fbpx
Giovedì, 20 Gennaio 2022

CULTURA E SPETTACOLI NEWS

Sarà stata la lunga assenza dell’orchestra “Orfeo Stillo” da Crotone, o la voglia di riprendere una vita normale, ma non avevamo mai vista la Chiesa dell’Immacolata così gremita durante un concerto.

Pubblicato in Cultura e spettacoli

Ha emozionato e meravigliato il pubblico lo spettacolo “Dante Sommo Poeta” della compagnia di danza “Astra Roma Ballet” di Diana Ferrara, presentato al teatro Apollo nella serata del 27 ottobre, che costituisce il primo evento di una straordinaria Stagione concertista “L’Hera della Magna Grecia” curata dell’Associazione Beethoven di Crotone - Acam.

Pubblicato in Cultura e spettacoli

Nell’auditorium del Liceo musicale “Orfeo Stillo” di Crotone, giorno 15 febbraio, alle ore 18:30, si è svolto il concerto del duo Erminia De Meo (violoncello) e Michelangelo Carbonara (pianoforte) inserito nel programma della stagione concertistica 2020 “L’Hera della Magna Grecia – II Edizione” della società Beethoven, guidata dal maestro Fernando Romano, con la direzione artistica di Mariarosa Romano.

Pubblicato in Cultura e spettacoli

«Continuano gli appuntamenti – informa Mariarosa Romano – della Società Beethoven Acam di Crotone con la stagione concertistica “L’Hera della Magna Grecia” III Edizione».

Pubblicato in Cultura e spettacoli

Esibizione di pregio sulle ali de “La gazza ladra” al teatro Apollo di Crotone, giorno 07 novembre. La compagnia Astra Roma Ballet, guidata da Diana Ferrara, celebre étoile, ha messo in scena l’opera di Giochino Rossini, realizzando una performance briosa, caratterizzata dall’eleganza degli stilemi classici, ma vivacizzata da incursioni decisamente “moderne”. Sin dall’inizio si possono ammirare gli effetti digitali che corredano lo spettacolo in perfetta sincronia con le evoluzioni artistiche dei giovanissimi ballerini: un’autentica fantasmagoria di suoni, piroette e luci veramente inebriante.

La gazza ladra, interpretata da una promettente Giorgia Montepaone, si è mossa sul palco con simpatica irriverenza e verve immedesimandosi con credibilità nel personaggio rossiniano. Da segnalare Giada Primiano, nei panni di Ninetta: riesce a conferire drammaticità e spessore al proprio ruolo di vittima innocente pronta al sacrificio per amore dei propri cari senza scadere nel patetismo. Molto convincenti anche gli altri interpreti: Manuel Carbone (Giannetto); Elio Zingarelli (Podestà); Fausto Paparozzi (Padre di Giannetto); Simona Natilla (Madre Giannetto); Kevin Arduini (Padre di Ninetta); Alessandro Scavello (Pippo). Il pubblico presente in sala ha apprezzato l’impegno della compagnia, dando prova del proprio gradimento con applausi scroscianti a scena aperta ripetuti in più occasioni.

La serata, inserita nel programma della stagione concertistica “L’Hera della Magna Grecia – II Edizione”, è stata organizzata in maniera molto accurata dalla società Beethoven, guidata dal maestro Fernando Romano, con la direzione artistica della prof.ssa Mariarosa Romano. Prossimamente si terranno altre occasioni artistiche di rilievo a cura degli stessi organizzatori. È stato possibile scambiare qualche riflessione con il maestro Romano ed è emerso quanto sia difficile allestire spettacoli di una certa importanza e contenuto artistico a Crotone, a causa di molteplici fattori; ma l’amore per la città illumina gli occhi dei nostri interlocutori e impone loro di perseverare nella direzione intrapresa, per continuare a proporre arte e bellezza a quanti sappiano viverne l’imprescindibilità. 

Fa ben sperare l’incontro tra giovanissimi e il mondo della danza fortemente auspicato dalla DS della IC “Vitttorio Alfieri” di Crotone, dott.ssa Antonella Romeo, che in due giornate consecutive ha reso possibile per i propri studenti un approccio più immediato a una forma d’arte molto raffinata. In particolare nella mattinata dell’8 novembre, una rappresentanza cospicua della scuola media in questione ha potuto assistere prima ad un’esibizione della scuola di danza “Isabella Perrone” di Crotone e successivamente a un’entusiasmante performance dell’Astra Roma Ballet. In tale occasione, la ds Romeo ha sottolineato quanto sia importante educare i giovani alla sensibilità, all’empatia e all’armonia attraverso il suggestivo potere dell’arte. A giudicare dai sorrisi dei ragazzi e dai loro occhi incantati, è stata un’esperienza certamente costruttiva che non dimenticheranno.    

Pubblicato in Cultura e spettacoli

Tornano gli appuntamenti del cartello della Stagione concertistica “L’Hera della Magna Grecia” a cura della Società Beethoven Acam e torna con “Generazioni a confronto” di e con Daniele Parisi. Questa sera (giovedì 29 novembre), alle ore 21, presso il Teatro Apollo di Crotone. Daniele Parisi voce Narrante; Vincenzo Cipriani pianoforte e con l’Orchestra d’archi “Orfeo Stillo” diretta dal Maestro Fernando Romano.

daniele parisiDaniele Parisi. Ragazzino timido e introverso, sin dalla tenera età gridava in faccia a tutti gli sconosciuti fino a perdere i sensi. Asmatico e allergico ai raggi ultra violetti (così dissero nel 1987), spesso in classe portava gli occhiali da sole: per questo motivo veniva deriso. Un talento l’aveva: leggeva una pagina e la imparava subito a memoria. Sua zia era convinta che fosse posseduto dal demonio. A 9 anni, insieme ad un suo compagno di classe, gira un film amatoriale con la telecamera di suo padre dal titolo Highlander 4. Nel Cast c’era anche sua sorella: moriva in tutte le scene. Comincia il teatro al liceo, si laurea e poi si diploma in recitazione all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio d’Amico. Fa lo scritturato e cade in depressione. Sogna di perdere i denti. Per non diventare pazzo comincia a scrivere sulla scena realizzando i suoi spettacoli.
Quando va fuori dice di essere romano, anche se dentro sa di essere cresciuto tra Ciampino e Albano Laziale. Conta di morire non prima dei 70 anni, salvo complicazioni.”
Si diploma come attore nel 2008 all‘Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico”.
Ancora allievo, nel 2009, interpreta il ruolo di Romeo nello spettacolo di Giovanni Greco “Street Romeo and Juliet” che debutta al Festival Strabenkinder di Berlino.
In teatro lavora con: Antonio Calenda, Lorenzo Salveti, Lilo Baur, Romeo Castellucci (Societas Raffaello Sanzio), Massimo Chiesa (TKC), Vincenzo Manna (Cassepipe).
Debutta al Cinema nel 2016 come protagonista nel film “Orecchie” di Alessandro Aronadio (Festival del Cinema di Venezia73, sezione “Biennale College”). Al Cinema lavora con: Matteo Botrugno e Daniele Coluccini (Il Contagio – 2017 Festival del Cinema di Venezia74, sezione “Giornate degli Autori”); Gianni Zanasi (Troppa Grazia – 2018); Duccio Chiarini (L’Ospite – 2018)
In tv lavora con Mattia Torre (La Linea Verticale – 2017), Michele Alhaique (Mario Francese – 2017), Eros Puglielli (Il bello delle donne – alcuni anni dopo – 2016), Renato De Maria (Il segreto dell’Acqua 2011), Stefano Vicario (Bruno e i suoi – 2009). Dal 2011 approfondisce la sua personale ricerca teatrale attraverso la scrittura di scena realizzando gli spettacoli: Abbasso Daniele Parisi(2011) ; Ab hoc et ab hac (2013); Inviloop (2015); La vita è una beffa (2016); Euhoè! (2018).
Nel 2016 vince il Premio NuovoImaie Talent Award come Miglior Attore Italiano Esordiente al Festival del Cinema – Venezia73.
Nel 2017 vince il Premio come Miglior Attore al Monte-Carlo Film Festival de la Comédie.

 

 

 

 

Pubblicato in Cultura e spettacoli
Pagina 1 di 2