Mercoledì, 25 Novembre 2020

CULTURA E SPETTACOLI NEWS

bruno poerio«La giunta comunale di Isola Capo Rizzuto - è scritto in un comunicato - si rafforza con un grande arrivo, questa mattina alle 11.52 è nato Francesco, primogenito del sindaco Gianluca Bruno e sua moglie Elisa Poerio. Francesco è venuto alla luce presso l'Ospedale "Pugliese" di Catanzaro, pesa 2,870 chilogrammi e mamma Elisa sta bene. La felicità dei genitori - prosegue la nota - è anche la nostra, siamo davvero felici per il sindaco e sua moglie, che la gioia di questo giorno li accompagni per tutta la vita. Dall'amministrazione comunale di Isola Capo Rizzuto, dall'Ufficio Stampa, dai dirigenti e da tutto il personale, auguri di vero cuore al nostro primo Cittadino e sua moglie Elisa». Al neo papà e alla neomamma gli auguri anche della redazione per il lieto evento.

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

invaso santanna«Immediatamente convocato - riferisce in una nota Coldiretti -, si è svolto al dipartimento Agricoltura della Regione Calabria, l'incontro per affrontare le problematiche relative all'irrigazione di soccorso agli agricoltori e allevatori del Crotonese e, in particolare, dell'altopiano di Isola di Capo Rizzuto-Cutro». Alla riunione sono stati presenti il dirigente generale Salvino, il dirigente Bafaro, il sindaco di Isola di Capo Rizzuto Gianluca Bruno, il presidente del Consorzio Ionio Crotonese Roberto Torchia, l'Anbi Calabria e la Coldiretti.

 

«Come provvedimento urgente ed immediato - informa la nota -, dovuto alla particolare situazione che sta generando anche tensioni sociali, si è deciso che il Consorzio di Bonifica Ionio Crotonese, al fine di garantire una irrigazione di soccorso, provvederà ad aprire l'acqua già da lunedì 11 aprile prossimo per un periodo di 5 giorni consecutivi. Nei prossimi giorni, il dipartimento concorderà con la Società A2A un piano di rilascio d'acqua programmato, aprendo altresì uno specifico spazio di discussione sulla convenzione in essere tra la Regione Calabria e la multiutility A2A, come già peraltro condiviso anche con il presidente Oliverio in occasione dell'incontro con la stampa del 21 marzo scorso».

 

«Il dipartimento Agricoltura - continua il comunicato -, proprio in virtù dei cambiamenti climatici, ha assicurato un impegno particolare per rilanciare attraverso l'utilizzo dei fondi comunitari investimenti per sistemi idrici, invasi e impianti di subirrigazione con opere strutturali ed infrastrutturali. Il dirigente generale Salvino stante la grave situazione dei bacini di raccolta e il perdurare dello stato di siccità, che desta notevole preoccupazione, invierà una lettera a tutti i Consorzi di Bonifica e all'Anbi Calabria affinchè si pongano in essere misure, da rivolgere anche all'utenza, per un uso sempre di più parsimonioso della già limitata risorsa idrica».

 

«Questo comporterà - conclude - un continuo e costante monitoraggio dei consumi in stretto rapporto tra Consorzi di Bonifica e Dipartimento Agricoltura, con l'obiettivo di garantire l'intera stagione irrigua e salvaguardare anche l'utenza civile che utilizza l'acqua fornita dal Consorzio».

 

 

Pubblicato in In primo piano

raccolta differenziata isolaL'amministrazione comunale di Isola Capo Rizzuto annuncia che il prossimo 11 aprile partirà sul territorio cittadino Raccolta differenziata. «L'importante iniziativa - commenta una nota - ha dato già ottimi risultati sulle frazioni, dove era stata già avviata un anno fa. In questi giorni, sono in fase di ultimazione le consegne del Kit per la raccolta, chi non lo avesse ancora ricevuto dovrà recarsi, munito di Carta d'identità, presso l'Ufficio dei Vigili urbani, ex Guardia di Finanza, in via Pitagora, per richiederne la consegna».

 

«Pochi giorni ancora - rende noto il Comune di Isola - e poi prenderà il via ufficialmente il nuovo sistema di raccolta, tutti i cittadini saranno obbligati a seguire le regole, altrimenti si rischia di incorrere in sanzioni amministrative. Il nuovo servizio entrerà dunque nelle case degli isolitani a partire da lunedì 11 aprile. A partire da quella data spariranno dalla vie cittadine anche tutti i cassonetti della raccolta dei rifiuti, ciò significa un ambiente più pulito e, soprattutto, basta spazzatura incendiata selvaggiamente».

 

 

 

 

 

«La ditta "Rocca Srl" di San Mauro Marchesato - informa ancora la nota - si occuperà della raccolta porta a porta nei giorni prestabiliti come indicato sulle brochure che saranno consegnate insieme al materiale di raccolta. Questo è sicuramente un passo storico per il territorio, un atto che porterà solo benefici e miglioramenti a tutta la cittadinanza e all'ambiente, servirà solo un po' di pazienza all'inizio per capire il meccanismo, una volta abituati tutto sarà più semplice».

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

L’amministrazione comunale di Isola Capo Rizzuto informa che, per il terzo anno consecutivo, il territorio si è aggiudicato la Bandiera Verde, ossia è tra le migliori spiagge italiane per andare al mare con i bambini. Il riconoscimento viene assegnato ogni anno dall'associazione dei Pediatri italiani su iniziativa del mensile "Ok-Salute".

 

Tante le caratteristiche necessarie che servono per entrare in questa speciale classifica: arenile ampio e dotato di ombrelloni; attrezzature riservate ai più piccoli; presenza di ristoranti, pizzerie, bar e servizi vari. Inoltre, la sabbia che deve essere fine e pulita, la spiaggia dev'essere caratterizzata da fondali bassi e acque chiare, con la presenza costante di bagnini in caso di emergenza.

 

Sono in totale 134 le località italiane che hanno ottenuto la bandiera verde, 16 in Calabria, 3 nel Crotonese: Cirò Marina, Melissa e, appunto, Isola Capo Rizzuto. «Ciò è avvenuto - scrive l'amministraizone di Isola Capo Rizzuto - grazie anche al costante impegno che quest’amministrazione, da quando si è insediata, sta riservando a tutta la costa del territorio: pulizie costanti, sistemazione delle coste, messa in sicurezza e quant’altro anche nei periodi lontani dalla stagione estiva».

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

carabinieri isola tenenzaISOLA CAPO RIZZUTO - Brucia due volte la casa della compagna, i Carabinieri arrestano convivente violento. Nei giorni scorsi i Carabinieri di Isola Capo Rizzuto hanno tratto in arresto G.G., di 29 anni, eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per molestie, atti persecutori, incendio, minacce e lesioni. La storia che è dietro a questo provvedimento è intrisa di particolare tristemente eclatanti, caratterizzata da una condotta al limite della follia, incardinata sulla più assoluta sopraffazione psicologica e fisica; l'ennesima storia di maltrattamenti e violenze, stroncata dai Carabinieri prima che potesse degenerare in una vera e propria tragedia. È una storia questa, di cui non si elargiranno molti particolari, per tutelare la vittima la quale insieme alla famiglia è uscita da poche ore da un vero e proprio incubo grazie all'intervento dei Carabinieri.

 

Negli ultimi mesi una giovane donna Isolitana era andata a convivere con il 29enne arrestato nelle ultime ore in una frazione del paese. Da subito, il rapporto è virato verso una continua prevaricazione fisica e psicologica da parte dell'uomo nei confronti della ragazza con continue percosse e minacce. L'asserita – quanto ingiustificata - motivazione era dettata, a dire del giovane, dal fatto che la propria compagna non volesse recidere il cordone ombelicale con la propria famiglia, motivo per cui ben presto anche i familiari della compagna sono divenuti destinatari delle minacce del soggetto: pistole puntate alle tempia delle madre, minacce di morte indirizzare alle sorelle della compagna (due bambine di 6 e nove anni) e ben due incendi dolosi all'abitazione delle famiglia. Il 19 e 21 marzo il giovane aveva infatti dato fuoco deliberatamente all'abitazione dei familiari della compagna, sita in località Le Cannella, danneggiandola prima e rendendola inagile del tutto nel secondo tentativo.

 

Intanto i militari hanno ricostruito nel complesso la vicenda, riuscendo a cristallizzare diversi episodi di maltrattamento e minacce (tentativi di soffocamento in danno della giovane compagna, per di più in stato di gravidanza, pistole puntate su di lei e la madre, minacce nei confronti di tutti i parenti, anche semplici amici della donna, riferimenti a bare bianche, ovvero quelle destinate ai minori, od ad acido con cui sciogliere le persone): contestualmente la giovane donna, che negli ultimi giorni era riuscita a scappare in una località del nord Italia, presso dei parenti, veniva fatta escutere dai Carabinieri del posto. Una volta riassunto il quadro indiziario, i militari hanno presentato una dettagliata notizia di reato in Procura, e grazie anche alla sensibilità del sostituto procuratore assegnatario del fascicolo, in meno di 36 ore, è stato emesso dal gip un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del pericoloso soggetto.

 

Nel frattempo l'uomo, allevatore e gravato da diversi pregiudizi penali, si era dato alla macchia: per lunghe ora i Carabinieri, provvedimento alla mano, hanno invano cercato di rintracciarlo, sia in diverse abitazioni di parenti ad Isola, sia nei luoghi dove di solito pascolava i suoi greggi. Alla fine, dopo una prolungata attività di intelligence, gli uomini al comando del tenete Cristian Modena, hanno individuato a Cutro un'ulteriore abitazione dove il 29enne potesse nascondersi. Isolato l'edificio, i Carabinieri stavano valutando di fare una vera e propria irruzione nell'appartamento, dopo aver fatto sospendere l'erogazione di gas e luce, in considerazione del fatte che l'uomo, oltre ad essere estremamente pericoloso, sarebbe potuto essere anche armato. In realtà dopo circa una mezz'ora di dialogo, l'uomo si è convinto ad aprir la porta e si è consegnato spontaneamente ai militari. Per lui quindi, al termine delle operazioni di fotosegnalamento, si sono aperte le porte del carcere di Crotone.

 

 

Pubblicato in Cronaca

terre joniche prefetto

Nella mattinata di oggi, il prefetto di Crotone, Vincenzo De Vivo, accompagnato dai vertici territoriali delle forze di Polizia, si è recato presso la cooperativa sociale Terre Joniche - Libera Terra. Vostituitasi nel 2013, la cooperativa è assegnataria della gestione degli immobili insistenti in località Cardinale di Isola di Capo Rizzuto, su dei terreni sottratti alla criminalità organizzata e ora concessi per il riuso ai fini sociali.

 

Il prefetto, guidato dal presidente della cooperativa, Raffaella Conci, e dal referente di Libera, Antonio Tata, ha visitato le strutture confiscate, ristrutturate ed ammodernate attraverso specifico progetto finanziato con fondi a valere su risorse del Pon Sicurezza 2007-2013, tali da renderle idonee ad ospitare una filiera di produzione biologica, nonché iniziative di turismo sociale, educativo ed ambientale.

 

Al termine della visita, il prefetto ha sottolineato l'importanza degli interventi di confisca, che rappresentano un segnale forte di affermazione dello Stato sulla criminalità oltre che uno dei modi più efficaci per combattere la mafia, colpendola nel patrimonio.

 

 

 

 

 

Pubblicato in In primo piano
Pagina 58 di 66