fbpx
Lunedì, 26 Settembre 2022

CULTURA E SPETTACOLI NEWS

lotteria italia insignoÈ stato venduto a Crotone uno dei 150 tagliandi della Lotteria Italia che hanno vinto i premi di terza categoria, ossia da 25 mila euro. Si tratta del tagliando serie "G", numero 003281. Il biglietto della Lotteria Italia che ha vinto il primo premio, il più ambito, quello da 5 milioni di euro è stato invece venduto in una tabaccheria di Veronella, piccolo paese della bassa veronese di neanche cinquemila abitanti. La dea bendata non ha poi trascurato, com'è tradizione, le aree di servizio delle autostrade: ben due dei sei premi maggiori sono andati a biglietti venduti sulla A1 Milano-Napoli. A Veronella, intanto, è già "caccia" al fortunato vincitore multimilionario. Il biglietto vincente (G 050111) è stato venduto in via Giavone 5, dove c'è solo una piccola tabaccheria-alimentari, in un'area prettamente agricola. La notizia della vendita del biglietto fortunato con il premio più alto della lotteria della Befana si è diffusa in pochi attimi tra gli avventori dei locali aperti. Il biglietto che ha vinto il secondo premio di questa edizione (Q 146948), da 2 milioni di euro, è stato invece venduto nell'area di servizio San Nicola Est a San Nicola la Strada (Caserta), sulla A1 e sulla stessa autostrada, ma nell'area di servizio Fabro Ovest a Fabro (Terni), è stato acquistato il tagliando che ha vinto il sesto premio di prima categoria, da 250 mila euro (R 451283). Anche nella passata edizione uno dei premi di prima categoria (500 mila euro) era stato centrato con un tagliando venduto nell'area di servizio di Rezzato, sulla A4, in provincia di Brescia. Gli altri premi di prima categoria sono stati venduti a Roma, Varese e Como. Alla capitale è andato il terzo premio da un milione e mezzo di euro (E 367077), a Varese il quarto da un milione (N 235789) e a Como il quinto premio da 500 mila euro (M 115765). Per Roma si tratta dell'ennesima vincita: proprio lo scorso anno, oltre al premio da 5 milioni venne assegnato alla Capitale anche quello da 1 milione di euro. Con 8,7 milioni di biglietti venduti - più di un milione rispetto all'anno scorso - e incassi per 43,5 milioni di euro, la Lotteria Italia 2015 ha fatto registrare il miglior risultato dal 2010. Quest'anno i vincitori sono stati resi noti con largo anticipo rispetto alle passate edizioni, perchè la comunicazione è avvenuta nel corso della trasmissione di RaiUno 'Affari tuoi' che è terminata prima della mezzanotte.

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

affidato area sanremo2Sono creazioni del maestro orafo Michele Affidato i premi con cui nei giorni scorsi a Sanremo sono stati premiati i vincitori del concorso di "Area Sanremo ", la manifestazione canora che ogni anno recluta giovani talenti pronti a esordire direttamente sul palco dell'Ariston. Presenti all'evento, che si è svolto presso il teatro del Casinò di Sanremo, il sindaco Alberto Biancheri e l'assessore Daniela Cassini. Tra i quaranta finalisti approdati davanti alla commissione di valutazione di "Area Sanremo", composta da Massimo Cotto, Mauro Pagani, Stefano Senardi, Franco Zanetti, Maurizio Caridi e Maurilio Giordana, sono stati proclamati otto vincitori che hanno ricevuto il premio realizzato da Affidato: un bassorilievo in argento raffigurante il logo di Area Sanremo. Gli otto finalisti, sono: Chiara Filomeni (19 anni, da Fermo), Inigo (Inigo Gincaspro, 32 anni, da Terlizzi), Mahmood (Alessandro Mahamoud, 23 anni, da Milano), Tita (Cristina Malvestiti, 28 anni, da Bergamo), Miele (Manuela Maria Chiara Paruzzo, 26 anni, da Caltanissetta), Mari di Guai (Maria Luigia Ungaro, 29 anni, da Ischia), Kalica (duo composto da Carmen Ferreri e Lucrezia Benigno, dalla Sicilia) ed i Musicomio (band, dalla Puglia). La commissione della Rai dovrà decretare i due vincitori che parteciperanno "nella categoria Giovani" al prossimo Festival della canzone italiana, che si terrà a Sanremo dal 9 al 13 febbraio 2016, assieme agli altri sei artisti, scelti durante la serata televisiva trasmessa il prossimo 27 novembre su Raiuno. Sono ormai diversi anni che il nome di Michele Affidato è legato alla kermesse di Sanremo per la quale ha realizzato prestigiosi premi speciali conferiti nel corso delle varie edizioni. Tra i tanti, il premio realizzato per la Rai in occasione del 60° Festival della Canzone Italiana, l'anno seguente è stato l'autore del prezioso Stivale, che ha celebrato il 150° anniversario dell'Unità d'Italia, eleggendo il "Va' pensiero" del "Nabucco" canzone più amata della musica italiana, interpretata, nell'occasione, da Al Bano Carrisi. Suo il globo di smalti, oro e diamanti con cui è stata premiata l'interpretazione di "Impressioni di settembre" dei Marlene Kuntz in duetto con Patti Smith. Da diverse edizioni l'orafo crotonese firma i riconoscimenti per importanti eventi collaterali al festival, come il "Premio Numeri Uno - Città di Sanremo", il Premio Dietro le Quinte, il Premio Afi e il Premio Casa Sanremo, assegnati, tra i tanti, a Pippo Baudo, Arisa, Marco Mengoni i Modà e personaggi del mondo della musica italiana. Prosegue negli anni, infine, la collaborazione tra Michele Affidato e il concorso "Area Sanremo". Il suo nome è stato inserito tra i partner ufficiali del concorso insieme a Radio Italia, Orchestra sinfonica di Sanremo, Comune di Sanremo, Rai1 e Casinò di Sanremo. «Ringrazio gli organizzatori del concorso di Area Sanremo - dichiara il maestro orafo Michele Affidato - per avermi affidato questo prestigioso incarico. Non posso che esprimere grande soddisfazione per essere diventato parte integrante di questa meravigliosa manifestazione». Ultimato l'impegno di "Area Sanremo", e reduce dall'evento di Rai Cinema, dove con sue creazioni sono stati premiati i grandi del cinema italiano, nel laboratorio di Michele Affidato si sta già lavorando all'ideazione di alcuni premi che sono stati commissionati al maestro orafo per il prossimo Festival di Sanremo e che andranno a numerosi ed importanti personaggi della musica italiana.

 

 

 

Pubblicato in Cultura e spettacoli

affidato conti interna«Gran finale a Sanremo - è scritto in un comunicato - per l'orafo Michele Affidato le cui opere sono stati premiati i migliori artisti della 65esima edizione del Festival della canzone italiana. Primo fra tutti il presentatore Carlo Conti al quale Affidato ha consegnato una riproduzione in argento della colonna del tempio di Hera Lacinia simbolo della città di Crotone». «Un riconoscimento che ho voluto fare a Carlo Conti - ha detto Affidato - per la sua professionalità consegnandogli il simbolo della storia antica della mia città a nome mio e a nome della mia amata Crotone. Nel mio piccolo con la mia arte - ha proseguito Affidato - cerco di promuovere i nostri luoghi che meritano tanta attenzione. Sanremo è una vetrina mediatica importante e consapevole di tutto questo ogni anno cerco di far conoscere le bellezze è la storia del nostro territorio». «Il riconoscimento consegnato a Carlo Conti - commenta la nota - è la ciliegina sulla torta del grande successo che il maestro orafo Michele Affidato si è conquistato a Sanremo in occasione della 65esima edizione del festival durante la quale è stato chiamato per realizzare i premi per i più importanti eventi collaterali della kermesse canora premiando nomi illustri che hanno fatto la storia della musica italiana. Sabato notte dopo la chiusura del Festival, il maestro orafo di Crotone insieme al patron di Casa Sanremo, Vincenzo Russolillo hanno premiato Beppe Cuva direttore web Radio 105 e Radio Montecarlo con dei bassorilievi in argento - due delle più importanti radio che hanno seguito il festival: Radio 105 e Radio Montecarlo. È stato anche consegnato il premio "Casa Sanremo" realizzato per la canzone vincitrice della 65esima edizione del festival di Sanremo che verrà donato ai tre tenori de 'il Volo' prossimamente negli studi di Radio Montecarlo». «Ho vissuto questo festival con forti emozioni - ha concluso Affidato - la mia arte mi ha dato la possibilità di premiare personaggi che hanno raccontato gli ultimi 50 anni della storia del festival. Sono momenti questi che gratificano il lavoro svolto insieme a tutti i miei collaboratori». «Affidato quest'anno ha esordito a Sanremo - è scritto ancora nella nota - insieme ad Anna Falchi, già sua testimonial, che ha fatto da madrina della prima serata evento di Casa Sanremo. Insieme al patron di 'Casa Sanremo', Vincenzo Russolillo ed al sindaco di Sanremo, l'orafo crotonese ha inaugurato il salotto del festival con il taglio del nastro. Un rapporto quello di Affidato con Casa Sanremo che si protrae da tempo. Infatti le opere di Michele Affidato - ricorda il comunicato - sono state scelte anche per la seconda edizione del Premio speciale "Numeri Uno - Città di Sanremo" ideato è diretto da Ilio Masprone che dallo scorso anno viene assegnato a grandi protagonisti ed interpreti che, con la loro presenza hanno segnato i momenti salienti della storia della kermesse. Affidato ha realizzato "La Palma D'Argento". Il premio è stato consegnato dall'assessore del comune di Sanremo Mario Menozzi e dallo stesso Michele Affidato ad Albano Carrisi, che ha dedicato il premio a papa Francesco definendolo uomo di pace. Sempre dalla creatività del maestro orafo Affidato sono nate le opere per la quinta edizione del premio "Dietro le Quinte" consegnate a Pino Donaggio, musicista e compositore, a Carlotta Tedeschi, caporedattrice di Radio Rai Due, a Michele Mondella, re degli uffici stampa della musica, ed infine ai direttori d'orchestra Pinuccio Pirazzoli e Vince Tempera. Una creazione di Affidato è il Premio Afi consegnato alla presenza di Sergio Dall'Ora consigliere Afi e del produttore David Zarde a Giulia Luzi come Artista giovane dell'anno per l'interpretazione di Giulietta Capuleti nel musical " Romeo e Giulietta, ama e cambia il Mondo". Grande apprezzamento per l'arte di Affidato è stata espressa da tutti i premiati ed anche dalla cantante belga Lara Fabian, l'unica straniera in gara al Festival, alla quale il maestro orafo crotonese ha personalmente consegnato, insieme a Marco Molendini il premio "L'Europa al Festival". Lara Fabian ed Albano Carrisi, insieme ad Anna Tatangelo, hanno poi ricevuto - conlude il comunicato - un altro premio realizzato da Michele Affidato per l'Afi, l'Associazione fonografici italiani, con cui l'orafo crotonese collabora già da diversi anni».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Cultura e spettacoli

affidato albano2«Il suo duetto con Romina Power - informa una nota - dopo anni di assenza della storica coppia della canzone italiana dal palco del teatro Ariston è stato uno degli eventi più attesi della 65esima edizione del Festival di Sanremo. Non c'è dunque da stupirsi se Al Bano Carrisi, ugola d'oro di Cellino, è stato protagonista di molti degli eventi mondani e musicali collaterali dal Festival della canzone italiana. Dopo aver ricevuto il premio "Numeri Uno – Città di Sanremo" per il suo record di partecipazioni al festival, prima in coppia con Romina Power e poi, da diversi anni, da solo, Al Bano ha ricevuto anche il premio dell'Afi, l'Associazione fonografici italiani. Entrambi i premi ricevuti da Al Bano - prosegue la nota - sono delle creazioni del maestro orafo crotonese Michele Affidato, che in passato ha già realizzato preziose opere consegnate al cantante pugliese in altre manifestazioni. Tra tutte merita di essere ricordato il premio speciale consegnato ad Al Bano direttamente sul palco dell'Ariston nel 2011, in occasione delle celebrazioni per il 150°anniversario dell'Unità d'Italia: il prezioso Stivale con pietre preziose e affidato fabian2diamanti realizzato da Michele Affidato. Andò ad Al Bano con la canzone "Va' pensiero", eletta dal pubblico come la più amata nella storia della musica italiana». «Dovrò fare una stanza a casa mia dedicata ai premi di Michele Affidato», ha scherzosamente affermato Al Bano nel ricevere il premio dalle mani del maestro orafo, dal vice presidente dell'Afi Vittorio Costa e dei consiglieri Pasquale Lacquaniti e Michele Stembri. Il cantante di Cellino ha raccontato ai presenti dei tanti premi realizzati da Affidato che custodisce gelosamente ed ha espresso stima ed amicizia per l'orafo crotonese ed apprezzamento per il bassorilievo in argento creato per l'Afi. Ad Al Bano, Affidato ha inoltre consegnato un presente per Romina Power: si tratta di un gioiello della linea Teorema, particolarmente caro all'orafo crotonese perché rappresenta la sua rivisitazione artistica della cultura e della storia della sua terra, che porta con sé anche a Sanremo. I bassorilievi in argento realizzati da Affidato per l'Afi sono stati inoltre consegnati a due artiste protagoniste della gara canora di questa edizione del Festival: Anna Tatangelo e Lara Fabian che aveva già ricevuto il premio "L'Europa al Festival" creato dal maestro orafo crotonese per conto della giuria del premio "Dietro le Quinte" che aveva così inteso premiare la cantante belga, l'unica artista straniera in gara a Sanremo. Solo sabato sera, con la proclamazione del vincitore del Festival di Sanremo, si scoprirà, infine, a chi andrà il premio che Affidato ha realizzato per Casa Sanremo che quella notte festeggerà a lungo l'artista che si aggiudicherà la 65esima edizione della kermesse canora.

 

 

 

 

 

Pubblicato in Cultura e spettacoli

affidato fabian«E' stata una grande serata - recita una nota - quella che si è svolta lunedì 9 febbraio a Sanremo in occasione della consegna dei premi "Numeri Uno – Città di Sanremo" e "Dietro le quinte". Addetti ai lavori e personaggi che hanno fatto la storia del Festival si sono riuniti, alla vigilia della partenza della 65esima edizione, in un evento che si è trasformato in un incontro tra amici, vista la magica atmosfera creatasi tra i partecipanti. Tra i tanti artisti ed ospiti presenti - informa la nota - alla manifestazione c'era anche il maestro orafo Michele Affidato che, dopo avere partecipato nel pomeriggio di domenica 8 febbraio all'inaugurazione di Casa Sanremo, ha preso parte al grande evento ideato e diretto da Ilio Masprone, mettendo la sua arte al servizio della storia del Festival. Proprio all'orafo crotonese sono state, ancora una volta, commissionate le creazioni per questa edizione dei premi "Numeri Uno – Città di Sanremo e "Dietro le Quinte" e nel corso della serata il numeroso e prestigioso pubblico in sala ha inoltre avuto modo di apprezzare i gioielli creati dal maestro Affidato indossati dalla presentatrice Antonella Salvucci e protagonisti di una sfilata. Davvero emozionante - commenta la nota - la consegna del premio "Numeri Uno" ad Al Bano Carrisi, l'artista che ha totalizzato negli anni il record di presenze alla kermesse: dopo aver rivevuto direttamente dalle mani di Affidato e dell'assessore Menozzi del Comune di Sanremo la "Palma d'argento" che l'anno scorso andò a Pippo Baudo, mentre Al Bano non si è riuscito a trattenere dal fare quello che gli riesce meglio, ovvero cantare, ed ha ringraziato per il premio intonando "Nel sole" e coinvolgendo tutto il pubblico in sala». «Dedico questo premio a Papa Francesco, uomo di pace», ha dichiarato, poi, Al Bano nelle interviste a margine dell'evento. Un altro momento emozionante - prosegue il comunicato - si è registrato al momento della consegna del premio speciale "Dietro le quinte" a Pino Donaggio, musicista e compositore che, dopo aver raccontato un po' della sua storia artistica, ha cantato, sempre accompagnato dal pubblico, "Io che non vivo senza te". Il premio "Dietro le quinte" è andato invece alla caporedattrice di Radio Raidue Carlotta Tedeschi, al re degli uffici stampa della musica Michele Mondella ed ai direttori d'orchestra Pinuccio Pirazzoli e Vince Tempera. Quest'ultimo si è detto particolarmente onorato di ricevere un premio del maestro Affidato, a cui lo legano stima e grande amicizia. Grande apprezzamento - sottolinea la nota - per i premi creati dall'estro di Affidato è stato espresso da tutti i premiati ed anche dalla cantante belga Lara Fabian, l'unica straniera in gara al Festival della Canzone Italiana, alla quale Affidato ha personalmente consegnato, insieme a Marco Molendini, il premio "L'Europa al Festival", un bassorilievo in argento in cui è raffigurata una bandiera dell'Europa stilizzata». «Grandi sono state le emozioni che mi ha regalato questo evento - ha detto Affidato a margine della serata -. E' un'enorme soddisfazione premiare con la mia arte personaggi che hanno raccontato la storia della musica italiana degli ultimi 50 anni. Sono premi, questi, che resteranno nella storia del Festival ed io sono onorato di contribuire a scriverla con la mia arte». Proseguono, intanto, gli impegni sanremesi di Michele Affidato: sia Lara Fabian che Al Bano incontreranno ancora una volta il maestro orafo per ricevere il premio che gli è stato commissionato dall'Afi. Solo sabato sera, con la proclamazione del vincitore del Festival di Sanremo, si scoprirà, infine, a chi andrà il premio che Affidato ha realizzato per Casa Sanremo che quella notte festeggerà a lungo l'artista che si aggiudicherà la 65esima edizione della kermesse canora.

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in Cultura e spettacoli

affidato premiAndranno, tra gli altri, ad Al Bano e Romina Power, a Lara Fabian ed al vincitore della manifestazione i premi realizzati dall'orafo Michele Affidato per i più importanti eventi organizzati a Sanremo in occasione del 65/mo Festival della canzone italiana. «Le opere - è detto in un comunicato - sono state presentate stamattina nello showroom di Affidato, a Crotone. Nella stessa conferenza stampa il maestro orafo, la cui arte sarà ancora una volta protagonista nell'importante vetrina del Festival di Sanremo, ha reso noti i nomi dei premiati, recentemente ufficializzati. Per la seconda edizione del Premio speciale 'Numeri 1-Città di Sanremo' che dallo scorso anno viene assegnato a grandi protagonisti ed interpreti che, con la loro presenza hanno segnato i momenti salienti della storia della kermesse - si afferma ancora nella nota - Michele Affidato ha realizzato 'La Palma D'Argento'. L'opera raffigura una palma affiancata dal numero 1 nel quale sono stati inseriti un fiore in argento ed un topazio azzurro che simboleggiano i fiori ed il mare della città di Sanremo. Il premio, che lo scorso anno è andato allo storico conduttore di tanti Festival Pippo Baudo, quest'anno andrà ad Al Bano Carrisi, che ha totalizzato negli anni il maggior numero di presenze alla kermesse». «Vivere il Festival in tutti i suoi aspetti - commenta Affidato - è impegnativo, ma allo stesso tempo gratificante. Sono onorato di aver contribuito, con la mia arte, a raccontare la storia del Festival e di aver avuto la possibilità di condividere artisticamente due edizioni con Gianni Morandi, una con Antonella Clerici e di consegnare le mie creazioni ad artisti come Patty Smith e Marlene Kuntz, Al Bano, Arisa, Marco Mengoni, Nilla Pizzi, Antonella Clerici, Pippo Baudo e tanti altri».

 

 

 

 

 

Pubblicato in Cultura e spettacoli
Pagina 2 di 3