Sabato, 15 Agosto 2020

 

CULTURA E SPETTACOLI NEWS

Una moneta cesellata interamente a mano, in argento, bronzo e smalti, raffigurante una pianta di bergamotto con frutti rigogliosi: è la creazione realizzata dal maestro orafo Gerardo Sacco per la XX edizione del Bergafest, organizzato a Reggio Calabria dall’Accademia del Bergamotto e dal presidente, professor Vittorio Caminiti.

Pubblicato in Cultura e spettacoli

«L’emergenza Coronavirus – informa una nota – non ha fermato l’attività dell’associazione “African fashion gate”, al cui appello, anche quest’anno, ha prontamente risposto il maestro orafo Gerardo Sacco realizzando il premio “La moda veste la pace”, organizzato dal 2016 con l’Alto patrocinio del Parlamento europeo per trasmettere un messaggio contro ogni forma di discriminazione scaturita da differenze di etnia, religione, orientamento sessuale e disabilità. L’opera, raffigurante una donna dai tratti somatici tipici dell’Africa, con un intreccio di colori dei popoli sul drappo che richiama l’integrazione, è ormai divenuta il simbolo dall’associazione sempre attiva nella sensibilizzazione sociale. Nonostante la cerimonia di premiazione, che si svolge nell’ambito del Congresso mondiale della moda e del design, previsto per il 24 e 25 marzo scorso nella sede del Parlamento europeo a Bruxelles, sia stata rinviata a data da destinarsi, il riconoscimento, disegnato e realizzato con materiali pregiati da Sacco nel suo laboratorio d’arte orafa a Crotone, è stato recapitato ai premiati della sesta edizione de “La moda veste la pace”. Quest’anno, tra le autorevoli personalità distintesi per il proprio impegno verso l’inclusione, spicca il re della moda italiana nel mondo, Giorgio Armani, che ha ricevuto il riconoscimento per la sua attenzione alla salvaguardia ambientale e il suo forte richiamo a una moda più sostenibile. Tra i premiati anche Carlo Capasa, presidente della Camera nazionale della moda italiana, Carlo D’Amario, Ceo di Vivienne Westwood, e Jelena Ivanovic, scout di modelle e di uguaglianza. Un motivo d’orgoglio – conclude la nota – per il maestro Sacco che, attraverso il suo contributo artistico, esprime la propria riconoscenza a personaggi contraddistinti da profonda umanità e impegno sociale».

Pubblicato in Cultura e spettacoli

Ottanta anni e non sentirli… se non all’anagrafe. Il maestro orafo crotonese, Gerardo Sacco, ha compiuto quest’oggi la cifra tonda.

Pubblicato in Cultura e spettacoli

Arriva la generosità delle aziende del territorio di Crotone per fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

Pubblicato in In primo piano

pallavolo crotone promozioneSet, partita, promozione! Le ragazze della Gerardo Sacco pallavolo Crotone approdano in serie B2 grazie alla finale play-off conquistata questa sera nella gara contro le avversarie della Fidelis Torretta di Crucoli. Sempre concentrate, le ragazze del tecnico Piero Asteriti hanno vinto il match decisivo in una splendida gara al PalaPicasso di Torretta. Le due compagini si erano attestate un match a testa nei precedenti incontri, questa sera si è attestata sul campo la superiorità delle crotonesi, con le cugine di Torretta che non hanno per nulla demeritato disputando un campionato di primo piano.

Pubblicato in Sport

gerardo sacco san francesco paoloGerardo Sacco realizza croce astile per il V centenario canonizzazione San Francesco di Paola. «Un saluto grato e affettuoso – riferisce una nota – quello che la comunità di Paola (CS) ha riservato al maestro Gerardo Sacco, sabato 4 maggio scorso, in avvio della solenne concelebrazione eucaristica per il V centenario della canonizzazione di San Francesco di Paola, presieduta dal cardinale Beniamino Stella, prefetto della congregazione per il Clero, che ha segnato la consegna delle chiavi della città al santo patrono di Paola, della Calabria e del mare.

Un evento che ricade, per pura coincidenza, con il V Centenario del ritrovamento della tela della Madonna di Capo Colonna, dopo l’assalto dei turchi; tela per la quale il maestro Gerardo Sacco, nel 1986, realizzò un nuovo ornamento, a seguito del furto sacrilego dei gioielli di cui era adornata, compito che gli fu assegnato da Monsignor Giuseppe Agostino Arcivescovo di Crotone-Santa Severina.

A tale proposito, il maestro Sacco ha inteso fermare nel tempo, questo evento storico, attraverso il suo estro artistico, realizzando una moneta raffigurante, su un lato San Francesco di Paola e, sull’altro, la Madonna di Capo Colonna, facendone dono, con non poca commozione, nel corso della celebrazione eucaristica, al Cardinale Stella e al Correttore Generale dell’Ordine dei Minimi, Padre Gregorio Colatorti.

Come era già accaduto più volte in passato, la comunità di Paola ha inteso rivolgersi all’orafo crotonese, cittadino onorario di Paola, anche in occasione del V Centenario della Canonizzazione di San Francesco di Paola. Il sindaco Roberto Perrotta ha inteso donare, in segno di gratitudine ai Padri Minimi del Santuario, una croce in oro, realizzata dal maestro Sacco. Una croce astile, che ripercorre la vita del Santo e il suo particolare rapporto con la croce, voluta a nome dell’intera comunità per rinnovare il legame tra i paolani e il proprio santo.

L’evento ha fatto si che si stabilisse un rapporto particolare tra la città di Paola e quella di Crotone che sarà suggellato con un gemellaggio che si concretizzerà prossimamente, così come sostenuto dal sindaco Roberto Perrotta nel suo intervento.

A conclusione della celebrazione eucaristica all’orafo crotonese è stata donata una targa in segno di riconoscenza, a sugello della stima che il popolo paolano nutre nei confronti dell’orafo, definito “eccellente artista e grande calabrese, creatore di memorabili opere dedicate alla santità del nostro celeste patrono celebrato con esemplare devozione nel dono generosamente offerto in occasione del V centenario della canonizzazione”».

 

 

 

 

Pubblicato in Attualita'
Pagina 1 di 7