comune di Barletta, si svolgera' in contemporanea a Capua, altra citta' legata ad Annibale, grazie all'intervento del Mibact e al coordinamento tra i Poli museali di Calabria e Campania, mettendo cosi' in campo, un sistema di promozione culturale a livello interregionale. Ripercorrendo i passi del condottiero cartaginese si ha l'opportunita' di riscoprire il Mediterraneo". "Il progetto dedicato ad Annibale - ha sostenuto ancora Bianchi - e' stato accolto nel programma 'Rotta dei Fenici-antiche civilta' sul Mediterraneo' promosso dal Consiglio d'Europa e dall'Organizzazione Mondiale del Turismo (Unwto). Un'occasione offerta anche a Crotone, per dare un respiro internazionale al turismo della nostra terra".