fbpx
Sabato, 04 Dicembre 2021

CULTURA E SPETTACOLI NEWS

manufatto abusivo soveretoISOLA CAPO RIZZUTO - Un fabbricato abusivo in fase di completamento è stato sequestrato dai carabinieri forestale in un'area rurale di località Sovereto a Isola Capo Rizzuto. Il presunto committente dei lavori, un imprenditore agricolo di 51 anni, è stato denunciato per costruzione abusiva. I militari, nell'ambito delle attività di controllo mirate a prevenire e reprimere gli abusi edilizi hanno individuato il manufatto che è risultato privo delle previste autorizzazioni. Il fabbricato, destinato presumibilmente ad ospitare un allevamento zootecnico per la produzione di latte, è stato realizzato con blocchetti di calcestruzzo su una superficie di sei metri per venti, presenta i muri intonacati all'interno e all'esterno e una copertura a una falda realizzata con pezzi in lamiera.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

alberi tagliati pineta soveretoISOLA CAPO RIZZUTO - I carabinieri forestale hanno sorpreso e arrestato due uomini mentre depezzavano legna ricavata dall'abbattimento di alberi nella pineta di Sovereto, nel territorio di Isola Capo Rizzuto.
Durante un controllo volto a sventare i numerosi abbattimenti illegali di alberi, i militari di Crotone, insieme a quelli di Santa Severina e di Petilia Policastro intervenuti per supporto, hanno sorpreso i due, uno intento a depezzare e l'altro a caricare su un autocarro la legna ricavata dall'abbattimento di pini. I due sono stati bloccati malgrado il loro tentativo di fuga. Sono stati posti ai domiciliari con l'accusa di furto aggravato in concorso e vari reati ambientali. La legna recuperata, pari a circa 30 metri steri, l'autocarro che è servito per trasportarla e due motoseghe sono stati sequestrati. Gli arresti sono stati poi convalidati ed i due rimessi in libertà.

 

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

incendio sovereto panoramicaSono stati complessivamente 34 gli interventi effettuati dal pomeriggio dai Vigili del fuoco del Comando provinciale di Crotone in seguito ai numerosi incendi divampati in alcune zone della provincia ed alimentati da insistente vento di tramontana. Tra le situazioni più impegnative quella che si è verificata a ridosso della statale jonica 106, nel territorio di Crotone, nell'ex zona industriale. Qui a causa dei banchi di fumo che hanno invaso l'adiacente carreggiata, l'Anas ha disposto la chiusura provvisoria di una tratto dell'arteria, poi riaperto nel corso della nottata, con viabilità alternativa su arterie secondarie. Incendi di sterpaglie hanno interessato anche la zona a sud di Crotone. Un altro incendio di vaste proporzioni, sviluppatosi nel bosco costiero di Sovereto, nel territorio del Comune di Isola Capo Rizzuto, lungo l'Area marina, ha interessato alcune decine di ettari di vegetazione.

 

 

 

Pubblicato in Cronaca

marijuana cocaina polizia sovereto crotoneISOLA DI CAPO RIZZUTO - Alcuni quantitativi di droga sono stati sequestrati da agenti della Squadra Mobile di Crotone e del Servizio Centrale Operativo, coadiuvati da personale del Reparto Prevenzione Crimine Calabria Cosenza, nonche' da due unita' cinofile di Vibo Valentia, nel corso di una serie di perquisizioni, locali e personali, effettuate nella provincia. All'interno di una pineta sita in localita' Sovereto del Comune di Isola di Capo Rizzuto (KR), alla base di due tronchi di albero poco distanti tra loro, sono stati rinvenuti un involucro di cellophane trasparente contenente sostanza stupefacente di tipo marijuana del peso lordo 297,7 grammi e un sacco di plastica di colore nero contenete analoga sostanza del peso lordo di 524,5 grammi.
A CROTONE, via Acquabona, dove e' ubicato il quartiere di origini Rom, sotto dei pannelli di eternit che ricoprivano tre abitazioni, c'erano un involucro di cellophane bianco contenente sostanza stupefacente del tipo cocaina del peso di 3,72 grammi; un involucro di cellophane nastrato contenente sostanza stupefacente del tipo marijuana del peso di 219,9 grammi; uninvolucro di cellophane nastrato contenente sostanza stupefacente del tipo marijuana del peso di 236,1 grammi; un involucro di mannitolo; 2 confezioni integre di mannitolo; 2 bilancini elettronici di precisione nuovi marca "D&D"; un bilancino elettronico di precisione di colore nero intriso di sostanza stupefacente del tipo cocaina. All'interno di un foro presente all'esterno del muro di una delle abitazioni, sono stati recuperati 4 banconote del taglio di 50 euro palesemente contraffatte; un involucro di mannitolo. Tutto il materiale sequestrato, dopo gli accertamenti tossicologici di natura preliminare svolti dal personale del locale Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica, e' stato sottoposto a sequestro.

Pubblicato in Cronaca

riot village«Siamo giunti alla XII edizione di Riot Village – Campeggio Studentesco (23 luglio – 6 agosto), organizzato dalla Rete della Conoscenza. Quest’anno si tiene ad Another beach project, dell’Arci Crotone, a Isola di Capo Rizzuto». Lo scrive Giacomo Cossu, coordinatore nazionale Rete della Conoscenza. «Abbiamo deciso di cambiare località – prosegue Cossu – dopo tanti anni di edizioni svolte in Salento, meta popolare tra i giovani, per scommettere sulla partecipazione giovanile e sulla valorizzazione di un paradiso poco conosciuto. Another beach project, infatti, è un campeggio costruito e gestito dai giovani dell’Arci Crotone, una comunità straordinaria che protegge il terreno dalla speculazione edilizia diffusa nella costa. Insieme a loro vogliamo dimostrare che è possibile realizzare un modello di turismo sostenibile a partire dal basso, in un territorio segnato dalla povertà e dall’emarginazione. Tra i gigli di mare attentamente custoditi dai campeggiatori, si incontrano ragazze e ragazzi di tutta Italia, per scambiare idee, condividere strategie politiche, rilanciare l’impegno a superare questa fase politica dominata dalla paura e dalla solitudine. Portare in un Comune sciolto per mafia il nostro campeggio studentesco, gestito da uomini e donne che da anni combattono in questo territorio in prima linea contro la criminalità organizzata, è per noi un onore. Inoltre la sinergia e il clima costruttivo che si è instaurato nel campeggio tra Arci e Rete della Conoscenza è per noi motivo di grande entusiasmo: il campeggio é attraversato da discussioni sui diritti degli studenti, il contrasto al razzismo, la mobilitazione autunnale, insieme a musica, divertimento e cultura. Per la prima volta ci troviamo in una struttura che possiamo sentire casa nostra, a differenza delle strutture turistiche commerciali che abbiamo incontrato in passato. Questa edizione è segnata anche da due importanti eventi, ovvero i congressi delle organizzazioni Unione degli Studenti e Link Coordinamento Universitario, che rinnoveranno i gruppi dirigenti per i prossimi due anni, interrogandosi profondamente su quale sia il ruolo di studenti e studentesse nelle scuole e nelle università, nella prospettiva di contribuire ad un cambio di direzione della fase politica che viviamo. Il 3 agosto si terrà uno dei momenti più importanti: il laboratorio sul mutualismo con la partecipazione della presidente Arci Francesca Chiavacci e tanti militanti del territorio. Vogliamo condividere l’importanza della piattaforma MuSA come strumento per avviare percorsi mutualistici sui territori, confrontando idee e mettendo a sistema le esperienze provenienti da tutto il Paese per l’accesso all’Istruzione, alla cultura e per il contrasto al razzismo dilagante. Tra i gigli di mare sta nascendo una grande collaborazione tra le nostre organizzazioni, una scommessa sul nostro futuro».

 

 

 

Pubblicato in Attualita'

sovereto migranti sbarco rete conoscenza«Cinquantaquattro migranti kurdi e siriani – scrive in una nota la Rete della conoscenza e Arci Crotone – sono sbarcati ieri mattina a bordo di un velerio sulla costa di Sovereto a poche centinaia di metri dal "Sovereto Camping" gestito dal circolo Arci "Ubi Maior" Another Beach Project che in questi giorni ospita il campeggio studentesco più grande d'Italia: il Riot Village della Rete della Conoscenza. “La risposta dei bagnanti, dei turisti e delle persone che erano presenti è stata di una generosità commovente – dichiara Francesco Perri, presidente provinciale dell'Arci Crotone –. Ormai da 3 anni a Sovereto organizziamo la stagione estiva dell'Another Beach Project basata sulla cultura, l'integrazione e l'accoglienza. Ci ha commosso vedere come nel nostro territorio, a dispetto di tutto l'odio che dilaga sui social, sia ancora forte l'ospitalità e l'accoglienza che ci ha sempre contraddistinto. Come Arci Crotone non possiamo che esserne felici, speriamo che al più presto sia assicurata loro un'accoglienza in grado di garantirli una vita degna, dal canto nostro continueremo la nostra azione politica di promozione di una società aperta e multiculturale". "Ogni giorno ci raccontano che il diverso è qualcuno di cui avere paura, qualcuno da respingere, mentre sui social e non solo la violenza cresce sempre più - dichiara Giacomo Cossu, coordinatore nazionale della Rete della Conoscenza –. Intanto il governo con la complicità dell'Europa gioca sulla vita di migliaia di persone che muoiono nel Mediterraneo chiudendo i porti e costringendo uomini, donne e bambini a un'odissea senza fine. Come stamattina a Sovereto continuiamo a praticare solidarietà, ad abbattere i confini, ad aprire le scuole e le città, rivendicando libertà di movimento per tutti. Nei prossimi giorni di campeggio con dibattiti e iniziative affronteremo la tematica delle migrazioni e della giustizia sociale, per capire come a partire da scuole e università si possa praticare non solo accoglienza, ma miglioramento concreto delle condizioni materiali per tante e tanti migranti", conclude la nota».

Pubblicato in In primo piano
Pagina 2 di 3