Domenica, 27 Settembre 2020

CULTURA E SPETTACOLI NEWS

È un’atmosfera surreale, anche se da qualche giorno meno desolante, quella che sta accompagnando Crotone nel suo periodo più mistico: quello in cui la comunità scende tra le strade e le piazze per celebrare il mese mariano. Com’è noto, quest’anno, causa norme anti-Covid, non si farà la millenaria processione con la sacra effige a Capo Colonna. La sottolineatura non è certo polemica, non si metta in discussione il buon senso, ma è una doverosa riflessione antropologico-culturale.

Pubblicato in Cultura e spettacoli

«In un momento difficile - si legge in una nota -, in forte contrasto con l'atmosfera di festa che solitamente contraddistingue questo periodo a Crotone, il gruppo Spanò (Cai Service e Puliverde) ha deciso di mettere a disposizione la propria esperienza pluriennale per cercare di regalare un po' di normalità alla comunità, sanificando per tutta la settimana la Basilica cattedrale che ospita l'effige della Madonna di Capocolonna e donando alla diocesi di Crotone e ai fedeli due piantane igienizzanti che verranno poste all'ingresso del Duomo e della Chiesa di Capocolonna, retta da don Bernardino Mongelluzzi. Dopo la consegna delle piantane, avvenuta ieri mattina alla presenza di Cesare Spanò e del rettore della Basilica cattedrale don Serafino Parise, ieri sera hanno avuto inizio le operazioni di sanificazione che proseguiranno fino a sabato, assicurando un po' di tranquillità in più ai fedeli che già stanno accorrendo numerosi per un momento di preghiera, pur nel rispetto delle norme per contrastare la diffusione del Covid-19».

Pubblicato in In primo piano

«Si è rinnovato – informa una nota –, con l'accensione da parte del commissario straordinario Tiziana Costantino del cero votivo offerto dall'Amministrazione comunale, nell'ambito della solenne Liturgia pontificale nella Basilica cattedrale presieduta da monsignor Angelo Panzetta, l'omaggio della comunità a Maria di Capo Colonna, patrona della città. Un segno di devozione che esprime il sentimento dell'intera comunità, dei crotonesi che vivono fuori città, di un popolo che guarda a Maria di Capo Colonna come guida spirituale. Un popolo, che in questo tempo difficile, si stringe alla Sua Patrona».

Pubblicato in Cultura e spettacoli

akrea festa madonna 2019«Giorni di festa cittadina, giorni di lavoro eccezionale per Akrea. Tutti gli operatori sono impegnati giorno e notte in questa settimana di ricorrenza religiosa, per assicurare il miglior servizio di pulizia in città e, particolarmente, nei luoghi di maggior afflusso di persone: dall’area della fiera-mercato, nella zona portuale, agli spazi adiacenti allo stadio che ospitano il luna park». È quanto rende noto in un comunicato l’azienda in-house del Comune di Crotone.
«Anche la cura del verde pubblico – prosegue il comunicato – è stata intensificata, in collabo-razione con il personale del Comune per le attività di propria competenza. Siepi e aiuole pre-senti lungo tutta la via Magna Grecia, che interessa il tragitto della processione, sono state ripulite e sfalciate dalle squadre del verde di Akrea. Nella gallery fotografica sono visibili gli interventi degli operatori. Nella giornata di sabato, si procederà alla rimozione temporanea dei cassonetti stradali per precise disposizioni delle Autorità che sovrintendono all’ordine e alla sicurezza pubblica. I contenitori saranno poi riallocati domenica, al rientro dei fedeli da Capocolonna. Inoltre, durante la processione, Akrea ha predisposto un servizio dedicato. A seguito del corteo religioso saranno infatti utilizzate una spazzatrice e un’autobotte, per raccogliere eventuali rifiuti e mantenere pulito e igienizzato il manto stradale. Ma l’attenzione di Akrea è rivolta a tutta l’area urbana, non solo alle zone più frequentate. Senza far ricorso a personale straordinario, ma unicamente ottimizzando e massimizzando i turni di lavoro, il gestore continua ad assicurare il normale servizio quotidiano di spazzamento e di raccolta dei rifiuti in tutti quartieri della città. E’ un’ulteriore dimostrazione del senso di responsabilità di tutto il personale Akrea. E anche dell’attaccamento alla propria città, quest’anno ancora di più sotto i riflettori per la coinciden-za delle celebrazioni del “settennato” con il cinquecentenario del ritrovamento della sacra icona».

 

 

Pubblicato in Cronaca

giostreL'Amministrazione comunale comunica che «non ha disponibilità di biglietti della Giostra che si tiene in occasione delle festività mariane. Una seppur eventuale minima disponibilità di biglietti omaggio richiesta agli operatori da parte dell'Ente avrebbe costituto elemento di disparità in questo particolare momento caratterizzato da difficoltà contingenti. L'Amministrazione comunale si rivolge direttamente agli operatori delle giostre invitandoli, proprio considerando il momento particolarmente difficile che si vive dal punto di vista economico, a praticare prezzi accessibili per le loro attrazioni nei giorni della Fiera, tenendo anche presente la tradizionale ospitalità che la città di Crotone riserva loro ogni anno in occasione della festività mariana».

 

 

 

 

Pubblicato in Politica

madonna capocolonna primo pianoLa Festa della Madonna di Capo Colonna candidata a patrimonio culturale e immateriale dell'umanità dell'Unesco. Lo rende noto il sindaco della città di Crotone Ugo Pugliese.
«Aderendo all'invito – scrive il sindaco – formulato da don Ezio Limina, presidente del capitolo cattedrale, in occasione della presentazione del calendario delle Festività mariane ed interpretando il sentimento di tutta la comunità di Crotone ho dato mandato agli uffici di candidare la Festa di Maria di Capo Colonna a patrimonio culturale e immateriale dell'umanità dell'Unesco.
Il 2019 è un anno particolare per la comunità di Crotone. Si festeggia il "settennale" ed allo stesso tempo i 500 anni del ritrovamento del ritrovamento della sacra immagine. Quale migliore occasione per candidare la festa Mariana.
La Festa Mariana, per la comunità cittadina, per i crotonesi che vivono fuori città è il momento più significativo di unione, di condivisione di valori, di sentimenti, di senso di appartenenza, oltre che di fede e di venerazione per Maria di Capo Colonna.
Non è una tradizione, è qualcosa in più. Oltre ad essere qualcosa di intimo, di personale è patrimonio di tutti. Auspico che a questa richiesta dell'amministrazione, condivisa dalla Arcidiocesi di Crotone, segua il sostegno delle associazioni culturali della città.
Sarà importante, e sono certo che sarà così, anche il singolo contributo di ogni crotonese che porta Maria di Capo Colonna nel cuore, quale guida e riferimento spirituale della nostra città».

 

 

 

 

 

Pubblicato in Attualita'
Pagina 1 di 2